Suggerimenti

Cura della pianta Euphorbia horrida o del barile di latte africano

Il genere Euphorbia (famiglia Euphorbiaceae ) comprende circa 2000 specie di cactus succulenti, arbusti e piante erbacee provenienti da Africa, America e Madagascar. Alcune specie sono Euphorbia horrida, Euphorbia enopla, Euphorbia pulcherrima, Euphorbia resinifera, Euphorbia canariensis, Euphorbia candelabrum, Euphorbia milii, Euphorbia royleana, Euphorbia trigona, Euphorbia bivonae, Euforbia characias, Euphorbia anachoreta, Euphorbia aphylla, Euphorbia echinus, Euphorbia lambii, Euphorbia rigida, Euphorbia margalidiana, Euphorbia coerulescens, Euphorbia dendroides, Euphorbia balsamifera, Euphorbia cotinifolia

Riceve il nome comune del barile di latte africano. È una specie originaria del Sudafrica.

Si tratta di piante succulente simili a cactus con corpo verde-bluastro e “costole” ondulate che possono crescere fino a poco più di un metro di altezza e tendono a formare colonie. A seconda della varietà, possono avere spine scure che all’inizio sono solitamente rossastre. Producono piccoli fiori di colore giallo-verdastro o viola. Fioriscono in estate.

Sono utilizzati in vasi e fioriere, in giardini rocciosi, su pendii asciutti o in giardini di cactus e succulenti.

Sebbene Euphorbia horrida possa vivere in pieno sole , preferisce un’ombra leggera (orientamento Est, Sud-Est o Sud-Ovest) evitando il sole nelle ore centrali della giornata. Anche se possono resistere a qualche sporadica gelata se il terreno è asciutto, è meglio non esporli a meno di 5°C.

Poiché il terreno può essere utilizzato come preparato commerciale per cactus e piante grasse, è importante che sia ben drenato.

Acqua moderatamente in primavera ed estate fino a quando il substrato non si asciuga bene. In inverno si dovrebbe sospendere l’irrigazione quando la pianta va in dormienza.

Un fertilizzante a base di concime minerale per piante grasse sarà sufficiente a metà primavera e un altro all’inizio dell’estate.

Non è necessaria la potatura .

Il pericolo maggiore per queste piante è l’irrigazione eccessiva e il gelo continuo.

Si moltiplicano da semi seminati in primavera o in estate e anche da talee che devono essere essiccate per 7-8 giorni prima di radicare in un substrato sabbioso. È molto importante proteggersi dal lattice irritante che queste piante producono.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *