Suggerimenti

Abelia Floribunda: [Coltivazione, substrato, cura, irrigazione e caratteristiche]

L’ abelia floribunda è una di quelle specie da giardino ideali per abbellire il luogo .

Ha foglie verde scuro, i suoi fiori sono di colore rosa a forma tubolare e per dimensioni è capace di raggiungere anche i tre metri di altezza.

Come molte specie, vedremo il suo massimo splendore tra la tarda primavera e la metà dell’autunno.

E sì, non ha bisogno di tante cure, anche se perché sia ​​perfetto è meglio essere ben informati su tutto ciò che lo favorisce ed è quello che ti racconteremo in Sembrar100.

Puoi venire con noi?

Punti importanti durante la semina di Abelia Floribunda
  • Quando? In primavera .
  • Dove? In pieno sole, al riparo dai venti.
  • Come prepariamo il terreno? Adattandosi ad un pH acido e con un buon drenaggio.
  • Come dovremmo annaffiare? Con acqua piovana o riposando per una notte.
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? 3 volte a settimana in estate e una volta a settimana in inverno.
  • Quali parassiti e malattie ha? Muffa polverosa .

Caratteristiche dell’abelia floribunda

Le piante del genere Abelia possono essere arbusti decidui , perenni o piccoli alberi, con foglie verde scuro e fiori a forma di imbuto o trombetta in estate e autunno. Sono estremamente attraenti per le api.

Abelia floribunda è un arbusto semi-sempreverde o perenne con foglie scure lucide e grappoli contrastanti di fiori tubolari rosa brillante all’inizio dell’estate.

È resistente fino a -10°C e può quindi resistere agli inverni delle regioni costiere e più temperate della Gran Bretagna, ma può necessitare di protezione negli inverni rigidi, o se coltivata più nell’entroterra o al nord.

Per ottenere i migliori risultati, dovrebbe essere seminato in un terreno ben drenato e in un luogo riparato. Abelia floribunda si presta bene ad essere coltivata in un grande contenitore, che in autunno può essere spostato al chiuso .

Quando seminare l’abelia floribunda?

Il periodo che le migliori condizioni offrono per la semina, e per garantire un buon ambiente di sviluppo, è la primavera .

Dove piantare l’abelia floribunda?

La posizione dell’abelia floribunda non sarà un problema molto complesso perché sta bene alla luce diretta del sole per tutto il giorno.

Tuttavia, ha un’esigenza particolare ed è in termini di vento, che non dovrebbe colpirlo direttamente , soprattutto quando fa freddo.

Come preparare il terreno?

E’ una specie che se la cava bene con suoli un po’ acidi , ma con una buona capacità drenante.

Ma la cosa migliore è che non solo è in grado di vivere direttamente in giardino, ma può anche essere collocato in vaso.

Se è necessario migliorare le caratteristiche di drenaggio, si può incorporare un po’ di sabbia e mescolare.

Come innaffiamo l’abelia floribunda?

L’irrigazione è uno dei requisiti più determinanti di questa specie, poiché andrà meglio quando sarà fatta con acqua piovana.

Poiché è logico che ci siano momenti in cui non sarà possibile accedervi, l’uso dell’acqua corrente a riposo (almeno per una notte) è l’ideale.

Quanto spesso annaffiamo?

Le innaffiature devono essere frequenti poiché è una pianta che non tollera la siccità.

In estate queste non dovrebbero essere inferiori a tre volte a settimana , mentre in inverno possono scendere a una volta a settimana.

Come seminare l’abelia floribunda passo dopo passo?

La semina dell’abelia floribunda può essere effettuata mediante due procedimenti: la margotta aerea e le talee .

Vediamo il passo dopo passo di ognuno.

Semina per stratificazione aerea

  1. Gli strati saranno formati da un pezzo di corteccia di una pianta adulta. Il taglio deve essere netto e la misura della circonferenza è di circa 1 centimetro.
  2. Con l’aiuto degli ormoni radicanti, inumidisce la parte interna della corteccia per aiutarla a produrre radici per la formazione di un nuovo esemplare.
  3. Preparare una specie di contenitore con un sacchetto di plastica che conterrà un substrato universale umido. Qui è importante tagliare il fondo della borsa e poi fissarla con uno spago per assicurarne la ventilazione.
  4. Attacca il gomito e chiudi l’estremità superiore con un altro pezzo di spago.
  5. Attendi circa due mesi affinché crescano nuove radici, quindi trapianta in un vaso.

Semina per talea

  1. Prendi un taglio lungo almeno 12 pollici. Questo deve avere una struttura semilegnosa, quindi è consigliabile farlo all’inizio della primavera, quando la pianta non è ancora così matura.
  2. Come per la stratificazione, è necessario disporre di un po’ di ormoni radicanti per permeare la base prima di seppellire nel vaso prescelto.
  3. Preparare il vaso con un substrato universale ben inumidito e interrare la talea fino a metà della sua altezza, circa.
  4. Posizionare il vaso in un luogo ventilato, preferibilmente all’aperto , ma all’ombra.

Questo metodo di semina è soggetto ad attacchi fungini. Per evitarli, è buona norma spargere zolfo in superficie.

In generale, il tempo necessario per generare le proprie radici è di un mese.

Di quali cure ha bisogno l’abelia floribunda?

  • Mantenere l’abelia floribunda con una buona nutrizione la aiuterà a essere più vigorosa ea produrre fiori migliori.
  • La cosa più consigliabile è scommettere su fertilizzanti organici naturali , come letame o compost .
  • Il momento per applicarlo sarà tra la primavera e l’ estate .
  • La potatura è importante per garantire che la pianta non soffra di grovigli tra i suoi rami . In questo modo riuscirete a sviluppare una buona fioritura nel prossimo periodo.
  • Questo dovrebbe essere fatto dopo che il processo di fioritura è terminato ed è necessario concentrarsi sull’eliminazione dei rami in cattive condizioni.
  • Poiché è normale che molti dei suoi rami si incurvino, è anche un buon piano per eliminare quelli che colpiscono il suolo.
  • La cosa più sicura è che questa potatura annuale genererà numerosi tagli, quindi bisogna garantire misure di sicurezza per evitare contaminazioni.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’abelia floribunda?

In generale, l’abelia floribunda è abbastanza resistente ai parassiti, anche se non alle malattie.

  1. La maggior parte dei funghi, batteri o virus che possono colpirlo penetrano attraverso le ferite che si generano dopo la potatura.
  2. Un chiaro esempio di ciò è l’ oidio , che produce uno strato bianco di consistenza cotonosa sulle foglie e che ne influenza i processi interni.
  3. La buona notizia è che ci sono molti trattamenti naturali da trattare come l’estratto di cola di cavallo . Tuttavia, la prevenzione è la cosa migliore.

Con tutti questi dati, potrai già goderti questa bellissima pianta nel tuo giardino.

E se teniamo conto che è in grado di resistere a basse temperature, fino a -3º C , le preoccupazioni riguardo a questo problema non saranno molte.

Quindi ora tocca a te tornare con i piedi per terra!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.