Suggerimenti

Ricetta di sapone di farina d’avena e miele fatta in casa

Vuoi sapere come preparare in casa un sapone naturale che coccola la pelle più delicata?

In questo passo passo su come fare il sapone fatto in casa ti do la ricetta ideale per realizzare un sapone fatto a mano capace di prendersi cura della pelle più sensibile.

Vedrai che la preparazione è semplice, ma è anche importante tenere in considerazione alcuni problemi di sicurezza di base per evitare contrattempi.

Fare il sapone fatto in casa

Sempre più persone sono interessate a realizzare i propri cosmetici in casa perché preferiscono prodotti naturali, privi di ingredienti che possono essere dannosi.

Molti di voi sapranno già che nella sezione Blog Home Rimedi hai una moltitudine di ricette per preparare vari prodotti naturali. Inoltre, può essere utile conoscere a fondo i famosi Parabeni e anche gli Ingredienti tossici che dovresti evitare nei prodotti cosmetici .

Se i cosmetici naturali sono la tua passione, ti divertirai sicuramente a preparare il tuo sapone fatto in casa. Lo usiamo più volte al giorno (per la doccia, le mani e il viso) e vale la pena utilizzarne uno realizzato con ingredienti di buona qualità e privo di sostanze chimiche di sintesi . La nostra pelle e la nostra salute in generale ci ringrazieranno.

Perché fare il sapone di farina d’avena e miele?

Questo sapone include olio d’oliva , olio di cocco e olio di ricino nella sua composizione , che si prendono cura, idratano, nutrono e proteggono la pelle. Questi tre oli, insieme all’olio di argan , sono quelli che utilizzo di più quando faccio il sapone in casa.

Ma anche, siccome volevo che fosse un sapone per pelli sensibili , ho inserito nella sua formulazione farina d’avena e miele. Due ingredienti dalle proprietà eccezionali per questo tipo di pelle.

  • La farina d’avena ha un effetto calmante, lenisce la pelle pruriginosa e irritata, pulisce i pori, idrata e nutre. Leggi di più sulle proprietà dell’avena .
  • Il miele ha anche un’azione calmante sulla pelle. E si aggiunge il suo potere antinfiammatorio, cicatrizzante e rivitalizzante. Promuove il rinnovamento della pelle danneggiata. Scopri gli altri Benefici del Miele .

Questo sapone è l’opzione più naturale e rispettosa per la pelle delicata.

Vediamo come fare il sapone di farina d’avena al miele?

Ricetta Sapone Farina d’Avena e Miele (processo a freddo)

Hai bisogno:

  • 230 ml di olio d’oliva
  • 90 ml di olio di cocco
  • 25 ml di olio di ricino
  • 113 ml di acqua di farina d’avena (sotto vedrai come prepararla)
  • 47 grammi di soda (idrossido di sodio)
  • 75 grammi di fiocchi d’avena
  • 20 grammi di miele

* Utilizzare utensili e contenitori in legno, plastica dura o vetro.

* Indossare guanti, occhiali, grembiule e mascherina. Si consiglia di stare in un luogo tranquillo, senza bambini o animali intorno, per evitare incidenti.

* Affinché il sapone esca bene, è importante pesare e utilizzare le quantità esatte che ho specificato per ogni ingrediente.

Elaborazione:

Passo 1

Per prima cosa prepariamo l’acqua di farina d’avena la sera prima o il giorno prima:

Scaldiamo circa 200 ml di acqua. Quando inizia a bollire, aggiungere 60 grammi di avena, coprire e cuocere per 5 minuti. Poi spegnete il fuoco e lasciate riposare per 10 minuti. Filtrare (strizzare bene la farina d’avena per ottenere tutto il suo succo) e pesare la quantità necessaria per la ricetta (113 ml), e riempire con essa un cubetto di ghiaccio per congelarla, per almeno 6 ore prima di preparare il sapone.

Puoi anche congelare il resto dell’acqua di farina d’avena che ti è avanzata, berla così com’è, berla con caffè, cacao o tè, usarla in ricette di cucina come frullati e gelati o anche usarla sotto la doccia e per applicare come maschera e detergente sul viso. Quali opzioni, giusto!

Ricorda che per fare il sapone è importante che ci mettiamo in una zona ben aerata. Se possiamo essere fuori su una terrazza, giardino, ecc. migliore. E dobbiamo indossare guanti, mascherina e occhiali.

Passo 2

In questo passaggio, devi indossare guanti, occhiali, maschera e grembiule.

In un contenitore pesare la soda e in un altro (di vetro, legno o plastica dura) mettere i cubetti di acqua di farina d’avena congelata. Versare con cautela la soda sui cubetti di farina d’avena poco per volta. È importante che sia la soda che versi nell’acqua di farina d’avena e non viceversa, l’acqua sopra la soda.

