Suggerimenti

Semina Salsapariglia: [Coltivazione, Irrigazione, Associazioni, Parassiti e Malattie]

La Sarsaparilla o Rovo moresco (Smilax aspera) è una pianta rampicante di tipo perenne ed appartiene alla famiglia delle Grossulariaceae .

È originario dell’Europa centrale e orientale, tuttavia alcune specie provengono dall’Asia e dall’America. Può raggiungere circa 15 metri di lunghezza.

Ha un fusto ruvido e spinoso, di solito lungo circa 2 m, ma ha la possibilità di afferrare e arrampicarsi sul tronco di un albero con i suoi numerosi viticci e germogli spinosi.

Può raggiungere una lunghezza considerevole. Può anche diffondersi sul terreno in un fitto groviglio. Fiorisce in piena estate . La salsapariglia ha radici fibrose e quasi cilindriche utilizzate nel sudore e nei farmaci purificanti.

La salsapariglia nera è la più importante per la sua superficie coltivata e per i suoi elevati volumi di produzione. L’Europa concentra oltre l’80% della produzione commerciale di Sarsaparilla ei principali paesi produttori sono Polonia, Regno Unito, Danimarca, Francia, Germania e Nuova Zelanda.

In passato, le radici di salsapariglia venivano usate per curare malattie reumatiche e della pelle. Attualmente gli sono riconosciute proprietà depurative del sangue, stimolanti, sudoripare (sintomi influenzali e catarrali) e diuretiche che riducono il colesterolo nel sangue e i dolori digestivi.

La radice è sempre stata utilizzata anche per fare succhi, alcuni tipi di birra e bevande zuccherate.

Quando seminare una salsapariglia?

La salsapariglia può essere riprodotta per talea semimatura in estate o per seme o divisione all’inizio della primavera .

Nel processo di semina della Sarsaparilla è fondamentale disporre di piantine di buona qualità, prive di parassiti e malattie , che devono essere acquisite in vivai certificati.

L’ideale è utilizzare piante di una o due stagioni, vigorose e con un buon sviluppo radicale.

Dove farlo?

La semina della salsapariglia può essere effettuata nei frutteti, in vaso per poi trapiantarle o direttamente in luoghi che ne permettano lo sviluppo.

Come preparare il terreno?

Per effettuare una buona preparazione del terreno è necessario conoscere la vegetazione esistente, la topografia del luogo e le caratteristiche fisiche del suolo.

Con queste informazioni vengono pianificati l’uso del maggese chimico, l’uso e l’ordine di funzionamento degli attrezzi agricoli.

La preparazione del terreno è una pratica essenziale per il corretto sviluppo del giardino . Lo scopo fondamentale è rimuovere il terreno a profondità superiori a 40 cm per migliorare le condizioni strutturali e la sua capacità di ritenzione dell’umidità.

In questo modo è consentita un’adeguata penetrazione di aria e acqua, necessaria per lo sviluppo della massa radicale. La salsapariglia richiede un terreno siliceo ben drenato con mezz’ombra o piena esposizione al sole, protetto dal vento.

Come innaffiamo una salsapariglia?

La salsapariglia è una pianta che richiede molta umidità, quindi si consiglia di mantenere sempre fresco il terreno per essa.

I requisiti di irrigazione sono stabiliti confrontando la domanda idrica delle colture con le precipitazioni. Se questi ultimi sono inferiori alla domanda idrica della coltura, la differenza deve essere fornita con l’irrigazione.

Come seminiamo una salsapariglia passo dopo passo?

Per seminare questa pianta si consiglia:

La scelta dei semi

Si raccomanda che sia un buon gruppo di semi perché non sempre ne germina uno solo.

Stratifica i semi

Freddo per un paio di settimane. Per fare ciò, i semi verranno introdotti in una cassetta di semina in sottili strati sovrapposti di un substrato formato con la miscela di parti uguali di torba e sabbia.

Vanno poi posti all’esterno con temperature comprese tra 3° e 6° gradi. Se la temperatura è più alta o più bassa, è meglio coprire la scatola con della plastica e metterli in frigorifero.

Trapianto

Quando le piante saranno cresciute e potranno essere maneggiate correttamente, verranno trapiantate in vaso se il clima è freddo e verranno mantenute protette per un paio d’anni.

Successivamente, saranno piantati nel loro posto finale all’inizio dell’estate. In luoghi caldi possono essere seminati direttamente nel loro posto finale.

La semina per divisione dei polloni in primavera verrà effettuata direttamente sul posto in luoghi caldi o in vasi che verranno trapiantati l’anno successivo, in estate.

Essendo una specie dioica, richiederà esemplari di entrambi i sessi per poter dare i suoi frutti.

Quali associazioni favorevoli ha la salsapariglia?

Quando si coltivano piante diverse in giardino, è utile sapere quale tipo di associazione esisterà tra le diverse varietà vegetali.

Alcune combinazioni possono essere vantaggiose e possono essere utilizzate, altre invece vanno evitate perché non producono benefici tra di loro. La salsapariglia potrebbe essere associata a qualsiasi altra pianta che la aiuti a raggiungere la sua espansione e non le impedisca di ottenere i nutrienti per il suo sviluppo.

Quali parassiti e malattie attaccano la salsapariglia?

Gli insetti e gli acari presenti nella coltura della Sarsaparilla hanno in comune il fatto di essere specie polifaghe; cioè, si nutrono di una vasta gamma di piante.

Questi parassiti includono l’ afide verde della pesca, l’afide della patata e l’ arañita a due macchie.

Per prevenire o ridurre l’attacco di questi parassiti, è necessario un tempestivo e permanente controllo delle infestanti all’interno di serre e giardini , così come nei settori circostanti, perché anche le erbe infestanti sono per lo più ospiti di questi parassiti.

Le malattie che possono attaccare la salsapariglia comprendono quelle causate da funghi (marciume del collo; marciume grigio; cancro o morte dei ramoscelli); da batteri (branchie del collo); o da virus (virus del mosaico dell’arabis e virus del ringpot di pomodoro).

La gestione della malattia deve basarsi su una diagnosi accurata, per la quale è essenziale conoscere gli agenti che stanno interessando le piante e offrire trattamenti in base a ciascuno di essi in modo specifico.

Bibliografia e riferimenti

  • López González, Ginés A. (2004). Guida agli alberi e agli arbusti della Penisola Iberica e delle Isole Baleari. Specie selvatica e coltivata comune . Paraninfo editoriale. Madrid, Spagna.
  • Berdonces, Josep Lluís. (2019). Enciclopedia della fitoterapia e delle piante medicinali . Libri RBA. Barcellona, ​​Spagna.
  • Guambo Delgado, David Mesias. (2016). Identificazione dei metaboliti secondari della radice di salsapariglia (Smilax Aspera) per l’elaborazione di una bevanda. Università Nazionale del Chimborazo. Riobamba, Ecuador. Riprodotto da:  http://dspace.unach.edu.ec/bitstream/51000/2828/1/UNACH-EC-IAI-2016-0007.pdf
  • Pérez González, Darío Antonio. (2015). La via della salsapariglia: aspetti etnobotanici ed economici della salsapariglia (Dioscorea spp.) A Cundinamarca (Colombia). Università Nazionale della Colombia. Bogotà Colombia. Riprodotto da: https://repositorio.unal.edu.co/bitstream/handle/unal/55955/11449642.2015.pdf?sequence=1&isAllowed=y

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.