Suggerimenti

Epiphyllum oxypetalum: cura

L’ Epiphyllum exypetalum è un cactus epifita di impressionante bellezza che ci regala fiori di impareggiabile vistosità e profumo per vestire le notti nel nostro giardino. Nonostante il suo aspetto sorprendente, è una pianta molto semplice da curare e se si conoscono le sue esigenze, anche i giardinieri con meno tempo possono godersela.

Se vuoi saperne di più sul cactus Epiphyllum oxypetalum e sulla sua cura, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde.

Caratteristiche della pianta Epiphyllum oxypetalum

Il nome comune di Epiphyllum oxypetalum è fiore kadupul, anche se è conosciuto anche con molti altri nomi come regina della notte, cactus della pipa dell’olandese, notte galante, Brahma Kamalam in India o anche signora della notte, anche se in quest’ultimo caso non va confuso con il Cestrum nocturnum, arbusto di un’altra famiglia che riceve anche quel nome per la capacità che condivide con il nostro cactus: quella di fiorire di notte.

L’Epiphyllum xypetalum è una pianta che vive allo stato selvatico in quasi tutta l’America tropicale, sebbene sia minacciata in Guatemala. Raggiunge altezze fino a 3 metri, anche se solo quando può crescere su qualche altra pianta o supporto. Data la sua natura epifita, quando non ce l’ha, il suo portamento è strisciante.

Le sue foglie, di un colore verde vivo e brillante, sono segmenti davvero piatti larghi circa 10 cm, ma la cosa più attraente di questo cactus sono i suoi grandi fiori bianchi, fino a 25 cm di diametro. E quando fiorisce l’Epiphyllum oxypetalum? Sempre di notte, chiudendo appena arrivano i primi raggi di sole. Una volta impollinati, formano un frutto rosso. Anche i fiori sono molto profumati, con un aroma gradevole e unico.

Scopri di più sulle piante epifite: cosa sono, tipi ed esempi in questo altro articolo di EcologíaVerde che ti consigliamo.

Posizione di Epiphyllum oxypetalum

Il fiore di kadupul ha bisogno di luoghi all’aperto, poiché richiede quanta più luce possibile. Può crescere alla luce diretta del sole se non è troppo intensa, ma si comporta molto bene anche in mezz’ombra. A seconda del clima locale, sarà preferibile scegliere l’uno o l’altro.

Può crescere molto bene sia in vaso che nello stesso terreno, anche se bisogna tenere conto di un dettaglio: i parassiti. Questa pianta è particolarmente attraente per le lumache e altri molluschi, quindi se questi voraci predatori compaiono nel tuo giardino o nella tua zona, faresti meglio a piantare il tuo fiore di kadupul in un vaso, più protetto da loro.

Vi lasciamo quest’altro articolo su Come eliminare lumache e lumache in modo naturale che può esservi d’aiuto.

Clima per Epiphyllum oxypetalum

Come quasi tutte le piante di origine tropicale, il fiore di kadupul non tollera bene il gelo. Ha bisogno di temperature relativamente calde. Se hai già il tuo Epiphyllum e l’inverno si avvicina, puoi trapiantarlo in un vaso con supporto e proteggerlo in una stanza illuminata durante i mesi freddi, cercando di metterlo in una stanza il più luminosa possibile, ma lontano da finestre e bozze.

Un’altra ottima opzione, quando non c’è altra scelta che proteggerlo all’interno, è ricorrere a lampade per piante. Attualmente esistono modelli LED a bassissimo costo e consumo, ideali per questi casi.

Dai un’occhiata a questo altro articolo sull’illuminazione ecologica a LED per prenderti cura dell’ambiente che potrebbe interessarti anche.

Epiphyllum oxypetalum irrigazione

La pianta non è particolarmente esigente in termini di irrigazione:

  • Nei mesi caldi: saranno sufficienti da una a due annaffiature settimanali, soprattutto nei periodi di siccità.
  • Nei mesi freddi: conviene distanziare le irrigazioni ad una ogni dieci giorni o quindicinale, quando lo strato superiore della terra si è asciugato.

Terreno per Epiphyllum oxypetalum

Essendo una pianta epifita, la cosa più importante del terreno è che sia un impasto leggero e, soprattutto, con un buon drenaggio. In una pentola, mescolando in parti uguali fibra di cocco, torba e humus di vermi, si otterrà un substrato ricco e leggero, particolarmente adatto se si aggiungono perlite e vermiculite.

Nel terreno sarà sufficiente trovare una zona con il miglior drenaggio possibile e aggiungere al terreno dell’humus di lombrico per fornirgli nutrienti e microrganismi benefici.

Scopri di più sulla fibra di cocco per le piante: proprietà e come prepararla o come fare l’humus di lombrico in questi altri articoli di EcologíaVerde che ti consigliamo.

Fertilizzante per Epiphyllum oxypetalum

Non appena la temperatura supera i 15 ºC, cosa che normalmente avverrà in primavera, è molto conveniente fornire all’Epiphyllum un concime specifico per cactus. Se si fa dall’arrivo del caldo fino alla fine dell’estate, si favorirà molto di più lo sviluppo e la fioritura della pianta.

Qui puoi trovare maggiori informazioni su Come nutrire le piante con letame e fertilizzanti.

moltiplicazione e potatura

La potatura non è necessaria in Epiphyllum oxypetalum, ma è sufficiente rimuovere regolarmente quelle foglie e fiori che sono in cattive condizioni in modo che la pianta non sprechi energia su di essi.

La sua moltiplicazione per talea è molto semplice e veloce. Basta rimuovere uno stelo dalla pianta con forbici affilate e disinfettate e lasciarlo asciugare in penombra per una settimana. Trascorso questo tempo, la talea può essere piantata in un vasetto con un substrato adatto, fornendogli l’ormone radicante se vogliamo massimizzare le sue possibilità di successo. Infine, basta annaffiare spesso ma sempre senza allagamenti e, in circa due settimane, se tutto è andato bene, la talea avrà messo radici.

Se sei curioso della moltiplicazione per talea, non esitare a leggere questo altro post sulla moltiplicazione degli alberi da frutto per talea legnosa.

Se desideri leggere altri articoli simili a Epiphyllum oxypetalum: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.