Suggerimenti

Ravanello: [colture, irrigazione, associazioni, parassiti e malattie]

Punti importanti durante la semina del ravanello
  • Dove seminare? In piena luce. Ha bisogno di molta luce solare.
  • Quando? In primavera e fino al tardo autunno.
  • Come prepariamo il terreno? Rimosso, eliminando le erbacce . Terreni argillosi e neutri con substrato ricco di sostanze nutritive.
  • Come innaffiamo? Con gocciolamento .
  • Quanto spesso annaffiamo? Abbondante per mantenere l’umidità della coltura, senza eccessi.
  • Piaghe e malattie? Afidi , larve e bruchi . Marciume, rottura del ravanello a causa dell’umidità in eccesso.

Il ravanello,  Raphanus sativu s , è una pianta della famiglia delle Crucifere, ha origine in Cina ed è attualmente diffusa in tutto il mondo. Il suo frutto è una radice viola all’esterno e bianco ghiaccio all’interno.

In latino, il ravanello è “radix” o radice. Il frutto ha un sapore piccante che lo contraddistingue e lo rende molto particolare. I suoi semi sono circolari di colore marrone scuro con un diametro di 5 mm.

Il ravanello è molto apprezzato nell’alta cucina di tutto il mondo per accompagnare insalate e piatti freddi come i sottaceti. Viene anche usato per fare zuppe, stufati e in alcuni luoghi per la decorazione.

Il ciclo di crescita di questa pianta è di circa 3-6 settimane, dalla semina al raccolto, a seconda della varietà. Secondo studi chimici, il ravanello è una fonte di antiossidanti e vitamina C, ha proprietà antinfiammatorie, controlla la pressione sanguigna, purifica i reni e le vie urinarie.

Quando piantare il ravanello?

Il ravanello può essere coltivato per semina diretta nelle stagioni primaverili e nel tardo autunno . Per uno sviluppo migliore, si consiglia di coltivare i ravanelli in un terreno umido e ricco di sostanze nutritive.

Dove farlo?

La pianta del ravanello deve essere collocata in luoghi con molta luce e deve ricevere almeno 4 ore di luce solare diretta al giorno, anche se sopporta la mezz’ombra.

La semina del ravanello sarà migliore nei climi freschi poiché temperature inferiori a 12º C non favoriscono lo sviluppo della pianta.

Come preparare il terreno?

La preparazione del terreno per la coltivazione del ravanello non comporta maggiori cure poiché la pianta si adatta a tutti i tipi di terreno.

Il terreno perfetto per la crescita dei ravanelli dovrebbe includere terreni profondi, argillosi e neutri con un pH compreso tra 5,5 e 6,8.

Il ravanello è una pianta i cui frutti sono ravanelli che crescono come radici e se il terreno non fornisce loro i nutrienti necessari e con una buona umidità allora non può svilupparsi.

Il terreno per la coltivazione del ravanello può essere preparato mediante solchi distanziati tra loro di 15 centimetri. I terreni migliori sono quelli che contengono materia organica in decomposizione.

Circa 20 milioni di batteri e un milione di funghi di solito crescono in una manciata di terreno. Il ravanello richiede un terreno privo di erbacce ed erbacce in modo che la pianta possa svilupparsi e assorbire tutti i nutrienti di cui ha bisogno.

Come innaffiamo il ravanello?

Il ravanello richiede una cura specifica in termini di irrigazione che ha a che fare con il mantenimento di un’umidità uniforme, annaffiando meno frequentemente, ma abbondantemente, annaffiando sempre al tramonto o di prima mattina.

Mantieni sempre le foglie asciutte e aggiungi la giusta quantità di acqua. La pianta richiede che il terreno rimanga sempre umido, facendo però attenzione a non creare pozzanghere,

Il ravanello è più sensibile alla mancanza d’acqua rispetto ad altre specie di piante con radici e durante il periodo vicino alla maturità, si dovrebbe evitare un’eccessiva irrigazione, poiché ciò potrebbe indurre la pianta a sviluppare radici laterali.

