Suggerimenti

5 consigli per preparare il tuo orto biologico per l’inverno

L’inverno è una stagione dell’anno caratterizzata da giornate corte con poca luce, notti lunghe, temperature basse, pioggia, neve, grandine e venti freddi. È importante tenere conto di alcuni aspetti per preparare, nel miglior modo possibile, l’orto biologico a resistere bene all’inverno.

Se in precedenza hai fatto piantare degli ortaggi, una volta effettuato l’ultimo raccolto, approfittane anche per eliminare gradualmente le radici, i rami e i resti di questi che potrebbero essere rimasti. Andremo ad arieggiare la terra fino ad una profondità massima di 50 cm e verificheremo che non ci siano grosse zolle di terra, sassi, ecc. che possono ostacolare lo sviluppo delle radici. Se ci sono piante che hanno già terminato il loro ciclo di vita, possiamo gettarle nel cumulo di compost, oltre a rami e altri detriti.

Se coltivate su terrazze, è un buon momento per ristrutturarle. Ti consiglio di gestirlo uno per uno in modo da non avere la sensazione che ci sia caos in giardino e che lavori con maggiore agilità.

Una volta rimosse le colture estive e le annuali, vedremo quali compiti fare per preparare il nostro giardino per l’inverno.

Non è facile gestire il giardino durante l’inverno, soprattutto se sei agli inizi nel giardinaggio, ed è per questo che vogliamo darti alcuni consigli per facilitare questo lavoro.

5 consigli per preparare il tuo orto biologico per l’inverno.

1.- Pianifica quali verdure e aromi vuoi coltivare.

Come si fa? Ti consiglio di prendere in considerazione 4 domande:

  • Il programma di impianto , la rotazione delle colture e le colture da tavola associative .
  • Cosa ti piace mangiare
  • Quali verdure crescono meglio nella tua zona a causa delle condizioni meteorologiche
  • Disponibilità che dovrai dedicare al tuo giardino più o meno tempo.

2.- Fornisce materia organica alla terra

Se abbiamo coltivato ortaggi durante la primavera e l’estate, potrebbe essere una buona idea aggiungere al terreno materia organica come compost, sovescio o vermi per aumentarne la fertilità.

Tuttavia, prima di farlo, ti consiglio di fare un’analisi del terreno per sapere esattamente in che condizioni si trova. Possiamo eseguire questa analisi visivamente da soli (vedi di più qui ) oppure possiamo anche raccogliere un campione e inviarlo a un laboratorio.

Dobbiamo inoltre tenere presente che, essendo un periodo con piogge frequenti, dobbiamo verificare che il drenaggio del terreno sia ottimale in modo da non avere problemi di pozzanghera e soffocamento delle radici.

Se non hai intenzione di coltivare nulla su nessuna delle terrazze, puoi piantare piante che fissano l’azoto che miglioreranno la qualità del terreno per le colture successive.

3.- Proteggere semenzai e colture dal gelo, dalla grandine e dai forti venti

Possiamo farlo con tessuti protettivi, serre, tunnel di coltivazione e possiamo persino proteggere le colture dal freddo vento invernale utilizzando frangivento . Nei primi casi è importante ventilare bene periodicamente, soprattutto nelle giornate soleggiate o con temperature più elevate.

Il vento freddo persistente può essere piuttosto dannoso. Soprattutto per piante senza fusto forte, per alcune piantine e alcuni arbusti o anche per piccoli alberi da frutto. In questi casi, possiamo posizionare una rete attorno ad essa e un tutorato che darà un supporto in più alle colture.

Dobbiamo controllare che le serre siano in buone condizioni e prive di parassiti o funghi. Alcuni insetti parassiti possono sopravvivere all’inverno sotto forma di uova che si schiuderanno in primavera se non abbiamo un rimedio.

4.- Metti in pratica l’imbottitura o il pacciame

Questa pratica è molto comune nell’agricoltura biologica e nella permacultura. Consiste nel ricoprire il terreno della coltura con paglia, pinnace, ghiaia, pigne o altri materiali per mantenere il terreno più soffice e ridurre l’impatto delle basse temperature sulle radici delle piante. Maggiori informazioni sull’imbottitura .

Quando trapianti le piantine nel luogo finale di crescita, puoi già posizionare il pacciame intorno a loro.

5.- Avere modifiche a portata di mano per evitare o ridurre i danni alle colture

A questo punto è importante conoscere le previsioni del tempo per poter anticipare le gelate. Le gelate possono causare danni sia alla parte aerea delle piante che alle radici.

Oltre ad annaffiare durante il giorno anziché nel tardo pomeriggio, possiamo attuare questo semplice emendamento che è abbastanza efficace.

Come possiamo ridurre al minimo questo danno da gelo? Con Valeriana. Oltre ad essere una pianta medicinale che viene utilizzata nei rimedi casalinghi per i suoi benefici di valeriana , può essere di grande aiuto anche durante l’inverno.

Questa pianta è molto efficace per questi casi. Preparare il macerato di valeriana è molto semplice:

Servono 500 grammi di pianta fresca (o 250 di pianta secca) e 5 litri di acqua.

Tagliate la valeriana in porzioni di circa 4 cm e mettetele in un secchio, contenitore o bacinella (non di metallo). Schiacciateli un po’ per due o tre minuti. Aggiungere l’acqua a poco a poco. Coprire quasi completamente il contenitore e riporlo in un luogo buio e arioso. Lo lasceremo così per un periodo da 3 a 5 giorni. Sposteremo il mosto un po’ ogni giorno. Dopo questo tipo lo scoliamo e aggiungiamo altri 2 litri di acqua. Con uno spray, il pomeriggio prima del gelo, applicare il macerato su tutta la parte aerea e sul terreno attorno al fusto delle piante.

Inoltre, la valeriana è molto interessante perché stimola l’attività microbica della terra.

È sicuramente una buona idea coltivare la valeriana nell’orto o nel giardino.

Unisciti ad altri giardinieri che stanno già godendo i loro orti biologici con l’aiuto del nostro libro “Orti urbani e aiuole” in cui troverai molte informazioni utili sull’orto biologico urbano, scaricalo ora!

.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *