Suggerimenti

Impara come fare le talee e non sarai mai a corto di piante

Le piante si riproducono per seme nella maggior parte dei casi. Ma ci sono metodi alternativi che possiamo usare per moltiplicare molte piante nel nostro giardino o frutteto. Ad esempio, talee e innesti .

In questo articolo andremo a spiegare come ottenere nuove piante con talee. Vuoi risparmiare tempo nella coltivazione? Continua a leggere.

Cos’è un taglio e perché farlo?

Una talea è una parte di una pianta che viene utilizzata per sviluppare una nuova pianta identica a sua madre .

È un buon modo per ottenere nuove piante per il giardino o l’orto. Ma perché fa così e non con i semi?

  • Perché non tutte le piante possono moltiplicarsi per seme.
  • Perché in questo modo puoi clonare una pianta che vuoi preservare le sue caratteristiche .
  • Perché è veloce ed economico.

I diversi tipi di talee

Non tutte le piante possono essere tagliate allo stesso modo. Alcuni germogliano meglio da una parte che da un’altra.

Quali parti di una pianta possono essere utilizzate? Questi sono i principali tipi di taglio:

  • Taglio del fusto erbaceo o tenero

Uno stelo tenero e giovane viene preso in primavera o in estate, che non si è ancora indurito. L’ attecchimento è veloce ed è ottimo per piante ornamentali come gerani e anche semiarbustive (come margarita o lavanda), conifere e altre piante perenni.

  • Taglio semilegnoso

Fusti giovani, leggermente legnosi sotto ma ancora teneri sopra.

Sono le talee più comuni per conifere, rampicanti e arbusti perenni e caducifoglie, come le più tipiche aromatiche legnose (alloro, rosmarino, salvia, lavanda, lavanda, timo…).

A seconda della specie, puoi tagliare tra la primavera e l’inizio dell’autunno.

  • Taglio legnoso

Sono i rami maturi, degli anni precedenti, che vanno preparati con anticipo e pazienza, poiché impiegano mesi per attecchire. Il periodo migliore è a fine inverno, quando è necessario tagliare, spogliare e interrare quasi completamente i rami di arbusti e alberi sempreverdi e decidui.

Questo tipo di talea è molto comune nelle piante ornamentali come il roseto, così come negli alberi da frutto come il melo, il pero, la vite, l’olivo o il fico.

  • Taglio delle foglie

Si tratta di foglie intere, porzioni di foglie e foglie con piccioli (la coda).

Questo tipo di taglio funziona bene con piante ornamentali come begoña, violetta africana, primula e piante grasse.

  • Taglio della radice

Approfitta del periodo di riposo della pianta, l’ inverno , per estrarre la talea radicale. Consiste in un pezzo di radice, preferibilmente carnosa, di una pianta giovane e sana.

Olivi, meli e fichi sono alcuni degli alberi che supportano questo tipo di taglio.

.

Come piantare talee?

La maggior parte delle piante più comuni può essere tagliata dai nostri vasi, giardini e frutteti. È comune fare talee di cespugli di rose , ad esempio, così come talee di geranio o di ortensie.

Ma anche alberi da frutto, come l’ulivo, il melo o il pero.

Tranne nel caso delle talee radicali, il periodo migliore è solitamente la primavera o l’autunno , quando il clima mite, l’umidità e la biologia della pianta favoriscono l’attecchimento e la presa.

Ogni specie vegetale ha le sue esigenze, quindi non è possibile spiegare qui, nel dettaglio, ogni possibilità. Ma, in termini generali, la procedura è la seguente:

1. Usa delle buone cesoie da potatura o un rasoio affilato per tagliare la parte della pianta che stai tagliando. Assicurati che l’utensile sia pulito , poiché è molto facile trasmettere malattie (funghi, per esempio).

Il taglio deve essere pulito, senza causare danni.

Se avete intenzione di prendere uno stelo, che è tra i 5 ei 20 cm, con circa quattro o cinque gemme (gli addensamenti da cui spuntano le foglie e gli altri steli). Fai il taglio smussato appena sotto la gemma inferiore, la parte che è interrata, e appena sopra la gemma superiore, la parte che verrà esposta

Quando si tratta di una talea di radice, tagliare un pezzo lungo circa 5 cm e spesso 2-3 cm al massimo.

2. Rimuovere le foglie inferiori dallo stelo, lasciandone solo due o tre in cima, se presenti. In questo modo, la talea può respirare, ma eviterai che si secchi respirando.

Se è una talea da foglia ed è grande, potete rifilarla un po’ rispettando la nervatura centrale.

3. Metti lo stelo in un contenitore d’acqua con un prodotto radicante.

Si può fare anche direttamente in terreno umido (substrato universale, torba nera o lana di roccia) in semenzaio, vaso di fiori o contenitore, anche impregnato di agente radicante. Questa potrebbe essere l’opzione migliore per le talee.

D’altra parte, le talee radicali non hanno bisogno di altro che di essere interrate verticalmente nella torba o nel substrato, lasciando una minima porzione superiore nell’aria.

4. Le radici germoglieranno in poche settimane, a seconda del tipo di talea e di quando sono state piantate. Durante tutto questo tempo devi assicurarti che il terreno sia umido.

5. Una volta che ha messo radici, puoi trapiantare la talea nella sua posizione definitiva, facendo molta attenzione a non danneggiarle.

Come puoi vedere, è davvero facile fare le talee. Provane diverse contemporaneamente per aumentare le possibilità di successo e otterrai molte piante per il tuo giardino e giardino.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.