Inoltre, se l’irrigazione è in eccesso il ravanello può presentare malattie, come marciume o che il ravanello si spezzi. Al contrario, se le innaffiature sono scarse ma la sua umidità permanente, il suo sapore sarà più piccante.

Come piantiamo un ravanello passo dopo passo?

Il ravanello può essere coltivato direttamente dai semi in un giardino e non richiede il trapianto, quindi nel luogo in cui viene seminato si svilupperà e crescerà sia nel terreno che nei contenitori.

Semina nel frutteto

Se la coltivazione viene effettuata in un frutteto, si consiglia:

  1. Depositare i semi in solchi profondi da 1 a 2 centimetri, a circa 5 centimetri di distanza l’uno dall’altro.
  2. Mantenere una distanza tra le file di circa 5 centimetri in caso di semina su più file. È molto importante rispettare questi spazi affinché il ravanello abbia un buon sviluppo delle radici root
  3. Innaffia subito dopo la semina, non lasciare che il terreno perda umidità.

Semina in vaso

Nel caso di una coltura in contenitori o vasi, devono essere seguiti i seguenti passaggi:

  1. Scegli pentole o contenitori con una profondità di almeno 15 centimetri e un volume minimo di un litro.
  2. Utilizzare un substrato ricco di sostanze nutritive e che abbia un buon drenaggio.
  3. Seminare i semi in piccole file profonde 1-1,5 cm e con una distanza di 8-12 cm tra loro, a seconda delle dimensioni della varietà.
  4. Disporre i semi con una distanza di 5 centimetri e coprire con terra e miscela. Se piantati a stretto contatto, i ravanelli risentiranno delle alte temperature e le loro radici non cresceranno correttamente, alterando anche il loro sapore.
  5. Fertilizzare il ravanello 15 giorni dopo la semina per fornire più nutrienti e favorire la sua crescita.

Le piantine di ravanello nasceranno circa 3 giorni dopo la semina, e le prime foglie, cotiledoni, saranno a forma di cuore.

A volte è necessario coprire i ravanelli con un po’ di terra dopo che sono cresciuti un po’, in modo che si sviluppino meglio. Mantieni sempre il terreno libero dalle erbacce.

Quali associazioni favorevoli ha?

L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.

Non sono note associazioni favorevoli della coltivazione del ravanello con altre specie, tuttavia, quella selezione spetterà a orticoltori e specialisti della zona al fine di ottenere risultati migliori.

Quali parassiti e malattie attaccano il ravanello?

Il ravanello può avere malattie causate da un eccesso di acqua che può portare alla putrefazione e alla rottura del ravanello.

Anche i parassiti e soprattutto gli afidi e le larve colpiscono il raccolto. Una forte infestazione di bruchi può uccidere le foglie di ravanello in un paio di giorni.

In generale, è molto importante controllare il raccolto di ravanello, una o due volte alla settimana, in particolare il retro delle foglie per rilevare eventuali parassiti che potrebbero essere presenti. Per combatterli, si consiglia di applicare acqua con sapone biodegradabile o rimuovere manualmente i bruchi.

Bibliografia e riferimenti

  • Enciclopedia Le mie prime conoscenze su piante, serpenti e conservazione . (1961). Edizione spagnola del Dr. Frank Thompson. Editoriale Grolier Incorporated New York. Stampato in Messico.

Banca dati digitale

  • Flordeplanta.com.ar. Coltivazione, semina, irrigazione e cura del ravanello. Riprodotto da: https://www.flordeplanta.com.ar/huerta/cultivo-del-rabano-siembra-riego-y-cuinados/
  • Viaorgánica.org. Come coltivare il ravanello . Riprodotto da: https://viaorganica.org/rabano-un-cultivo-rapido-para-pequenos-espacios/
  • Planetauerto.es. Ravanello, coltivazione molto veloce . Riprodotto da: https://www.planetahuerto.es/revista/rabano-cultivo-rapidisimo_00022

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *