Suggerimenti

Irrigazione dell’ortensia: [necessità, frequenza e procedura]

Che hai un’ortensia e non sai come regalarla? Sei fortunato perché in questa guida ci siamo dedicati a rispondere alle domande più frequenti su questo argomento.

Sì, perché avere una pianta di ortensia è una cosa e godere di un’incredibile fioritura è un’altra. La seconda ci piace e la questione dell’irrigazione è uno dei fattori principali per raggiungere questo obiettivo.

Quindi è meglio che veniamo alle lettere e non dimentichiamo di scrivere tutto ciò di cui hai bisogno per innaffiare le ortensie .

Punti importanti quando si innaffiano le ortensie:
  • Frequenza di irrigazione: in estate , giornaliera oa giorni alterni. In inverno , ogni 5 o 7 giorni.
  • Metodo di irrigazione: con sistema a goccia.
  • Momento ottimale della giornata per l’irrigazione: la mattina presto o la sera.
  • Individuare l’acqua in eccesso: steli flaccidi, fiori poco vigorosi, foglie gialle.
  • Identificare la mancanza d’acqua: foglie che si seccano, perdono la loro lucentezza e possono cadere. Bottoni floreali che non si sviluppano.

Che esigenze di irrigazione hanno le ortensie?

L’ortensia è molto esigente quando si tratta di umidità del suolo, quindi devi prestare attenzione a fornire abbastanza irrigazione per essere felice. A causa degli sbalzi di temperatura, la primavera e l’estate saranno i periodi di maggior richiesta, mentre con il freddo sarà minore.

Oltre ad annaffiare, nelle giornate più calde dell’estate apprezzerà se gli rinfreschi le foglie annaffiandolo con uno spruzzatore . Se lo avete in giardino, godrà molto della pioggia e, se lo avete in vaso, magari potrete eventualmente toglierlo o raccogliere detta acqua perché è il migliore.

Ed è che le ortensie sono un po’ delicate quando si tratta di acqua dura, quindi devi stare attento a questo dettaglio.

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nelle ortensie?

La mancanza di irrigazione delle ortensie è un problema dannoso per la salute e avrà un impatto molto negativo sulla produzione di fiori.

La prima cosa che noterai è che i boccioli dei fiori inizieranno a cadere senza svilupparsi , il che sarà un riduttore intorno alla fioritura.

Le foglie ti diranno anche che qualcosa non va perché diventeranno un po’ secche, perderanno la loro luminosità e diventeranno anche verdi . La cosa buona è che è un problema facile da risolvere applicando un’irrigazione profonda che penetra all’interno del substrato .

In seguito, non ti resta che lasciare che la pianta dreni il liquido in eccesso e mantenere la consueta frequenza di irrigazione che preferisci in base al periodo dell’anno.

Ogni quanto bisogna innaffiare le ortensie?

Per poter stabilire una frequenza di irrigazione che si adatti bene alle condizioni della tua pianta, devi valutare l’ambiente. La cosa più comune è che in estate si stabilisca la frequenza nelle annaffiature giornaliere o al massimo intergiornaliere per fare in modo che il terreno rimanga umido.

Al contrario, in inverno dovrai distanziare l’irrigazione, inserendola in una ogni 5 o 7 giorni , come vedi le condizioni del terreno. Ricorda che l’importante è annaffiare per avere un buon livello di umidità ma senza allagamenti.

Qual è il modo migliore per innaffiare le ortensie?

L’ irrigazione a goccia è più adatta per fornire acqua alle ortensie e far prosperare la salute. Puoi implementarlo con un meccanismo automatico o manuale, con l’uso di un annaffiatoio , in base alle tue condizioni particolari.

I punti importanti che devi considerare è che il flusso d’acqua in uscita è basso in modo che la terra assorba gradualmente il liquido.

Se applichi l’irrigazione tutta in una volta, quello che genererai è una pozzanghera nella parte superiore del vaso ma il fondo rimarrà asciutto. Evita di annaffiare dall’alto in modo che i fiori e le foglie non si bagnino perché possono aprire la porta alle malattie.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nelle ortensie?

Controllare il livello di umidità nelle ortensie sarà un compito a cui dovresti prestare molta attenzione, poiché le pozzanghere sono dannose. Un terreno molto umido non è lo stesso di un terreno con acqua stagnante perché quest’ultima potrebbe causare la crescita di funghi e la morte delle radici.

Tieni presente che l’acqua eccessiva impedisce alle radici di respirare, quindi finiranno per morire. L’eccesso di acqua si può notare con foglie gialle, steli flaccidi e fiori che perdono il loro consueto vigore.

Le ortensie sono piante dalle bellissime fioriture che possono colorare il tuo giardino di diverse sfumature a seconda del tipo di pianta che scegli. Dare loro l’amore che meritano è un privilegio e uno dei modi più pratici per farlo è annaffiare le ortensie.

Forse ti interessano anche:
  • Cura dell’ortensia: [Terra, umidità, potatura e problemi]
  • Cura dell’ortensia: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Potare le ortensie: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Trapiantare le Ortensie: [Condizioni, Tempo, Strumenti e Passi da seguire]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.