Suggerimenti

Differenze tra oidio e oidio: [Effetti, Propagazione e Trattamenti]

L’oidio e l’oidio sono due malattie fungicide, poiché entrambe sono prodotte da un gruppo di funghi fitopatogeni.

Questi si presentano nelle piante a causa delle condizioni ambientali, dell’acqua in eccesso e dell’umidità. Ecco le principali differenze tra l’oidio e l’oidio:

Differenze nel colore delle macchie

La differenza tra l’oidio e l’oidio è molto semplice, poiché la prima produce macchie bianche sulla superficie delle foglie e le macchie di muffa sono gialle sulla superficie e bianche sulla pagina inferiore.

Entrambi producono lo stesso danno alle piante .

Differenza di origine ed effetto sulle piante

L’oidio e l’oidio sono funghi che di solito si verificano in primavera , ma possono durare fino all’inizio dell’autunno . Si originano sulla superficie delle foglie, dei rami o dei frutti , producendo gradualmente necrosi (le foglie si seccano).

Inoltre, le foglie si deformano gradualmente fino a quando la pianta non si secca e muore.

Differenze sulle piante che possono influenzare

Entrambi i funghi possono colpire un’ampia varietà di piante da giardino come: begonie , crisantemi , garofani , rose , dalie.

Anche alle piante coltivabili, come le cucurbitacee ( melone , anguria , cetriolo , zucca ), alla vite , al pesco , al pomodoro , alla marijuana, alla patata , ecc.

Differenze nei trattamenti di oidio e oidio

L’ unico modo per combattere l’ oidio è attraverso la prevenzione, poiché in seguito diventa un parassita incontrollabile mentre l’oidio si combatte con lo zolfo .

Dopo una notte molto umida, bisognerebbe sempre applicare del solfato di rame per evitare che appaiano.

Si possono applicare anche infusi fogliari, decotti, fermentazioni di equiseto , camomilla , ortica e sambuco.

Differenze nel comportamento di questi funghi

L’oidio è il nome di una malattia delle piante e del fungo parassita che la produce. È un fungo esterno ben diagnosticato. È molto tipico nelle cucurbitacee .

Le spore del fungo sono trasportate dal vento e cadono sulle foglie. Vi germinano e introducono delle radichette per assorbire le sostanze nutritive.

Predilige primavere molto umide (intorno al 70-80%) e temperature miti. Scompare in piena estate , ogni volta che il termometro supera i 35 °C, per riemergere in autunno. Non vogliono acqua liquida per il loro sviluppo, ma vogliono umidità. Sono sparsi dal vento.

Mentre la muffa è una malattia che colpisce alcune piante. È un parassita che si sviluppa all’interno delle foglie, sui fusti e sui frutti. Le temperature ottimali per lo sviluppo di questa malattia dovrebbero essere superiori a 12 ° C.

Questa malattia è una delle migliori e più conosciute dai viticoltori di tutto il mondo per i gravi e spettacolari danni che produce se le condizioni climatiche sono favorevoli, e può attaccare tutti gli organi verdi della vite .

Differenze visive tra oidio e oidio

Si potrebbe dire quindi che una delle principali differenze è il tipo di macchie che producono.

Quando si tratta di oidio , sono simili alla polvere, mentre si parla di oidio sono simili al cotone nella parte inferiore e oleose nella parte superiore.

Maggiori dettagli sulle differenze tra oidio e oidio

Caratteristiche di questi funghi

Caratteristiche dell’oidio

È un fungo chiamato cenere, muffa bianca o bianca . È un fungo esterno che può essere facilmente osservato e differenziato. Ha uno stato colonizzante e uno stato latente.

Caratteristiche della muffa

È considerato un parassita in grado di sviluppare e uccidere la pianta . I funghi che causano la peronospora sono molto resistenti e le loro spore germinano facilmente.

Come l’oidio, l’oidio ha uno stato colonizzante e latente. Quando installato in una pianta, i sintomi possono o meno mostrare, a seconda dei parametri di temperatura e umidità della coltura.

Sviluppando

Sviluppo dell’oidio

Il più delle volte l’oidio si sviluppa nella parte superiore delle foglie, anche se può diffondersi anche sul fusto o sui frutti se l’attacco non è controllato. Si presenta sotto forma di macchie bianche che si trasformano in polvere bianca o grigia che ricopre le foglie.

Sviluppo di muffa

Si sviluppa all’interno delle foglie, producendo sul bordo delle foglie o anche sui frutti, macchie dall’aspetto untuoso di colori diversi a seconda della coltura che in seguito virano al marrone e appassiscono o seccano quella parte della pianta.

Condizioni di propagazione

Come si diffonde l’oidio

Temperature calde e umidità media (tipiche dell’estate).

Come si diffonde la muffa

Può colpire le piante attraverso l’ acqua di irrigazione perché penetra attraverso le ferite o attraverso gli stomi delle foglie.

Richiede una temperatura moderata tra i 15 ei 25°, e un’elevata umidità, motivo per cui è frequente dopo le piogge.

Colture colpite da questi funghi

Quali colture colpisce l’oidio?

Sono molto polifagi, cioè danneggiano molte specie. Sebbene le cucurbitacee (zucche, zucchine , cetrioli, meloni, angurie) siano particolarmente sensibili. Colpisce anche piante di pomodoro, patata, vite, bietola , spinacio , ecc.

Quali colture colpisce la muffa?

Colpisce un ampio gruppo di piante, anche se spicca l’incidenza della peronospora nella vite e nelle Solanacee (pomodoro, patata, melanzana , peperone ).

Colpisce anche fragole , cetrioli, meloni e giovani piante crocifere come barbabietole , spinaci o bietole.

Bibliografia e riferimenti

  • Buczacki, Stefan. (1999). Parassiti e malattie delle piante da giardino . Edizioni AKAL. Madrid, Spagna.
  • Jacas Miret, Josep Anto. (2005). Controllo biologico di parassiti e malattie. Pubblicazioni dell’Università Jaime I. Castellón-Spagna.
  • Paladines-Quezada, D.; Martinez, MC; Bosone, S.; Santiago, JL; Gago, P.; Moreno-Olivares, JD; Fernández-Fernández, JI; Gil-Muñoz, R. (2017). Influenza del Metil-Jasmonato e del Benzotiadiazolo in 3 vitigni contro l’attacco di oidio e oidio. IMIDA (Istituto Murciano per la Ricerca e lo Sviluppo Agricolo e Alimentare). Murcia-Spagna. Riprodotto da: https://www.researchgate.net/profile/Diego_Paladines/publication/336686755_Influencia_del_Metil-Jasmonato_y_Benzotiadiazol_en_3_variedades_de_vid_frente_al_ataque_de_mildiu_y_oidio/vari-fre-benziotil-y_oidio/varinte599/5dbfluades-a6272 -al-attacco-di-muffa-e-oidio.pdf
  • Mendez Leiva, William; Arauz, Luis Felipe; Rios, Rodrigo. (2010). Valutazione di fungicidi convenzionali e induttori di resistenza per combattere la peronospora (Pseudoperonospora cubensis) nel melone (Cucumis melo). Agronomia costaricana. Università costaricana. San José Costarica. Riprodotto da: http://www.redalyc.org/articulo.oa?id=43620066004
  • Badillo Tituaña, Gabriel Alejandro. (2017). Valutazione di tre tipi di controllo dell’oidio (Oidium sp.) In rosa (Rosa sp.) Var. Alba. Università Centrale dell’Ecuador. Quito, Ecuador. Riprodotto da: http://200.12.169.19/bitstream/25000/8778/1/T-UCE-0004-04.pdf

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.