Mescolare bene. Noterai che i cubetti di ghiaccio sbiadiscono con l’aumentare della temperatura. Questo è il passaggio più delicato perché fuoriescono dei fumi. Inoltre, mentre mescoli il composto devi stare attento a non schizzarti per non scottarti.

Quando vedi che la soda è completamente sciolta, prenota e vai al passaggio successivo.

Passaggio 3

In un contenitore di legno, vetro o plastica dura, aggiungere l’olio d’oliva, l’olio di ricino e solo 45 grammi di olio di cocco (il resto lo useremo in traccia, più avanti).l’olio di cocco è liquido, se è solido è si scioglierà subito.

E quando la temperatura della miscela che abbiamo preparato in precedenza con la soda è scesa ed è tiepida (circa 35/40 ºC), la versiamo nel recipiente in cui abbiamo gli oli.

Passaggio 4

Utilizzare un mixer ad immersione o manuale per mescolare tutti gli ingredienti. Avrai bisogno di una decina di minuti per ottenere la consistenza di una crema pasticcera. È poi, quando raggiunge la traccia , quando aggiungiamo il resto dell’olio di cocco (45 ml) e il miele e mescoliamo per altri due minuti con il mixer, in modo che sia completamente integrato nella miscela.

Successivamente aggiungiamo il resto dei fiocchi d’avena che ci erano rimasti (15 grammi) e questa volta mescoliamo con una spatola o un cucchiaio, in modo che i fiocchi non si taglino quando li battiamo.

Passaggio 5

Riempite lo stampo, quindi tenetelo con entrambe le mani e date allo stampo un paio di colpetti sul tavolo per eliminare eventuali bolle d’aria che potrebbero rimanere e copritelo con della pellicola .

Lascia riposare il sapone in questo modo per 24-48 ore, in un luogo ventilato e al riparo dalla luce solare diretta.

Passaggio 6

Trascorso il tempo indicato, sformare con cura e tagliare i saponi. Per renderli tutti più o meno della stessa dimensione, puoi usare la misura dell’alluce per lo spessore dei saponi. Vedrai che la sua consistenza è ancora morbida.

Se vuoi fare un segno sulle saponette (con un timbro o con uno stuzzicadenti), il momento di farlo è adesso.

Passaggio 7

Quando hai tagliato i saponi, li lasci «curare» in un luogo lontano dalla luce solare diretta e ben aerato. Girali ogni giorno.

Prima di usarli, dovresti lasciar maturare i saponi in questo modo per 4-5 settimane, che è il momento in cui la saponificazione è ancora in corso .

Usa questo sapone di farina d’avena e miele per il corpo, le mani e il viso.

Domande frequenti sul sapone fatto in casa

La soda può essere dannosa?

Sì, la soda una volta mescolata con un liquido, come in questo caso l’acqua di farina d’avena, è molto dannosa se cade sulla pelle, sugli occhi, ecc. Inoltre, poiché la miscela raggiunge temperature elevate, fuoriescono vapori che dobbiamo evitare di respirare.

Ecco perché sottolineo fare il sapone in un luogo ben ventilato (preferibilmente all’aperto), indossando occhiali, guanti e maschera.

I saponi fatti con la soda possono danneggiare la mia pelle?

No. La soda scompare principalmente al momento della preparazione del sapone e anche durante il processo di saponificazione che avviene nelle settimane successive. Questo è il motivo per cui è importante che il sapone possa polimerizzare (riposare) per un periodo da 4 a 5 settimane prima di usarlo.

Non solo non danneggia la pelle, ma anche il sapone a base di soda può essere di grande aiuto per prendersene cura, come questo sapone di farina d’avena e miele.

Qual è il processo di saponificazione?

È la reazione chimica che si verifica quando mescoliamo la soda con gli oli. Questi due ingredienti si trasformano in due prodotti: il sapone stesso e la glicerina.

I saponi alla glicerina sono migliori dei saponi alla soda?

No, non sono migliori per la nostra pelle. Nel migliore dei casi, la glicerina che si può ottenere per fare i saponi alla glicerina è stata ottenuta dal sapone tradizionale stesso (quello fatto con la soda), che viene prodotto durante la saponificazione del sapone.

Ma nella maggior parte dei casi, la glicerina è un prodotto a base di sostanze chimiche sintetiche tutt’altro che naturale.

Quanto dura un sapone naturale?

Consiglierei di usare il sapone entro un massimo di un anno dopo averlo fatto.

Posso fare un sapone con gli oli che voglio?

Puoi formulare i tuoi saponi fatti in casa con gli oli che più ti piacciono e che meglio si adattano al tuo tipo di pelle e alle tue esigenze.

Nel Calcolatore Mendrulandia puoi inserire le quantità dei saponi che vuoi usare e puoi controllare se soddisfa i parametri per ottenere un buon sapone (schiuma, pulizia, ecc.).

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.