Suggerimenti

Cura del mango: [terra, umidità, potatura e problemi]

Quali sono le caratteristiche dell’albero di mango?

Il mango è un grande albero da frutto che può raggiungere anche i 30 metri di altezza e produce uno dei frutti più appetibili in natura, non solo per il suo sapore ma anche per le sue proprietà vitaminiche.

Il suo nome scientifico è Mangifera Indica della famiglia delle Anacardiaceae, ha rami fitti e foglie alterne di colore verde scuro lucido sopra e verde giallastro sotto.

È un albero molto comune nei paesi dell’America Latina, come Messico (il più grande esportatore mondiale), Brasile, Ecuador, Costa Rica, Cuba, Paraguay e Venezuela.

Ma in realtà viene dall’India, dove è il frutto nazionale, come in Pakistan. In Spagna è coltivato a Granada e Malaga.

È un albero che ha una radice principale e radici alimentari superficiali, essendo facile da piantare in giardino dove bisogna dargli abbastanza spazio perché lo richiede per la sua abbondante produzione nutritiva, poiché i suoi rami si estendono ai lati, rendendolo un albero frondoso di ampia ombra.

Il frutto del mango è verde con sfumature rossastre, giallo a maturazione, di buona pezzatura, polpa carnosa e sapore molto dolce. altamente nutriente perché fonte di vitamine A, B e C, contiene ferro, fosforo, potassio, sodio e calcio , e funge da lassativo, antiossidante e antinfiammatorio.

I manghi maturi possono essere consumati direttamente dal cespuglio, sbucciandoli, oppure in gelatine, insalate, torte, marmellate, come condimento per carne e pesce e anche in insalata, oppure bevuti in squisiti succhi aromatizzati.

Anche il più acido mango verde con sale è un alimento popolare in molte regioni del mondo, soprattutto nei climi tropicali, e in India viene utilizzato per preparare il piatto tradizionale noto come chutney.

Che bisogno di terreno ha il mango?

Il mango non è un albero esigente sul terreno, perché può riprodursi facilmente ovunque, anche in terreni a bassa fertilità.

Ecco perché lo troviamo nel posto meno atteso, mostrando il suo carico di frutti deliziosi dal sapore dolce.

Pur non essendo particolarmente esigente sul terreno, il mango necessita che sia profondo e ben drenato perché è una pianta con molta irrigazione, circa 20 litri di acqua a settimana, e se l’acqua ristagna le radici possono marcire, mettendolo in serio pericolo.

È un albero delle zone tropicali che non resiste a forti venti o gelate invernali.

Come far crescere il mango forte e vigoroso?

Richiede una serie di condizioni per il suo sano sviluppo, una delle quali è l’acqua, che, come abbiamo indicato, deve essere molto abbondante, e se la piantiamo prima dell’arrivo delle piogge, allora meglio.

Il momento migliore per piantare è la primavera , ma questo dipende dalla varietà di mango che coltiveremo. Ciò di cui ha bisogno è calore e luce solare (8 ore) per svilupparsi e, come è stato detto, tenerlo lontano dal freddo, poiché dobbiamo evitare temperature inferiori a 30ºC.

C’è una varietà di questa pianta che è piccola e può essere coltivata in vaso dal seme che faremo germogliare nel terreno, lavandolo e asciugandolo al sole per diversi giorni.

Fatto ciò, lo apriamo con un coltello, togliamo il guscio e in un contenitore provvisorio impiantaremo l’embrione in terreno fertile; Innaffiamo e poniamo il vasetto al sole, e di notte lo metteremo in casa per evitare che il freddo lo danneggi.

Radicerà in tre settimane e poi lo metteremo all’aperto all’ombra finché le foglie non cresceranno e diventeranno verdi, quando potremo spostarlo in un vaso più grande.

Un altro metodo può essere quello di farla germinare senza terra, ponendo il seme in un recipiente d’acqua con la parte inferiore sott’acqua e la parte superiore sopra, all’aria, dove ossigeno e calore lo faranno crescere fino a 20 cm, quando potremo trasferirci lo ad un vaso che deve avere un buon drenaggio, quindi dobbiamo posizionare delle pietre sul fondo per facilitarlo.

Di quale umidità ha bisogno il mango?

Una delle caratteristiche di questa pianta è che, a differenza di altre specie, necessita di calore e umidità; cioè, caldo e umidità d’estate, e freddo e secchezza d’ inverno . Ma non resistono al gelo e molto meno alle nevicate, quindi preferisce inverni brevi.

Poiché ha bisogno di molta acqua e c’è la possibilità che commettiamo un errore nell’annaffiare, è consigliabile mettere un pacciame attorno ad esso per mantenerlo umido.

Allo stesso modo, la concimazione va fatta due volte l’anno, in estate e in inverno, quando è necessaria per potersi sviluppare fortemente.

La temperatura ideale per il frutto è di 15-25°C e l’umidità relativa ottimale è del 90-95%. Quando è verde va conservato a temperatura ambiente e quando matura è conveniente consumarlo in un tempo ragionevole perché tenderà a marcire. Può essere conservata anche in frigorifero se vogliamo mangiarla fredda.

È necessario potare il mango?

Faremo la potatura per aumentare la produzione del frutto; anche per facilitare la raccolta, dare ordine alla crescita e allo sviluppo della pianta, migliorare l’aerazione e favorire l’ingresso della luce.

Quanto spesso dovremmo potare il mango?

Quando l’albero è giovane, durante i primi due anni è necessario potare per dargli forma.

Quando i manghi sono maturi, la potatura sarà annuale per mantenere la struttura e pulire la parte interna dell’albero in modo da favorire l’ingresso di luce e aria.

Il periodo migliore per potare è la primavera, quando non c’è rischio di gelate, per evitare la perdita di linfa, ma la potatura può essere autunnale se non fa molto freddo.

Quando invece il mango è verde, il periodo migliore per potare è la calura estiva. In tutti i casi utilizzeremo attrezzi da potatura, ovvero forbici a due mani, sega, motosega, potatore ad altezza e scala.

Come possiamo evitare i parassiti e le malattie del mango?

Uno dei parassiti che più attacca il mango è la cocciniglia bianca , che combatteremo con potature e fungicidi naturali.

La malattia più comune è l’ antracnosi che attaccheremo con la sanificazione delle piante, l’eliminazione delle erbe selvatiche, il miglioramento del suolo, evitando ristagni d’acqua e applicando spray fungicidi fogliari .

Forse ti interessano anche:
  • Quali malattie e parassiti attaccano il mango?: [Identificali e trattali]
  • 16 tipi e varietà di mango più famosi e deliziosi
  • Irrigazione al mango: [necessità, frequenza e procedura]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.