Suggerimenti

El Singonio: [Caratteristiche, Semina, Cura, Substrato e Irrigazione]

Il Singonium o punta di freccia, pianta con il nome scientifico Syngonium , si riconosce per la particolarità delle sue grandi foglie a forma di freccia e di tonalità verde scuro con venature biancastre che donano belle sfumature ai suoi pronunciati nervi.

È una pianta che cresce bene in casa . Inoltre può essere considerata anche come pianta ornamentale . È anche considerata una pianta invasiva in alcune parti del mondo.

 

Caratteristiche del singonium

  • Famiglia: Araceae.
  • Origine: Brasile, Bolivia, Ecuador e Messico.
  • Nomi comuni: pianta della vite o della punta di freccia, meraviglia a tre foglie, nephthytis, sempreverde africano, nephthytis dell’oro verde, pianta del piede d’oca, cinque dita.

Cresce nelle zone di giungla tropicale del Centro e Sud America, dove sviluppa una grande capacità di arrampicarsi su rocce e alberi molto diversi.

Sono note più di venti specie, ma le più diffuse sono S. podophyllum  e  S. wendlandi. Appartiene alla stessa famiglia come anturi .

È una pianta rampicante, (come l’ edera o il potus argentato ) con grande capacità di crescere in breve tempo , fino ad un massimo di circa due metri di altezza. Ad un certo punto della sua crescita, ti richiederà di supportarlo con un tutor per poter stare in piedi.

Ideale per i non esperti nell’arte del giardinaggio, proviene dal Sud America e appartiene alla famiglia delle Araceae.

 

Temperatura: dove piantare il syngonium?

La temperatura che supporta varia da 16 a 21 ºC. Può tollerare anche climi più caldi, fino a 30°C, data la sua origine da giungla tropicale.

Ma l’ideale è tenerlo sempre a temperatura ambiente costante, senza sbalzi che lo alterino fino a fargli perdere le belle foglie. Si adatta bene a temperature più basse che sono estranee alla sua natura originaria, ma non sottoporlo a sbalzi o avvicinarlo a un flusso di aria fredda o calda (impianti di riscaldamento con termosifoni)

L’umidità lo abbassa lo tollera ed è più conveniente per esso. Ma se l’umidità è alta e lei è molto ben nutrita, con tutte le sue sostanze nutritive, resisterà senza problemi.

Luz: Che bisogni hai?

Richiede un’esposizione solare indiretta, non va mai insolata per lunghi periodi, perché le sue foglie larghe ne risentiranno notevolmente.

E sebbene possa resistere a un ambiente scarsamente illuminato, dovrebbe essere chiaro per te che avrà sempre bisogno di illuminazione naturale. Posizionalo vicino a una finestra o su un terrazzo.

Ma tieni presente che in luoghi piuttosto ombrosi, il suo fogliame diventa ugualmente scuro e le sue sfumature caratteristiche non si vedono più. Ma non muore.

 

Substrato e Compost: come prepariamo il terreno?

Sicuramente ti starai chiedendo in questo momento quale sia il substrato più adatto per questa pianta.

Una formula contenente 4 porzioni di torba per ogni parte di sabbia fine è più che sufficiente. Inoltre al posto della sabbia, puoi aggiungere una porzione di perlite o poliuretano.

Per quanto riguarda il fertilizzante , consigliamo un tipo completo con un rapporto 3: 1: 2, con una velocità di 150-200pmm. E se optiamo per il processo di compostaggio a lenta cessione, basta aggiungere un composto di calcio che aumenta il livello di pH .

Irrigazione: come e con che frequenza annaffiamo?

Quando si fornisce acqua, è consigliabile farlo in modo moderato senza lasciare che il terreno si asciughi tra ogni annaffiatura. Inoltre, non eseguire questa azione in modo tale da allagare la base.

Questo è in realtà fatale per molte specie e questa pianta non fa eccezione.

Il segreto della sua resistenza e durata è quello di evitare che le radici e la base delle foglie marciscano con l’acqua in eccesso.

Nebulizza tutte le sue foglie se fa troppo caldo una giornata, ma in realtà questa pianta non richiede molto in termini di umidità ambientale.

Dovrebbe anche essere posto un paletto con muschio, quando inizia a perdere le foglie. In genere stanno cadendo quelle secche e compaiono nuove foglie alla sommità del fusto che dovranno essere modellate, perché le radici aeree che sporgono dovranno andare nel muschio. Non è difficile ottenerlo.

Appaiono anche steli rampicanti che devi tagliare per non privarlo di molta energia e che continua a crescere compatto.

Non trascurarlo e avrai un’ottima pianta da interno, di grande durata e bellezza.

 

Parassiti e malattie del singonium

Il singonium può essere suscettibile ai parassiti perché cresce molto spesso. Amano nascondersi ed essere protetti all’interno del suo denso fogliame.

Tieni gli occhi aperti per le cocciniglie, specialmente mentre crescono. Questi parassiti bianchi simili al cotone amano uscire nei nodi e sotto le foglie.

Monitoriamo e proviamo ad espellerli quando sono apparsi con uno spray a nebbia d’ olio di neem o all’esterno con il tubo.

Devi anche essere alla ricerca di afidi e acari.

È meglio agire non appena vedi una piaga perché si moltiplicano molto facilmente. I parassiti possono spostarsi rapidamente da una pianta all’altra, quindi effettua i controlli necessari quando li rilevi.

 

Il Singonium è una pianta tossica?

Sì. Le piante appartenenti alla specie syngonium sono piante tossiche .

La maggior parte delle piante d’appartamento sono tossiche, quindi dovresti stare attento se hai bambini piccoli o cani.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.