Suggerimenti

Compatibilità tra le colture

Saper associare le colture per ottenere maggiori benefici in questioni come un migliore utilizzo dei nutrienti dalla terra, una maggiore produttività delle colture o una minore incidenza di parassiti e malattie è una pratica molto diffusa e necessaria all’interno dell’agricoltura ecologica o biologica .

Questa associazione colturale consiste nel coltivare due o più tipi diversi di ortaggi sullo stesso terrazzo per raggiungere obiettivi molto importanti come:

  • Buona copertura del terreno, evitando erosione e compattazione. Inoltre, viene impedita la crescita di piante spontanee o avventizie.
  • Creazione di una diversità vegetale più varia, evitando così le monocolture e le loro carenze.
  • Favoriamo i rapporti di scambio reciproco tra le diverse specie, poiché alcune piante fungono da difesa contro i parassiti che attaccano altre piante, o ne migliorano le caratteristiche organolettiche, ecc.
  • I fabbisogni idrici, di temperatura o le tecniche di coltivazione sono simili.
  • Acquisiscono diversi tipi di nutrienti dal terreno, quindi non c’è una grande competizione per questi.
  • Hanno bisogno di spazi e altezze diverse per crescere, quindi vengono utilizzati di più e hanno più spazio per il loro sviluppo. Inoltre, sfruttando le diverse altezze che le piante possono offrire può servire, ad esempio, per offrire semiombra alle colture che non necessitano di tante ore di sole e proteggerle un po’ da esso.
  • Combina specie con radici poco profonde con specie con radici profonde e specie con fogliame abbondante con altre con meno fogliame.
  • Con un ciclo produttivo di diverse lunghezze per poter coltivare ortaggi a crescita rapida con altri a sviluppo più lento. È così che introduciamo le rotazioni all’interno di questo sistema: con una raccolta principale (ciclo lungo) e altre secondarie (ciclo breve).

Per quanto riguarda le rotazioni colturali , si tratta di una pratica che consiste nel coltivare piante diverse sullo stesso aiuola ogni anno, queste piante avranno esigenze diverse ed evitando così l’esaurimento della fertilità del suolo e sfruttandone maggiormente le risorse.

Ogni specie vegetale ha una propria composizione chimica costante che richiede un certo assorbimento di elementi minerali. Per questo motivo, quando la stessa specie viene coltivata per più anni, il raccolto diminuisce man mano che le sostanze necessarie alla pianta si esauriscono mentre si accumulano altre sostanze di cui le piante non hanno bisogno o di cui hanno bisogno in pochissima quantità.

Tutto ciò comporta profonde modificazioni delle caratteristiche chimiche del suolo, del pH, della struttura, della microflora e di molti altri aspetti che solitamente vanno a danneggiare le piante, producendo una diminuzione della loro produttività.

Un esempio di rotazione delle colture potrebbe essere:

  • Primo anno: coltivazione di semi, radici e ortaggi a foglia
  • Secondo anno: patate, cipolle, carote
  • Terzo anno: seme, foglia, frutto e ortaggi a radice
  • Quarto anno: cucurbitacee
  • Quinto anno: sovescio

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.