Suggerimenti

Come essiccare e conservare le piante officinali e aromatiche passo dopo passo

Questo articolo su come disidratare o essiccare e conservare le piante officinali e aromatiche è la seconda parte del post Quando e come raccogliere le piante officinali .

Le piante medicinali hanno proprietà e qualità curative o preventive, come quelle che aiutiamo a mantenere un funzionamento ottimale del sistema immunitario e, di conseguenza, nel nostro benessere generale. Le piante aromatiche, che possono avere anche proprietà medicinali, vengono invece utilizzate nelle ricette di cucina dolci e salate per aggiungere profumo, colore e sapore ai nostri piatti.

Vale la pena poterli utilizzare e sfruttare i loro benefici durante tutto l’anno, e un ottimo modo per farlo è asciugarli e conservarli in modo da poterli utilizzare ogni volta che ne abbiamo bisogno.

Come essiccare piante officinali e aromatiche

Questi due gruppi di piante vengono raccolti e conservati in vari modi, e uno di questi modi, e forse il più noto, è l’essiccazione. L’essiccazione consiste nell’estrazione di umidità e liquidi dalla pianta per prevenirne la putrefazione e poterla immagazzinare, senza perdere le sue proprietà di base.

Prima di tutto, devi scegliere quale tipo di metodo di asciugatura è il migliore per te :

  • Per i fiori e le parti aeree è interessante realizzare mazzi per l’essiccazione
  • L’essiccazione in cassetti o rastrelliere o in sacchetti di cotone è consigliata per altre parti aeree come foglie, bulbi e radici.
  • Per semi e cortecce, potresti essere interessato all’essiccazione in forno.

Ma non preoccuparti, perché di seguito spiegheremo come eseguire ogni processo di essiccazione passo dopo passo.

Essiccato in mazzi

Un metodo tradizionale di essiccazione delle piante con i seguenti passaggi.

  1. Metti insieme 4 o 5 steli della pianta.
  2. Con un filo di cotone legateli alla base del fusto della pianta.
  3. Più tardi metteremo una corda su un muro dove non splende il sole.
  4. Legheremo i mazzi posti a faccia in giù con il filo di cotone o con delle mollette, lasciando spazio tra un mazzo e l’altro per far circolare l’aria.
  5. Li lasceremo essiccare per circa 10-20 giorni, a seconda della pianta, e vedremo se sono ben asciutti. In tal caso possiamo già memorizzarli.

.

Asciugatura in cassetti e cestelli

È un altro metodo tradizionale di essiccazione delle piante, ma a differenza del metodo di essiccazione nei mazzi di fiori, richiede spazio fisico e l’acquisto del materiale.

  1. Dobbiamo acquistare o creare dei cassetti con delle griglie nella parte inferiore, in modo che l’aria circoli, oppure posizionare delle griglie su cui metteremo le piante tra le macchie.
  2. Sbricioliamo le piante, togliendo i gambi e lasciando le parti che ci interessano. Nel caso di radici essiccate, le taglieremo in pezzi fini e piccoli e le disporremo orizzontalmente sopra la griglia.
  3. Posizioniamo le griglie in un luogo asciutto senza luce solare diretta.
  4. Lasciamo fare l’essiccazione per circa 10-20 giorni, a seconda della pianta, e vediamo se è stata fatta correttamente. In tal caso, procediamo alla memorizzazione.

Asciugatura in sacchetti di tela

Questo modo di essiccare piante aromatiche e officinali richiede un po’ più di attenzione da parte nostra, poiché può apparire umidità, ma d’altro canto è semplice da eseguire e richiede poco spazio e materiale.

  1. Utilizzeremo borse di stoffa che sono al 100% in cotone, poiché garantiscono che siano traspiranti.
  2. Mettiamo la parte delle nostre piante che andremo ad utilizzare all’interno del sacco e ci assicuriamo che solo un quarto del sacco sia pieno in modo che l’aria circoli senza problemi.
  3. Posizioniamo la borsa di stoffa dietro una porta o su un muro, preferibilmente in un luogo ombreggiato. anche se non succede nulla se il sole tocca alcune ore della giornata.
  4. Lo lasciamo asciugare tra 10 e 20 giorni ma ogni 5 giorni lo apriamo e lo rimuoviamo, facendo attenzione che le piante non marciscano.
  5. Dopo 20 giorni e se l’essiccazione è stata effettuata correttamente, possiamo salvare le nostre erbe.

Essiccato al forno

È un modo più veloce ma allo stesso tempo meno sicuro perché alcune proprietà della pianta possono andare perse.

  1. Preriscaldare il forno a 40ºC.
  2. Mettiamo una carta da forno sulla griglia e posizioniamo la parte delle nostre piante che vogliamo asciugare.
  3. Mettere la griglia in forno e lasciare asciugare per 2 ore con lo sportello socchiuso.
  4. Controlla il tuo processo ogni 20 minuti e che non bruci
  5. Una volta raggiunto il risultato, l’impianto può essere salvato e archiviato.

Questi quattro metodi di essiccazione delle piante sono i più comuni e utilizzati perché se eseguiti correttamente garantiscono che la pianta si disidrati e mantenga le sue proprietà e il suo aroma, che ci interessa per un suo successivo utilizzo.

Come conservare le piante essiccate

Una volta essiccate le erbe dobbiamo procedere alla loro conservazione. Questo processo è più semplice del precedente.

  • Per prima cosa, dovrai decidere se preferisci mantenere le tue piante nella loro configurazione attuale o se vuoi tritarle o trasformarle in polvere. Questo può essere fatto con il robot da cucina o tagliandoli con un motociclista. Inoltre, se li hai asciugati con un bouquet, dovresti staccarli da esso con le dita per poter salvare la parte che viene utilizzata.
  • Secondo, scegli i contenitori giusti. L’opzione migliore è metterli in barattoli di vetro che si chiudano bene e siano di colore scuro in modo che la luce del sole non li danneggi. Nel caso in cui i tuoi vasetti siano trasparenti, puoi coprirli con dei tessuti o riporli in un luogo asciutto e fresco dove la luce del sole non arriva. Usa lattine che si adattino alla quantità di materiale che hai poiché se c’è troppo spazio, l’aria può accumularsi e rovinare le erbe.

Dovresti prendere in considerazione la possibilità che le tue piante si rovinino. Sapere. Dovresti prestare attenzione all’odore che emanano quando apri il contenitore in cui li conservi. dovrebbe essere fresco e privo di odori strani. Anche il loro aspetto ci dice se sono in buone condizioni. L’aspetto della muffa o dell’umidità nel barattolo di vetro indica che la conservazione o l’essiccazione non sono state corrette e che è stato danneggiato. In entrambi i casi dovresti buttare via le erbe in quanto non possono essere utilizzate.

Infine, tieni presente che l’essiccazione è solo una delle tante opzioni che hai per conservare le tue piante ma che forse ce ne sono altre più adatte alle tue esigenze, come il congelamento , la macerazione, la conservazione con sale o zucchero, ecc.

Speriamo che questo articolo sia stato di tuo interesse e ti fornisca informazioni preziose.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.