Suggerimenti

Agrifoglio: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

L’Ilex aquifolium è un albero solitamente utilizzato come pianta ornamentale per le sue foglie spinose e i suoi frutti rossi. Il suo nome specifico “aquifolium” significa “foglie appuntite” o “foglie spinose”.

Fin dall’antichità l’ agrifoglio è stato al centro di leggende, miti e credenze popolari di molti popoli europei.

Per molti rimane un albero sacro, custode della saggezza, protettore spirituale e simbolo di unione familiare. Il suo legno è molto apprezzato per essere duro, omogeneo, con anelli poco differenziati e di colore bianco crema.

È utilizzato nell’ebanisteria, nell’intarsio, nei tavoli da gioco, tra le altre applicazioni. L’ agrifoglio è utilizzato anche per scopi medicinali . Ad esempio, le sue foglie cotte venivano utilizzate per combattere malattie come reumatismi, gotta, atonia intestinale, oltre che per migliorare i sintomi di febbre e diarrea.

Punti importanti quando si pianta un agrifoglio:
  • Nome scientifico: Ilex aquifolium.
  • Nome comune: Holly, cardón, grévol, hollyhock, grevulera, gorrostía, agrifolio, aquifolio, cardonera.
  • Altezza: da 2 a 10 metri.
  • Necessità di luce: mezz’ombra.
  • Temperatura: Temperata.
  • Irrigazione: regolare.
  • Fertilizzante: Fertilizzante a pH acido.

Quali sono le caratteristiche dell’agrifoglio?

L’ agrifoglio è un arbusto, di medie dimensioni, dioico, a foglia perenne , solitamente misura dai 6 ai 10 metri di altezza, ma può crescere fino a circa 16 metri. Il suo tronco è diritto, con corteccia liscia.

È di forma piramidale, una chioma ramificata con fitta chioma dalla base. Le sue foglie sono semplici, picciolate e con margini spinosi, verde scuro in gioventù e grigiastre negli anni maturi. Sono lunghi da 3 a 10 centimetri e larghi da 2 a 5 centimetri.

L’ agrifoglio fiorisce dai 4 anni in poi, nei mesi di aprile, maggio e giugno, con la prima fioritura delle foglie. I suoi fiori sono poco appariscenti, bianchi o rosati e aromatici. Misurano tra 5 e 6 millimetri di diametro.

I suoi frutti sono bacche poco carnose, di colore rosso scarlatto o giallo, che maturano in autunno e in inverno. Possono misurare tra 7 e 10 millimetri di diametro e produrre da 3 a 5 semi all’interno. Solo gli esemplari femminili hanno frutti abbondanti che vengono utilizzati come addobbi natalizi.

Quando seminare l’agrifoglio?

Si consiglia di seminare l’ agrifoglio durante la primavera , sia per seme che per talea. Bisogna fare attenzione con il clima freddo e irregolare, perché piantare in zone con gelate tardive primaverili potrebbe causare gemme e fiori danneggiati.

Dove piantare l’agrifoglio?

L’ Agrifoglio si riproduce meglio nei climi temperati, inverni umidi ed estati relativamente fresche.

Si consiglia di coltivarlo in aree con circa 600 millimetri di precipitazioni all’anno. Necessita di suoli freschi e protetti e non tollera siccità prolungate.

In luoghi più caldi cresce in piena luce. Tuttavia, in condizioni di freddo o siccità, può anche crescere all’ombra o all’ombra parziale.

Come preparare il terreno?

Si consiglia di piantare l’ agrifoglio in terreni profondi, fertili e ben drenati. Sebbene possa crescere in un’ampia varietà di substrati, preferisce i terreni acidi o ammorbiditi, con umidità, permeabilità e un pH di 6.

Per preparare il terreno, il terreno può essere concimato con una miscela organica di fosforo e potassio. Allo stesso modo è possibile aumentare il pH del terreno con carbonato di calcio, carbonato di magnesio e solfato di calcio o gesso.

Come innaffiamo l’agrifoglio?

L’ agrifoglio non è molto resistente alle estati secche e calde. In effetti, non supporta allagamenti o allagamenti. Tuttavia, a questa situazione si può rimediare con l’irrigazione estiva .

L’agrifoglio viene generalmente annaffiato con una pompa a pressione nelle piantagioni. Negli spazi più piccoli, l’irrigazione può essere effettuata tramite un sistema di tubi o con irrigazione a goccia.

Quante volte annaffiamo l’agrifoglio?

L’ agrifoglio necessita di una dose di 25 millimetri di acqua a settimana durante la fase di crescita, sia che provenga dalla pioggia che dall’irrigazione. Dovrebbe essere annaffiato durante la tarda primavera e l’inizio dell’estate per favorire la crescita annuale.

L’irrigazione durante la fine dell’estate, nei mesi di agosto e settembre, consente il condizionamento per il periodo di dormienza.

Allo stesso modo, l’irrigazione durante i mesi di ottobre e novembre è altrettanto importante in quanto dà all’agrifoglio l’umidità necessaria per il prossimo inverno .

Come seminare un agrifoglio passo dopo passo?

Il modo in cui si diffonde l’ agrifoglio è principalmente per zoócora, cioè per mezzo di specie animali . Tuttavia, può anche essere coltivato da seme.

Il seme di agrifoglio presenta una germinazione molto irregolare a causa della dormienza del seme e della sua dipendenza da fattori come il clima, l’esposizione al sole, il suolo, la topografia, tra gli altri.

Tuttavia, per seminare l’agrifoglio per seme, è necessario eseguire il processo di stratificazione. I passaggi sono condivisi di seguito.

  1. Metti i semi di agrifoglio in un contenitore di sabbia profondo 5 centimetri.
  2. Lascia riposare i semi in frigorifero o in un luogo lontano dall’esposizione al sole per un anno.
  3. Trapianta i semi in un altro contenitore, con terriccio da giardino, durante la primavera.
  4. Quando la piantina si è sviluppata abbastanza, scava una buca, due o tre volte più grande della radice.
  5. Metti l’ agrifoglio nella buca, coprilo di terra e annaffialo bene in modo che il terreno si compatta.
  6. Distribuisci da 2 a 3 pollici di pacciame naturale attorno all’agrifoglio per trattenere l’umidità e controllare le erbacce.

Di che cure ha bisogno Holly?

L’ agrifoglio è un albero che richiede più attenzione. Basta fare attenzione che il supporto riceva la giusta umidità, senza eccessi, ma senza scarsità.

D’altra parte, è importante che l’ agrifoglio sia piantato in aree protette dai forti venti secchi. Ciò impedirà il danno da defogliazione e l’eccessiva essiccazione del fogliame.

La potatura annuale è necessaria per permettere il buon sviluppo dell’agrifoglio . Anche la sanificazione annuale degli alberi tagliando rami malati, danneggiati o morti può essere utile . Queste misurazioni dovrebbero essere effettuate durante la primavera.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’agrifoglio?

Tra i parassiti e le malattie che danneggiano l’ agrifoglio ci sono: il minatore delle foglie, i bruchi, gli acari, le squame, l’ antracnosi , il fungo dell’oidio, tra gli altri.

Riferimenti

  • https://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwiDoL6Q8KvvAhVHGs0KHVEFBWgQFjABegQIAhAD&url=httpsacSHpdf%3Acarga.es
  • http://www.jolube.es/habitat_espana/documentos/9380.pdf
  • https://www.forestales.net/Canales/Ficha.aspx?IdMenu=b6947309-987f-4bff-808d-4e7e974ccaf8&Cod=5dbb4e76-e868-4bdb-8436-b23ff7360219&Idioma=es-ES
  • https://www.wikiwand.com/en/Ilex_aquifolium
  • http://oa.upm.es/1430/1/MARIA_DOLORES_GARCIA_GONZALEZ.pdf
  • http://portaljardin.com/el-acebo/
  • https://naturnova.afundacion.org/portal/wp-content/uploads/2017/12/Semillas-castellano.pdf
  • https://deagronomia.com/cultivos/como-cultivar-acebo/

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *