Suggerimenti

Sansevieria: [Semina, irrigazione, cura, trapianto e altro]

La pianta della Sansevieria è di tipo perenne ed erbacea. Appartiene alla famiglia delle Ruscacee. 

È anche conosciuto come “coda di lucertola”, “lingua di suocera” o “spada di San Giorgio”.

Punti importanti quando si pianta la Sansevieria
  • Quando? In primavera o in estate.
  • Dove? In vasi non molto grandi.
  • Temperatura? Resiste alle alte temperature (fino a 30ºC). Non gli piace affatto il gelo.
  • Come prepariamo il terreno? Richiede terreni fertili. È importante aggiungere compost o getti di vite senza fine.
  • Riproduzione? Può essere fatto per talea o per divisione della pianta.
  • Esigere cure? Molta luce naturale e proteggerla dalle correnti d’aria.
  • Come preparare il terreno? Usa terreno da interno e non terreno da giardino.
  • Come innaffiamo? Ogni due settimane in primavera e in estate, ogni tre in autunno e ogni mese in inverno.
  • Ci sono circa 50 specie di Sansevieria.

Quando piantare la Sansevieria ?

La sansevieria è una pianta ornamentale originaria dell’Africa; Ha foglie carnose, concave o piatte a forma di rosetta, e i suoi fiori sono bianchi.

Il frutto è una bacca che contiene i semi .

I tipi più diffusi di questa pianta sono la sansevieria cylindrica, che ha foglie cilindriche a forma di tubo, la trifasciata con foglie piatte, e la varietà Laurentii è la più comune, con foglie verdi con bordi gialli.

La trifasciata è stata indicata dalla NASA come pianta purificatrice dell’aria , in quanto rimuove le tossine come il benzene e la formaldeide.

Il periodo per la messa a dimora è primaverile o estivo , deve essere a temperatura ambiente media e va protetta dal freddo poiché una temperatura inferiore ai 10 gradi Celsius la danneggia in modo irreversibile.

Dove piantiamo la Sansevieria ?

La Sansevieria è una pianta in vaso, quindi può rimanere in queste per anni.

Essendo ornamentale, può essere collocato in qualsiasi parte della casa o del giardino.

È una pianta con terreno asciutto, con elevata umidità può morire; in giardino va posta in mezz’ombra.

Come preparare il terreno per la coltivazione della Sansevieria ?

Per preparare il terreno è necessario utilizzare vasi non molto grandi, perché la sansevieria non si adatta bene ai vasi grandi.

È necessario assicurarsi che ci sia un buon drenaggio, quindi è consigliabile mescolare il pacciame con perlite o sabbia in parti uguali, e mettere un primo strato di argilla vulcanica all’interno del vaso per fare in modo che l’acqua defluisca rapidamente.

Piantare correttamente la sansevieria nel vaso è fondamentale perché sia ​​in buona salute e duri a lungo.

È meglio usare un buon terriccio per piante da interno e non quello del giardino.

Perché? Perché la pianta ha bisogno delle qualità di drenaggio coerenti e dei fertilizzanti aggiunti del terreno compresso per garantire il suo sviluppo.

Il terreno del giardino, invece, varia notevolmente e quindi potrebbe non avere le giuste qualità per la pianta.

Come innaffiamo la Sansevieria ?

L’irrigazione dovrebbe essere ogni due settimane in primavera e in estate, ogni tre settimane in autunno e ogni mese in inverno.

È importante lasciare asciugare completamente il terreno prima di annaffiare.

Successivamente, dare molta acqua fino a quando l’acqua non fuoriesce dal foro di scarico.

Lasciare scolare il vaso ed infine scartare l’acqua che rimane nel sottovaso, evitando così un’eccessiva annaffiatura, poiché questa pianta resiste a condizioni di siccità prolungate.

Con terreno eccessivamente umido, la sansevieria tende a marcire, come accade con le piante che immagazzinano acqua nelle foglie.

Come piantiamo  passo dopo passo la Sansevieria ?

Ciò che ci serve

Per seminare sono necessari i seguenti strumenti:

  • Una pentola e un piattino adatti alle dimensioni delle foglie pulite.
  • Coltelli affilati.
  • Forbici comuni o cesoie da giardino Torba o vermiculite.
  • Contenitore per mescolare gli ingredienti della terra.
  • Cucchiaio di legno grande.

Divisione impianto

Per propagare la sansevieria la pianta va divisa, i rizomi carnosi possono essere separati con un coltello pulito e affilato, e lasciati essiccare per qualche giorno, dopodiché va posto un impasto sabbioso e drenante.

Non dovresti piantare il taglio più in profondità della sua posizione originale o rischi di marcire la base.

Uso di pietre o picchetti

Usa piccole pietre o picchetti per mantenere il taglio verticale finché non si è radicato correttamente.

Innaffia moderatamente finché non vedi una certa crescita.

La pianta può essere propagata tagliando le foglie, ma questo è un metodo molto lento e, inoltre, le specie possono perdere le loro tonalità.

Come propagare  correttamente la Sansevieria

Per propagare, dopo aver scelto una foglia verde sana dalla pianta, taglia la foglia in segmenti da quattro a sei pollici, ma devi assicurarti quale lato fosse la parte superiore e quale fosse la parte inferiore del taglio.

Perché è importante?

Perché devi piantare quella foglia tagliata nella direzione in cui la foglia è cresciuta; altrimenti non crescerà.

Dovresti anche fare attenzione a lasciare maturare le foglie per un paio di giorni prima di piantare.

Il trapianto

La Sansevieria può rimanere per anni nello stesso vaso perché ha piccole radici; per questo vanno trapiantati solo quando le radici iniziano a crescere fuori dal vaso.

Per effettuare il trapianto spostatelo in un altro vaso di una misura più grande, perché, come detto, questa pianta non sopporta vasi grandi perché le sue radici marciscono.

Che cura ha la Sansevieria ?

Mancanza d’acqua

Bisogna stare molto attenti con le foglie appassite o secche perché è il segno che manca l’acqua.

Mancanza di luce

Lo stesso accade con la mancanza di illuminazione che produce un deterioramento del colore nelle foglie che stanno uscendo.

Ventilazione eccessiva

Ma una ventilazione eccessiva può far seccare le punte delle foglie, nel qual caso è necessario assicurarsi che non ci sia un tiraggio eccessivo.

Irrigazione eccessiva

L’eccessiva irrigazione fa marcire le foglie. Attenzione con questo!

Collocare in una stanza dove entra molta luce naturale e dove è protetta dalle correnti d’aria, sia fredde che calde.

Potare spesso

Potare per rimuovere foglie e fiori appassiti. La luce dovrebbe essere moderatamente brillante o filtrata.

Sebbene tollerino poca luce, la luce intensa fa risaltare i colori delle foglie, ma una luce forte può far ingiallire i bordi delle foglie .

Quali parassiti e malattie ha la Sansevieria ?

La sansevieria è colpita da diversi parassiti , in particolare le cocciniglie cotonose, che sono insetti che si nutrono della linfa e indeboliscono la pianta.

Queste cocciniglie, invece, possono essere rimosse senza problemi, ma devono essere rilevate per tempo.

Per quanto riguarda le malattie, la sansevieria viene attaccata da funghi che producono le seguenti malattie:

  • Botrytis : alla base delle foglie compare una specie di muffa grigia che finisce per farle marcire. Le parti interessatedevono essere tagliatee trattate con un fungicida sistemico.
  • Peronospora : è un fungo che provoca la comparsa di macchie marroni sulla parte superiore delle foglie e una polvere grigia su quella inferiore. Anche le parti interessate devono essere tagliate e trattate con un fungicida .
  • Fusarium: provoca la comparsa di macchie secche, bruno rossastre con bordo giallo. Deve essere trattato con fungicidi contenenti Clortalonil.

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *