Suggerimenti

Come coltivare Avocado (Avocado o Palto): Guida Completa

Ciao agrouristi. In questo articolo impareremo come coltivare l’avocado nel nostro giardino . Ti forniremo tutte le chiavi agronomiche per piantarlo passo dopo passo, oltre alle cure che richiede. Vedremo qual è il tipo di clima più adatto per coltivarlo, le varietà che esistono, il tipo di terreno che più gli si addice, l’importanza della sua fioritura, come potarlo, come concimarlo e come annaffiarlo.

L’avocado, detto anche avocado o avocado , e il cui nome scientifico è Persea americana , è un albero della famiglia delle Lauracee, molto apprezzato in tutto il mondo per le sue buone proprietà nutritive . La sua origine si trova in America Centrale, nella zona del Messico e del Guatemala , quindi è una coltura adatta ai climi caldi . Sebbene abbia bisogno di quantità significative di acqua, quindi dovremo incorporare l’irrigazione per coltivarlo in aree come la Spagna.

1. Qual è il giusto tipo di clima?

Da quanto abbiamo accennato nella sezione precedente, si può già dedurre che l’avocado è una coltura tipica delle zone praticamente tropicali , quindi sarà molto sensibile alle basse temperature: sotto gli 0ºC l’albero subirebbe danni . Inoltre, avrà bisogno di notevoli quantità di acqua, poiché non tollera la siccità . Con queste due condizioni, le aree ottimali per coltivare questo apprezzato frutto in Spagna diminuiscono notevolmente; Sarebbe possibile coltivarlo solo nelle zone costiere, dove le gelate sono improbabili e l’irrigazione è necessaria.

D’altra parte, va anche notato che questo albero non è favorito da grandi sbalzi di temperatura tra il giorno e la notte , il che è un altro punto per raccomandarne la coltivazione quasi solo nelle zone costiere della Spagna.

Tuttavia, queste condizioni possono essere leggermente allentate scegliendo varietà più adatte ai climi temperati come la regione mediterranea.

1.1. Qual è la migliore varietà in base al tempo?

Potremmo dire che esistono 3 gruppi di varietà di avocado a seconda della loro origine, comunemente chiamate razze: la messicana, la guatemalteca e le antille . Questi 3 tipi di avocado saranno un elemento chiave nella definizione delle condizioni climatiche ottimali per questa coltura.

Le varietà delle Antille sono le più adatte alle zone tropicali , quindi il loro utilizzo nelle zone fredde non sarebbe consigliabile. Da parte loro, le varietà guatemalteche e messicane sarebbero l’opzione migliore per le zone temperate come la Spagna . Sebbene l’avocado sia ancora una coltura molto sensibile al gelo, la sua produzione in Spagna non è attualmente limitata alle aree di Granada, Malaga e Isole Canarie, i cui microclimi ne consentono la crescita.

2. Che tipo di terreno è il più consigliato?

I terreni ideali, come per la maggior parte delle colture, sarebbero quelli a impasto leggero, pH compreso tra 5,5 e 7, profondi e ben drenati . Ciò non significa che l’avocado non possa essere coltivato in altri tipi di terreno. Ciò che è importante è il drenaggio ed evitare ristagni idrici , poiché queste condizioni favoriscono la comparsa di malattie delle radici, a cui l’avocado è particolarmente sensibile.

D’altra parte, essendo l’avocado una coltura originaria delle zone umide, non ha avuto bisogno di sviluppare radici profonde per cercare acqua, quindi il suo apparato radicale non è vigoroso come quello di altre specie tipiche dei climi secchi. Questo ci influenzerà nella ricerca e nell’assorbimento dei nutrienti nel terreno, quindi è di vitale importanza che abbiamo terreni ricchi di materia organica . In caso di terreno povero saremo noi a dover dare apporti esterni attraverso fertilizzanti, compost, ammendanti organici, ecc.

3. Come acquisire le piante?

Una volta verificato che il nostro giardino si trova in una zona che soddisfi le condizioni climatiche appropriate, sarà necessario acquisire le piante. Per questo abbiamo 2 opzioni :

  • Vai in un vivaio e compra piantine di avocado. Questa opzione è più veloce e l’albero inizierà a dare i suoi frutti prima. È anche importante acquistare gli avocado in zolla (vaso).
  • Germinare noi stessi il seme da un pozzo di avocado. Con questa opzione l’albero impiegherà circa 5 anni per dare i primi frutti.

L’ideale sarebbe scegliere la prima opzione, perché è importante sapere quale varietà stiamo acquistando ed essere certi che sia la più adatta al nostro clima.

Un altro motivo per scegliere la prima alternativa è il tipo di fiori che ha l’avocado, per così dire è un po’ speciale, poiché ci sono varietà con diversi tipi di fiori, quindi se scegliamo la seconda opzione, non sapremo quale tipo . si tratta.

4. La fioritura dell’avocado

4.1. Perché è importante conoscere il tipo di fiori del nostro avocado?

L’avocado ha una fioritura un po’ particolare, che tecnicamente viene chiamata dicogamia protoginia . Ciò significa che, nonostante la stessa pianta abbia fiori di entrambi i sessi, femminile e maschile, questi non saranno mai presenti contemporaneamente sull’albero; vale a dire che prima i fiori appariranno allo stato femminile, si chiuderanno e, successivamente, si riapriranno allo stato maschile. Di conseguenza, l’impollinazione sarà influenzata negativamente, poiché abbiamo bisogno che i fiori maschili e femminili siano presenti contemporaneamente , in modo che la fecondazione avvenga e l’albero produca una quantità più o meno numerosa di frutti.

Detto questo, ho intenzione di spiegare la soluzione a questo piccolo problema: Ci sono varietà di avocado che hanno tipo A fiori e altri che hanno tipo Fiori B . I fiori di tipo A si aprono allo stato femminile la mattina del giorno 1, si chiudono e riaprono allo stato maschile nel pomeriggio del giorno 2. Da parte loro, i fiori di tipo B si aprono allo stato femminile nel pomeriggio del giorno 1, si chiudono e riaprire allo stato maschile la mattina del giorno 2. Ecco un diagramma per farti vedere meglio:

Secondo lo schema precedente, possiamo vedere che l’autofecondazione dell’avocado sarà complicata. Anche se a volte può capitare, non sarà sufficiente e otterremo pochissimi avocado. Se il nostro obiettivo è solo quello di avere l’albero come decorazione, possiamo piantare una sola varietà, sia di tipo A che B. Tuttavia, se vogliamo ottenere una maggiore quantità di frutti, dobbiamo piantare varietà di tipo diverso , per ottenere una sovrapposizione temporanea tra i fiori femminili di a e B maschio . In questo modo la varietà B fertilizzerà la varietà A e otterremo un numero maggiore di avocado. Questo grafico mostra questa strategia in modo più chiaro:

Ora capirai cosa ti stavo dicendo sugli svantaggi della germinazione del seme in casa. In questo modo, non sapremo se la nostra varietà è A o B e, quindi, otterremo meno o nessun avocado.

4.2. Quando fiorisce l’avocado?

La fioritura dell’avocado, come quella di qualsiasi pianta, dipenderà dalla varietà e dall’area geografica in cui viene coltivato.

Nelle zone di origine, Messico e Guatemala, il periodo di fioritura può andare da novembre a marzo , a seconda che si tratti di varietà tardive, medie o precoci.

Nelle zone tipiche della Spagna dove è stato coltivato, come Malaga, Granada o le Isole Canarie, la fioritura inizia in tarda primavera o all’inizio dell’estate .

5. Come piantare l’avocado?

5.1. Preparazione del terreno

Prima di piantare, dobbiamo assicurarci che il terreno non sia incrostato. In questo caso, dovremo rimuovere la terra in modo che rimanga allentata. Per questo possiamo utilizzare una motozappa o una motozappa, che sono  piccole macchine agricole  che servono a decomprimere il terreno duro .

Per maggiori informazioni su queste macchine agricole, puoi consultare il nostro articolo Motocultori e Motoazada per il giardino. Differenze e come funzionano .

5.2. Come fare i buchi

Una volta preparato il terreno, il prossimo passo sarà fare i buchi. La dimensione deve essere adeguata all’adattamento della zolla , in modo che sia allo stesso livello del terreno del nostro giardino, cioè non sporga per evitare stress alle radici dell’albero. Se la pianta viene innestata, sarà anche importante che al momento dell’interramento, l’area dell’innesto non sia coperta .

5.3. Protettori e divertiti

La protezione del tronco dei giovani alberi appena piantati è di vitale importanza, poiché la corteccia in questo periodo è molto sensibile. Per questo, possiamo utilizzare una speciale vernice bianca miscelata con i nostri fungicidi per questo uso, oppure un’altra opzione è utilizzare reti protettive specifiche . I materiali per entrambe le alternative possono essere acquistati presso asili nido o centri di giardinaggio.

