Suggerimenti

Guida per piantare un pesco: [Completo passo dopo passo]

Il pesco si caratterizza per essere un albero a crescita rapida . Quindi in pochi anni puoi mangiare i primi frutti.

A differenza di altri alberi, come l’ avocado o il ciliegio , non è necessario attendere tanti anni per il primo raccolto.

In questo articolo rispondiamo alle domande più comuni su come piantare il pesco.

Forse ti interessano anche:
  • La potatura del pesco.
  • Parassiti e malattie del pesco.
  • Come concimare un pesco.
  • Lebbra del pesco.

Come piantare un pesco?

Come vengono preparati i semi per la semina?

Avvolgi il seme in un tovagliolo di carta umido, mettilo in un sacchetto di plastica e sigillalo.

Conserva la bustina in frigorifero, mantieni umida la carta assorbente, la torba o la vermiculite e in due mesi i semi di pesca saranno pronti per essere piantati.

A che distanza piantiamo i peschi?

Se stai piantando alberi di dimensioni standard, lascia una distanza di 6-7 metri.

Tuttavia, la maggior parte dei tipi di pesche sono autofertili, quindi piantare solo un albero alla volta va bene. Non richiedono impollinazione.

Dove crescono meglio i peschi?

Sole, tipo di terreno e drenaggio. Gli alberi di pesco prosperano se coltivati ​​in un luogo che riceve pieno sole e ha un terreno fertile e ben drenato.

È ideale che il terreno non sia troppo compatto e prima di seminarli, dare un buon apporto di sostanza organica ( letame o foglie di altri alberi da frutto) e/o compost .

Posso far crescere un pesco da un seme?

Pianta i semi di pesca a 3-4 cm di profondità e poi copri con paglia o pacciame simile per svernare. Innaffia durante la semina e poi solo quando è asciutto.

Entro la primavera , se la pesca è stata buona, dovresti vedere un nuovo germoglio di pianta di pesco, che inizierà a crescere.

Cosa c’è in un seme di pesca?

I semi (noti anche come noccioli, noccioli o grani) di frutti con nocciolo come albicocche, ciliegie , prugne e pesche contengono un composto chiamato amigdalina , che si scompone in acido cianidrico quando ingerito.

E, sì, l’acido cianidrico è veleno .

Quanto tempo impiega un pesco a dare i suoi frutti?

Anni dopo la piantagione. Dopo aver piantato un pesco, i primi due anni sono trascorsi ad aumentare la vegetazione e la struttura dell’albero.

Le pesche crescono solo sui rami di un anno. Tuttavia, un albero di due anni di solito non è abbastanza grande per produrre e sostenere un raccolto standard.

Cosa succede se viene piantato un seme di pesca?

Pianta sempre diversi buchi, poiché alcuni non germoglieranno e non tutti quelli che faranno sopravviveranno al loro primo anno.

Nelle parti più calde della gamma di peschi, dovrai stratificare artificialmente i semi in un frigorifero.

In autunno , metti i fori lavati a secco in un sacchetto di plastica e coprili con acqua.

Di che tipo di fertilizzante hanno bisogno gli alberi di pesco?

Un buon fertilizzante per i peschi è quello che ha un equilibrio uniforme dei tre principali nutrienti, azoto , fosforo e potassio .

Per questo motivo un buon fertilizzante per il pesco è un fertilizzante 10-10-10 , ma è sufficiente qualsiasi fertilizzante bilanciato, come 12-12-12 o 20-20-20.

Come ti prendi cura del pesco?

  • Concimazione : non aggiungere fertilizzante alla buca di impianto o al terreno attorno a un pesco appena piantato.
  • Irrigazione : subito dopo la semina, versare acqua intorno all’albero; quindi annaffia a giorni alterni per le prossime settimane.

Ogni quanto va annaffiato?

In media, i peschi maturi richiedono almeno 100 cm di acqua all’anno.

Nella stagione di crescita estiva, i peschi nei climi temperati necessitano di irrigazione a goccia giornaliera o di un aumento dell’irrigazione ogni tre settimane.

Nella stagione calda, è sufficiente annaffiare ogni una o due settimane.

Consigliamo il sistema di irrigazione a goccia , perché in questo modo evitiamo il ristagno del terreno e facilitiamo il drenaggio nel terreno.

La raccolta delle pesche

Le pesche maturano dopo essere state raccolte?

Le pesche, come mele e pere, avocado e pomodori (tra gli altri frutti), possono maturare dopo essere state raccolte.

Hai bisogno di due peschi per impollinare?

La maggior parte delle albicocche, nettarine, pesche e ciliegie acide sono esempi tipici di alberi autoimpollinanti.

Richiedere un impollinatore – alberi che devono essere impollinati da un’altra varietà di alberi. La maggior parte delle mele, delle pere, delle prugne e delle ciliegie sono tipici esempi di questi tipi di alberi.

È necessario avere due alberi di pesco per produrre frutti?

Molti tipi di alberi da frutto, come mele e pere , necessitano di due diverse varietà che crescono vicine l’una all’altra per una corretta concimazione.

Le pesche sono autofertili, il che significa che un solo albero, con la presenza di insetti idonei, può autoimpollinarsi.

Quando potare il pesco?

 Per saperne di più: Come potare un pesco. 

I peschi producono frutti in una foresta di 1 anno, quindi possono essere potati abbastanza duramente.

Rimuovere circa il 40% dell’albero ogni anno, per favorire una nuova crescita dopo la potatura, in modo che ci siano rami fruttiferi ogni anno.

In generale: Eliminare i germogli più vecchi e grigi.

Qual è il momento migliore per potare i peschi?

Il pesco fiorirà poco dopo la potatura, quando il freddo è soddisfacente e il clima è caldo.

I coltivatori con pochi alberi possono aspettare che il bocciolo rosa sia pronto per la potatura.

I coltivatori con grandi raccolti non dovrebbero potare prima del necessario.

Come si pota un pesco?

Tutti i rami che tagli dovrebbero crescere con un angolo di 45 gradi. Potare l’albero a forma di V.

Taglia i rami che si incrociano, poiché bloccano la luce del sole. Rimuovi tutti i rami in cui sta crescendo una nuova crescita sopra la sua testa.

Posso potare il pesco in estate?

Potare i tuoi alberi di pesco in estate può renderli più facili da potare e mantenere piccoli.

Se vuoi tagliare le cime dei tuoi peschi, è più sicuro aspettare fino alla fine dell’inverno o subito dopo il raccolto in estate.

Di quali malattie e parassiti dovremmo essere consapevoli con il pesco?

Per approfondire dai un’occhiata a questo articolo: Malattie e Parassiti del pesco

Soprattutto dobbiamo stare attenti con la lebbra del pesco. In questo articolo possiamo approfondire questa terribile malattia che colpisce questo albero da frutto.

Mangiare le pesche è salutare?

La fibra contribuisce alla salute dell’apparato digerente, può aiutare a ridurre i livelli di colesterolo (che è anche una buona notizia per il tuo cuore) e ti aiuta a mantenerti sazi più a lungo dopo aver mangiato.

Le pesche sono tra i frutti più ricchi di potassio con circa 333 mg, ovvero il 10% del valore giornaliero consigliato, con una sola pesca grande.

Cosa fa una pesca per il tuo corpo?

La vitamina C antiossidante, se consumata nella sua forma naturale (in cibi integrali come le pesche) o applicata localmente, può ridurre le rughe, migliorare la struttura generale della pelle e aiutare a combattere i danni causati dal sole e dall’inquinamento.

Fanno bene alla pelle?

Dovrebbe essere un’ottima fonte di vitamina C, la pesca aiuta ad eliminare le occhiaie e le macchie. I suoi macronutrienti aiutano anche ad eliminare le rughe, e quindi la pesca è un ingrediente comune nelle maschere viso antietà. Stringe i pori della pelle e fa miracoli per la pelle stanca.

Vanno bene per dimagrire?

Le pesche sono a basso contenuto di calorie: un altro motivo per mangiare le pesche è che sono a basso contenuto di calorie. … Le pesche aiutano a stimolare il metabolismo:

Poiché le pesche contengono flavonoidi come le catechine, aiutano ad aumentare il metabolismo. Migliorare il metabolismo aiuta anche a bruciare calorie e quindi a perdere peso.

Quali sono i vantaggi di mangiare le pesche?

Una pesca media contiene anche il 2% o più del valore giornaliero di vitamine E e K, niacina, acido folico, ferro , colina, potassio, magnesio, fosforo, manganese, zinco e rame. Le pesche hanno poche calorie (100 g forniscono solo 39 calorie) e non contengono grassi saturi.

Ha molto zucchero?

Pesche: 13 grammi di zucchero per pesca media. Hanno più zucchero di altre bacche, ma sono ricche di sostanze nutritive.

Tieni presente che nonostante abbia un alto indice di zucchero, ha anche un alto contenuto di fibre. Il che porta alla riduzione dell’impatto metabolico sull’indice glicemico. Mangiare la frutta fa bene!

Questi articoli potrebbero interessarti

Pianta un melo

Pianta un avocado

Pianta un mango

Pianta un ulivo

Piantare un Ciliegio

Semina bambù

Pianta un mandorlo

Pianta un cactus

Pianta una papaya

Pianta un albero di pistacchio

Semina un alloro

Pianta un albero di kiwi

Pianta un pesco

Pianta Moringa

semina banana

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.