Suggerimenti

Azalee: [Pianta, cura, irrigazione, substrato e malattie]

Punti importanti quando si piantano azalee
  • Quando? Un esemplare va piantato in giardino tra la primavera e l’autunno per garantire una fioritura spettacolare tra gennaio e marzo, o poco prima.
  • Dove? Ha bisogno di vivere in ambienti ventilati, illuminati e umidi della casa, quando viene coltivata in vaso e in terreno acido e in mezz’ombra, senza luce diretta, quando viene coltivata in giardino.
  • Come prepariamo il terreno? Iterreni a pH acido sono i preferiti. Quelle con corteccia di pino macinato, torba e sabbia sono meravigliose.
  • Come seminiamo? Le sue radici sono molto fini e delicate. in vaso,
  • Come paghiamo? Va fatto ogni 15 giorni in vaso e due volte l’anno in giardino.
  • Quando fioriscono? La spettacolarità dei suoi fiori si vede in primavera e quando arriva l’ inverno ci sono varietà che danno fiori a novembre, dicembre e gennaio.
  • Temperatura ideale? Vivono molto bene in ambienti con temperature comprese tra 12-22ºC.
  • Come innaffiamo? Usa la tecnica del piatto d’acqua in modo che le radici assorbano l’acqua ogni giorno, per circa 5-10 minuti. E in giardino, non innaffiare su rami e fiori.
  • Malattie e parassiti? Soffre di clorosi ferrica . Viene evitato quando si utilizza l’acqua piovana nell’irrigazione.

   

Cos’è l’Azalea?

Le azalee sono piante arbustive del genere rododendro o rododendro , de porte molto eleganti e dalla fioritura molto abbondante, con attualmente più di 10.000 varietà di sempreverdi e caducifoglie, e ibridi con fiori dai colori intensi.

La sua origine è antica, risale a tempi immemorabili. Sono stati venerati dai greci, che li hanno battezzati con quel bel nome che significa “Il cespuglio di rose”, ma li adorano anche i giapponesi, che li tengono sempre in un posto d’onore all’interno della casa, in scenografie scenografiche e nei giardini , dove sono i protagonisti di composizioni floreali.

Una delle specie più famose è l’Azalea japonica. Specie molto suggestive provengono anche dalla Cina .

Provengono dai bellissimi sistemi montuosi che si estendono dall’Europa all’Himalaya e al Giappone.

Spiccano sempre grandi fiori campanulati, nei toni del bianco, rosa, fucsia, arancio e rosso di grande pregio come prodotti ornamentali , ma è esigente nella sua cura.

Infatti un arbusto completamente sviluppato può raggiungere circa 2 metri di altezza e in vaso si mantengono di dimensioni ideali per interni , purché curati generosamente.

   

Dove dovremmo piantare l’azalea?

L’azalea può vivere in uno spazio illuminato del giardino, ma in penombra.

Può anche essere coltivata indoor, purché le condizioni di luce ambientale, temperatura e umidità siano mantenute ottimali per garantirne la crescita e la fioritura.

Un altro dettaglio quando si pianta questo arbusto è la qualità del terreno. Odia quelli gessosi.

   

Quando coltivare l’azalea?

Quando si tratta di coltivare le azalee all’aperto , è essenziale scegliere una parte del nostro giardino dove la luce del sole non colpisce mai direttamente.

Poiché provengono da luoghi montuosi, hanno bisogno di luoghi freschi. Ecco perché fioriscono sempre nei periodi di pioggia.

Con poca luce naturale muore e con molta perisce anche.

L’ideale è coltivarlo in primavera . E l’inizio dell’autunno è un’altra buona opzione.

Come prepariamo il terreno?

Una delle migliori combinazioni per un buon substrato , è quella di aggiungere parti uguali di torba, corteccia di pino macinata e sabbia, per ottenere terreni ben drenati e sciolti, molto aerati e per evitare che foglie e fiori appassiscano rapidamente, derivati ​​dalla messa a dimora su terreni non idonei motivi.

Come seminare l’azalea passo dopo passo?

Per talea

  1. Preparare il vaso con terriccio di quercia, molto sciolto. Inumidisci il terreno con abbastanza spruzzi con un flacone spray pieno di acqua piovana.
  2. Prendi le talee da una pianta madre. Seleziona nuovi germogli, nuove punte e tagliali con grande cura. Due saranno sufficienti per un piccolo piatto.
  3. Eliminate le foglie superiori per evitare che tolgano la forza di taglio e non tagliate la parte inferiore del fusto in modo rettilineo, ma verso l’alto in modo che germogli velocemente.
  4. Immergere le talee in una soluzione di acqua con cannella in polvere per stimolarle.
  5. Le talee nude vengono piantate nel vaso riempito con substrato inumidito.
  6. Spruzzare con acqua piovana ogni giorno e tenerlo in mezz’ombra.
  7. In un mese e mezzo e più germoglieranno le prime radici, che impiegano molto tempo ad apparire.

   

Per stratificazione

Questo metodo è molto efficace per far germogliare le radici dell’azalea. Un sacchetto di plastica viene aperto e tagliato in un rettangolo di circa 15 centimetri di lunghezza per 6 di larghezza, circa.

