Suggerimenti

Beaucarnea: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

Beaucarnea è un genere della famiglia delle Nolinaceae che raggruppa 11 specie, di cui 10 originarie del Messico. Tutti questi sono conosciuti con il nome del piede dell’elefante e sono noti per il loro grande valore ornamentale.

All’interno di questo gruppo, ci sono 5 specie più popolari e richieste, queste sono: Beaucarnea goldmanii , B. gracilis , B. inermis , B. pliabilis e B. recurvata . Le informazioni sulla coltura per B. recurvata saranno condivise in questa guida .

La beaucarnea è una pianta che si caratterizza per l’ispessimento del fusto in parte della sua base, che è simile, quasi identica alla zampa di un elefante.

Come per altre piante del genere, Beaucarnea recurvata è classificata come specie in via di estinzione a causa della rapida perdita del suo ecosistema, oltre che per essere oggetto di eccessivo sfruttamento e commercio illegale.

Punti importanti durante la semina di beaucarnea:
  • Nome scientifico: Beaucarnea recurvata, Nolina recurvata, Dasylirion inerme.
  • Nome comune: Nolina, piede di elefante, palma monaca, apachite, palma petacona, palma panciuta.
  • Altezza: da 4 a 15 metri.
  • Fabbisogno di luce: luce diretta e semiombra.
  • Temperatura: climi caldi e temperati (da 15ºC a 28ºC).
  • Irrigazione: scarsa.
  • Fertilizzante : fertilizzante organico.

Quali caratteristiche ha la beaucarnea?

La beaucarnea è una pianta simile ad un albero e presenta esemplari maschili e femminili. Cresce da 4 a 15 m di altezza in spazi aperti, ma raramente supera 1,5 m in vaso.

Il fusto di questa pianta è di colore grigio o marrone scuro e ha una tessitura ruvida, con crepe poco profonde. La sua base è di forma conica e globosa, che si estende fino a 3 m nella parte inferiore. I suoi rami sono allungati e fragili. Dalle estremità spuntano foglie raggruppate in rosette.

Le foglie sono strette, ricurve, di colore da verde a verde chiaro e possono essere lunghe da 1 a 1,5 m. Essendo invece una specie dioica, la beaucarnea produce fiori femminili o maschili in ogni esemplare. Questi sono piccoli, numerosi, di colore da giallo a rossastro e sono raggruppati in grandi infiorescenze.

Fioriscono generalmente da marzo a giugno. Per quanto riguarda il frutto , si tratta di una piccola capsula di forma ovoidale, di colore giallo paglierino, che germoglia da giugno a febbraio. Al suo interno contiene molteplici piccoli semi globosi, di colore bruno lucido.

Quando seminare la beaucarnea?

Si consiglia di coltivare la beaucarnea da seme durante la primavera , nei mesi da febbraio a marzo. Nel caso delle talee si può fare durante la primavera e l’ estate .

Dove piantare la beaucarnea?

La beaucarnea è tipica dei climi caldi e secchi con una temperatura media di 20°C, ma può oscillare tra i 15°C ei 28°C; quindi non è resistente al freddo intenso o al gelo.

Lo favoriscono gli spazi ben illuminati, dove può essere esposto alla luce solare diretta.

Può essere piantato in spazi aperti come giardini pubblici e domestici, piazze o crinali. Può anche essere coltivato in vaso e tenuto in casa.

Come preparare il terreno?

La beaucarnea fiorisce in terreni ricchi di sostanza organica, ma leggeri e ben drenati. Si consiglia di coltivarlo in un substrato composto da terra nera, compost e tepezil fine o perlite, in rapporto 1: 1: 1.

Per migliorare il terreno si può anche applicare del fertilizzante organico, sia torba, letame misto a terra nera o lombrichi, per accelerare la crescita. In vaso va applicato ogni 6 mesi e nei giardini, una volta all’anno.

Come innaffiamo la beaucarnea?

L’irrigazione è vitale per lo sviluppo della zampa di elefante . L’eccessiva irrigazione danneggia la pianta e apre la strada alla comparsa di agenti patogeni sugli steli e sulle radici.

Si consiglia di annaffiare abbondantemente durante la primavera e l’estate, e di farlo ogni volta che il substrato si asciuga. D’altra parte, durante l’ autunno e l’inverno, le annaffiature dovrebbero essere gradualmente diminuite e sospese.

Ogni quanto annaffiamo la beaucarnea?

L’irrigazione durante le prime fasi dovrebbe essere applicata quotidianamente e leggermente. Non appena raggiungono un’altezza compresa tra 10 e 20 centimetri, va fatto ogni 2 giorni.

Se la beaucarnea raggiunge un’altezza compresa tra 20 e 50 centimetri, va applicata una volta alla settimana; Se supera i 50 centimetri di altezza, va annaffiata due volte al mese.

Come seminare un beaucarnea passo dopo passo?

Essendo un albero in condizioni critiche, la sua propagazione è stata promossa in vari modi: seme, talea, induzione del germoglio, radicazione, coltura in vitro e tissutale. I passaggi per coltivare la beaucarnea dai semi sono condivisi di seguito .

Per seme

  1. Metti i semi in un contenitore con acqua per 1 giorno in modo che il rivestimento si ammorbidisca.
  2. Seminare i semi in vassoi, profondi meno di 1 centimetro, ogni 1 o 2 centimetri l’uno dall’altro. Coprire i semi con un sottile strato di substrato composto da terra nera , compost e perlite o vermiculite.
  3. Innaffiare quotidianamente, leggermente, per mantenere il supporto con un’adeguata umidità.
  4. Posizionare in aree protette dalla luce solare diretta. Può essere tenuto all’esterno utilizzando una rete con ombra all’80%.
  5. Attendi da 2 a 3 settimane per la germinazione.
  6. Trapiantare le piantine in vasi di 6 centimetri di altezza per 7 di larghezza, quando avranno raggiunto i 5 o 7 centimetri.
  7. Trapiantare di nuovo quando la piantina è cresciuta di 15 centimetri o più. In questo stato di sviluppo possono essere seminati nel loro posto finale.

Di quali cure ha bisogno la beaucarnea?

La beaucarnea ha bisogno di poche cure e manutenzione. Deve essere monitorato solo lo stato di umidità del supporto in modo che non soffra di stress idrico o saturazione.

Inoltre, se è al chiuso, sarà importante mantenere una buona ventilazione e ruotare la pianta di 90º dopo ogni irrigazione in modo che cresca in modo uniforme.

Quali parassiti e malattie colpiscono la beaucarnea?

La beaucarnea è molto resistente e non è spesso colpita da parassiti o malattie.

Tuttavia, la presenza di lumache, acari, cocciniglie, ragno acari, bilance (Diaspididae) , nematodi (Meloidogynidae, Hoplolaimidae) , funghi (Ascomycota, hyphomycetes) , tra gli altri , è stato registrato .

Riferimenti

  • http://www.conafor.gob.mx/biblioteca/documentos/MANUALCONSERVACION_Y_APROVECHAMIENTO_PALMA_MONJA.PDF
  • https://www.gob.mx/cms/uploads/attachment/file/225104/MANEJO_Y_CONSERVACION_DE_LAS_ESPECIES_CON_VALOR_COMERCIAL_DE_PATA_DE_ELEFANTE.pdf
  • https://jardineriakuka.com/arbustos/4662-beaucarnea-recurvata.html
  • http://www.jardinbotanico.uma.es/bbdd/index.php/jb-74-06/
  • https://es.wikipedia.org/wiki/Beaucarnea_recurvata
  • https://enciclovida.mx/especies/6020188

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.