Per quanto riguarda il pergolato, è una tecnica che consiste nel guidare o indirizzare la pianta legando alcuni suoi rami ad un tutore, in modo tale che abbia un supporto su cui appoggiarsi e quindi possa crescere correttamente. Per questo, avremo bisogno di pali di circa due metri, che verranno posizionati vicino all’albero e interrati a circa 40 cm di profondità. Il fissaggio alla pianta deve essere effettuato con elastici tipo ancora.

5.4. Aftercare durante la semina

È di vitale importanza innaffiare l’avocado subito dopo averlo piantato , poiché è una pianta che ha un fabbisogno idrico piuttosto elevato . Tuttavia, è necessario prestare particolare attenzione in modo che non si allaghi , poiché potrebbero apparire malattie delle radici.

Un altro punto da effettuare una volta piantati è quello di effettuare un accurato controllo delle erbe infestanti , poiché se comparissero, entrerebbero in competizione con l’albero per acqua e sostanze nutritive. Sarà necessario rimuovere tutte le erbacce che possono apparire attorno al tronco, svolgendo questo compito durante i primi mesi dopo la semina, nonché prima e dopo l’incorporazione dei fertilizzanti.

6. Potatura dell’avocado

6.1. Cosa serve?

La potatura mira a fornire una corretta struttura all’albero che ne massimizzi la produzione , in modo tale che la luce solare possa penetrare in modo più uniforme . Inoltre, può contribuire a un migliore controllo di parassiti e malattie migliorando l’aerazione all’interno del bicchiere. Un altro vantaggio della potatura è quello di contribuire all’aumento della pezzatura dei frutti , poiché in assenza di questa avremo un numero maggiore di frutti ma di pezzatura minore.

6.2. Quando potare?

Il momento migliore per potare è subito dopo la raccolta , cioè il tardo autunno o l’inizio dell’inverno.

6.3. Tipi di potatura

6.3.1. Potatura di formazione

L’obiettivo di questo tipo di potatura è quello di fornire una corretta struttura all’albero che ne massimizzi la produzione e che deve essere effettuata durante i primi anni di vita .

Il tronco dell’albero deve essere puntato all’altezza a cui vogliamo far uscire i rami principali. In seguito, quando i rami saranno già emersi a quel punto, ci rimarranno 3 o 4 ben posizionati . I rami ben posizionati saranno quelli con una posizione leggermente orizzontale, formando un angolo di circa 45º con il tronco, e che a loro volta sono alla stessa distanza l’uno dall’altro , cioè se resteremo con 3 rami, non ci sarebbe quello di garantire che fossero distanti circa 120º l’uno dall’altro. Il resto dei rami deve essere eliminato.

6.3.2. Potatura di manutenzione

Questo tipo di potatura va fatta dopo qualche anno o quando osserviamo che l’avocado tende a riprendere la sua forma naturale: cresce in altezza e forma rami verticali, detti polloni , che vanno eliminati.

Vanno tagliati anche quei rami che dirigono la loro crescita verso l’interno/esterno e quelli secchi o deteriorati. Può essere consigliabile tagliare le estremità dei rami troppo lunghi.

6.3.3. Potatura di ringiovanimento

Questa potatura va fatta quando notiamo che il vigore e la produzione dell’albero iniziano a diminuire. Consiste nel diradamento per eliminare rami mal posizionati o che impediscono il passaggio della luce e dell’aria. 

7. Come concimare l’avocado

Il modo migliore per fare il fertilizzante è attraverso la fertirrigazione , poiché possiamo controllare più precisamente il momento e la quantità di nutrienti forniti. Questa tecnica consiste nell’incorporare i fertilizzanti con l’acqua di irrigazione.

Come nella maggior parte delle piante, i nutrienti più importanti per l’avocado sono azoto, fosforo e potassio. Durante i primi anni della piantagione, questi nutrienti devono essere rispettivamente in rapporto 1: 2: 1; Quando l’albero inizia a produrre il rapporto dovrebbe essere 1: 1: 1 e, al raggiungimento della massima produzione e per anni consecutivi, il rapporto dovrebbe essere 2: 1: 2.

Di seguito sono riportate le stime delle quantità e dei tempi di applicazione di azoto, fosforo e potassio. Va notato che queste quantità sono approssimazioni che dipendono da numerosi fattori come l’età dell’albero, il tipo di terreno, la varietà o l’area geografica.

7.1. Fabbisogno di azoto

L’azoto è un elemento molto importante, poiché svolge funzioni essenziali nella crescita e nello sviluppo delle piante. Sono necessari da 0,6 a 1 kg di azoto per albero e per anno , da dividere in 2 applicazioni, una primaverile e una estiva.

7.2. Fabbisogno di fosforo

Il fosforo è un nutriente essenziale per la respirazione e il metabolismo delle piante. Si dovrebbero fornire tra 0,13 e 0,26 kg di fosforo per albero e per anno , periodo ideale durante la fioritura e lo sviluppo delle radici, cioè all’inizio dell’estate e all’inizio dell’autunno. Tuttavia, questi periodi possono variare a seconda della varietà e della zona geografica.

7.3. Fabbisogno di potassio

Il potassio è un elemento che interviene in molti processi della pianta, come l’utilizzo dell’acqua, la sintesi delle proteine ​​e il metabolismo dei carboidrati. Il fabbisogno di potassio è compreso tra 0,6 e 1,3 kg per albero e anno , e va applicato da maggio a ottobre .

8. Irrigazione nella coltivazione dell’avocado

Come abbiamo già commentato, l’avocado è un albero molto dipendente dall’acqua , cioè non tollera la siccità, sebbene, d’altra parte, sia anche molto sensibile al ristagno . Un ristagno d’acqua nel nostro albero di avocado potrebbe essere fatale, poiché favorisce la comparsa di malattie come Phytophthora e Rosellinia . Per questo motivo è molto importante prestare particolare attenzione alla dose, alla frequenza e al tempo di applicazione delle irrigazioni. Il modo più semplice per controllare questi fattori è l’uso dell’irrigazione a goccia , anche se in molti casi si sceglie l’irrigazione a microaspersione .

Ecco un’approssimazione del programma di irrigazione adatto per le aree del sud e dell’est della Spagna . Come nel paragrafo abbonato, va notato che questa è una stima approssimativa e può variare a seconda del tempo o del terreno del nostro giardino.

Per un flusso di gocciolamento di 4 litri/h e una durata di 2,5 ore , stabiliamo il seguente programma di irrigazione:

Anno Gocciolatori / albero
1 1
Due Due
3-5 4
6 e seguenti 8
Mese Irrigazione / settimana
gennaio 0-3
febbraio 0-3
marzo 0-3
aprile 2-4
Maggio 3-5
giugno 5
luglio 6
agosto 7
settembre 7
ottobre 5-6
novembre 2-4
dicembre 0-3

Con i dati sopra otterremmo fabbisogni idrici annui simili a quelli della tabella seguente

Anno litri/anno
1 1860
Due 3720
3-5 7440
6 e seguenti 14880

9. Riferimenti bibliografici

  1. Campos, B., Calderón, E., González, J., Barceló, A., Sarmiento, D., & González, J. et al. (2015). Corso: Coltivazione di avocado. Abstract di presentazioni  (pp. 1-59). Giunta dell’Andalusia. Istituto di ricerca e formazione per l’agricoltura e la pesca. Ministero dell’agricoltura, della pesca e dello sviluppo rurale. https://www.juntadeandalucia.es/agriculturaypesca/ifapa/servifapa/registro-servifapa/f09389e1-fa18-4289-a402-05303fdfa9a8 .
  2. Lemus S., Gamalier; Ferreyra E., Raul; Gil M., Pilar; Maldonado B., Patrizio; Toledo G., Carlos; Barrera M., Cristiano; Celedon de A., JM (2005). Coltivazione dell’avocado . La Cruz, Cile: Istituto di Ricerca Agricola, Ministero dell’Agricoltura del Cile. Bollettino INIA nº129. 76 pagg. https://sioc.minagricultura.gov.co/Aguacate/Normatividad/Manual%20Tecnico%20del%20Aguacate%20INIA%20Chile.pdf#search=el%20cultivo%20del%20palto
  3. Martinez C., Juan Pablo; Muena Z., Victoria e Ruiz Sch., Rafael. (2014)  Nutrizione e fertilità nell’avocado . La Cruz, Cile: Istituto di Ricerca Agricola, Ministero dell’Agricoltura del Cile. Bollettino INIA N° 283, 74 p. https://biblioteca.inia.cl/bitstream/handle/123456789/7768/NR40071.pdf?sequence=1
  4. Rodríguez, L., Cáceres, JJ (2014). Redditività della coltivazione dell’avocado nelle Isole Canarie. Consiglio di Tenerife. Servizio tecnico per l’agricoltura e lo sviluppo rurale. Acqua, agricoltura, granatieri e zona di pesca. http://www.agrocabildo.org/publica/Publicaciones/subt_578_Libro_AGUACATE.pdf
  5. Vivai Brokaw. (sf). Necessità di irrigazione dell’avocadohttps://www.viverosbrokaw.com/tecnicas-de-cultivo/necessidades-de-riego-del-aguacate/

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.