  1. Il ritaglio del sacchetto di plastica viene riempito con una manciata di substrato molto umido e posizionato su una base.
  2. Vengono selezionati gli steli della pianta madre che presentano nodi, senza porli. Né le foglie vengono tolte; si aprono delicatamente verso il basso, in modo che si trovino in posizione orizzontale per venire a contatto con la terra che sta sopra il sacco, legandola proprio nella parte nascente dei gomiti, da cui fuoriescono diversi fusti.
  3. L’idea è che i gomiti degli steli selezionati siano completamente ricoperti di terra quando si procede a legare le estremità del sacco. Lega saldamente e riporta la pianta nella sua normale posizione verticale. Una bustina piena di terra rimarrà quindi attaccata ai gomiti degli steli selezionati.
  4. Quindi dovrebbero essere fatti dei buchi nella parte esterna del sacco di terra, incollati agli steli selezionati della pianta madre.
  5. Spruzzare la parte esterna della bustina sospesa del fusto della pianta madre con acqua ben inumidita.
  6. Mantieni la borsa inumidita quotidianamente con spray, fino a quando le radici non escono.

In giardino il luogo prescelto deve avere le condizioni di semiombra e terreno acido già descritte, ma se vengono piantati due o più esemplari (a bottoni, non fioriti) acquisiti in vivai, allora deve essere tra loro una distanza di 1,5 metri essere rispettato. .

Di che cure ha bisogno l’azalea?

È una pianta dalla presenza floreale unica e spettacolare, che tuttavia necessita di cure particolari per potersi sviluppare pienamente. Ecco alcuni suggerimenti che possono fare molto.

illuminazione

Richiede un’illuminazione abbondante, quindi deve ricevere permanentemente la luce solare indiretta affinché la sua fioritura sia spettacolare.

Se la radiazione solare è forte e colpisce il suo fogliame, non sopravvive, si secca. Vivere in mezz’ombra è l’ideale per questo arbusto a fiore grande.

Temperatura

Non sopportano climi caldi o troppo secchi, quindi dovresti sapere come prendertene cura sia in giardino che in casa, perché hanno bisogno di climi temperati con un’ottima ventilazione.

Né tollera sbalzi di temperatura, quindi va protetto dai venti e dal gelo.

   

Irrigazione

I giardinieri esperti in specie floreali consigliano di irrigare l’Azalea con acqua piovana. E bisogna evitare che l’acqua cada frequentemente su foglie e rami, perché anche questo la danneggia. Le innaffiature non procedono poi a spruzzi, né verso la base della pianta.

Una tecnica infallibile per aiutarti ad assimilare i nutrienti, mantenendo alta l’umidità ambientale, è quella di posizionare un piatto d’acqua alla base del vaso dove lo coltiviamo, per circa 10 minuti, ogni giorno. In questo modo si rafforzano le radici ed evitiamo il ristagno del substrato, perché l’acqua in eccesso è uno dei suoi peggiori nemici.

Nella stagione della fioritura è necessario evitare che l’acqua cada sui fiori.

Infine, l’acqua ricca di calce è molto dannosa per la pianta.

substrato

Un’azalea non sopporta i terreni calcarei. Quelli leggermente acidi lo aiutano a respirare bene, purché il terreno sia sciolto, permeabile e ben drenato.

La combinazione di parti uguali di torba, sabbia e corteccia di pino macinata è l’ideale per una crescita sana e forte.

fertilizzanti

Con l’aiuto di un giardiniere esperto, è bene cercare la migliore marca di fertilizzante ricco di potassio e ferro , minerali che ti proteggeranno da ogni male.

I fertilizzanti acidi a rilascio prolungato sono ottimi per te. Quelli che sono ricchi di ferro e potassio per substrati acidi migliorano notevolmente la loro produzione di fiori.

Applicarli appena la primavera dice addio, è positivo perché avrà una dose di nutrienti che lo aiuterà a sopravvivere al caldo estivo con migliore resistenza .

Non va mai concimato prima della fioritura, perché poi il fogliame sarà molto denso e la tipica fioritura che elargisce sarà frustrata.

   

Potatura

È necessario rimuovere i fiori appassiti delle Azalee, una volta giunto il periodo di fioritura, perché in questo modo viene stimolata la comparsa di nuovi.

Nel periodo di riposo va utilizzato per effettuare una potatura di mantenimento più intensa, volta ad evitare una crescita eccessiva che potrebbe intaccarla perché avrà bisogno di più nutrienti che non riesce a soddisfare nella stagione invernale.

Non dovrebbero mai essere potate a giugno, perché la prossima fioritura ne risentirebbe.

Coltivare l’azalea in un vaso al chiuso

Ci sono alcuni trucchi indispensabili per aiutarti a rimanere bella in casa.

  • In autunno e in inverno dovrebbero essere collocate in un luogo dove la temperatura sia compresa tra 4-13ºC, in modo che possa fiorire completamente la primavera successiva.
  • Hai bisogno di uno spazio ventilato, fresco, luminoso e umido, non vicino a fonti di calore, come stufe, caminetti e cucine.
  • All’interno della casa è obbligatorio concimarli ogni 15 giorni.

Quali parassiti e malattie ha?

La malattia che più colpisce l’azalea è la clorosi ferrica, secondo l’esperienza di esperti giardinieri e agricoltori. È evidente quando le foglie iniziano a ingiallire, anche se i loro nervi rimangono verdi.

La clorosi ferrica è associata alla grande necessità che questi arbusti vivano su terreni acidi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *