Suggerimenti

Coltivare le petunie: una guida completa per piantare, coltivare e curare le petunie

Una cosa che amo nei mesi più caldi dell’anno sono i fiori in fiore. Sono bellissimi.

Ma una cosa è certa: il “garden bug” non sempre ha il pollice verde. Se siete voi, cioè, amate i fiori ma fate fatica a coltivarli, voglio informarvi di un’opzione meravigliosa da provare: le petunie.

Ho coltivato petunie per anni. Sono semplici da coltivare e belle da guardare. Ecco tutto quello che c’è da sapere per coltivare con successo le petunie anno dopo anno:

>


Varietà di petunia

>

Le petunie sono annuali nella maggior parte dei luoghi. Se vivete nelle aree di coltivazione per nove o undici anni, potreste coltivarle come piante perenni.

Tuttavia, le loro varietà di petunia rientrano in due categorie:

  • Grandiflora
  • Multiflora

Le varietà Grandiflora hanno fiori più grandi. Sono ideali per appendere cestini o contenitori per via delle loro dimensioni e della loro capacità di flusso.

Le varietà multiflorose producono fiori più piccoli ma più spessi. Sono una buona scelta per le aiuole perché sono più resistenti alle intemperie rispetto alle altre varietà.


Petunie di partenza da seme

Le petunie sono facili da coltivare una volta trapiantate. Si raccomanda di acquistare le petunie in un vivaio locale e di trapiantarle. Questo dovrebbe aiutarvi a trovare il successo nella vostra cultura.

Tuttavia, se preferite iniziare le petunie da seme e coltivarle da soli, tenete presente che possono essere difficili. Ecco come far crescere le petunie da seme:


1. Iniziare presto

Le petunie dovrebbero essere seminate circa 10-12 settimane prima di piantare all’aperto. Bisogna aspettare fino a dopo le ultime gelate primaverili per spostarle all’esterno.

Conoscere le date del gelo può aiutarvi a decidere quando iniziare a seminare in casa.


2. Dare loro molta luce

Mettete i vostri semi nelle cellule di crescita. Fate attenzione a spargere i semi sul terreno, ma non copriteli.

Da lì, assicurarsi di posizionare i vassoi sotto una luce crescente per dare loro una buona luce solare. La copertura dei semi blocca la luce solare e può impedire la germinazione.

I semi di petunia hanno bisogno di calore e di luce. Si potrebbero posizionare i vassoi su un tappetino di partenza per aiutarli a germogliare più velocemente.

A seconda del calore e della luce che gli viene data, i semi possono impiegare dai cinque ai quindici giorni per germogliare.


3. Acqua di conseguenza

Quando iniziate a seminare i vostri semi di petunia, dovete mettere un vassoio d’acqua sotto il vassoio di partenza dei semi. Questo permette ai semi di assorbire l’acqua dal fondo del vassoio senza essere disturbati.


4. Conta fino a tre

Infine, quando vedrete tre foglie su ogni pianta, saprete che è il momento di tirare fuori le petunie.


Piantare petunie all’aperto

>

Quando avete spostato le vostre piante all’aperto o acquistato i vostri trapianti, dovreste assicurarvi che sia dopo l’ultima gelata primaverile.

Inoltre, è necessario assicurarsi che la zona in cui si piantano le petunie abbia un terreno soffice e ben drenato, sia in pieno sole (o almeno parzialmente soleggiato) e abbia un pH del terreno di 6,0-7,0.

Poi assicuratevi di scavare una buca lunga da sei a otto centimetri per piantare le vostre petunie. Ogni fiore avrà bisogno di un proprio buco per la semina.

Si consiglia di piantare le petunie a 12 cm se sono in un letto e a 10 cm se sono in un contenitore. Assicuratevi di aggiungere materia organica ad ogni foro per dare alle petunie le sostanze nutritive di cui hanno bisogno fin dall’inizio.

Infine, metterete il fiore nella buca, metterete il terreno intorno alla base del fiore e lo spingerete delicatamente verso il basso. Da lì, annaffiare accuratamente le piante.


Come prendersi cura delle petunie

>

Le petunie sono facili da coltivare. Non richiedono molte cure, ma il poco di cui hanno bisogno dal giardiniere è importante. Ecco cosa dovete sapere:


1. Questioni idriche

Come tutti gli esseri viventi, le petunie hanno bisogno di acqua per sopravvivere. Se piantate le petunie in un letto, e non siete nel bel mezzo di una siccità, dovreste essere in grado di annaffiarle una volta alla settimana perché tollerano il calore.

Tuttavia, se le petunie sono piantate in contenitori, dovranno essere annaffiate quasi quotidianamente. I loro sistemi radicali poco profondi rendono difficile ottenere l’umidità necessaria quando sono collocati in ambienti con suolo basso.


2. La concimazione è necessaria

Alle petunie piace essere nutrite regolarmente. Si consiglia di somministrare loro un fertilizzante idrosolubile ogni due settimane o ogni mese.

Spesso diamo troppo fertilizzante, il che fa sì che le nostre piante diventino spinose o abbiano un grande fogliame ma pochi frutti. Ci sarà un momento in ogni stagione di crescita in cui i fiori di una petunia si indeboliranno, e diventeranno comunque sottili. Più avanti in questo post vi spiegherò come affrontare la questione.


3. Deadheading è il tuo amico

Le petunie produrranno fiori, e a un certo punto cominceranno ad appassire. Quando questo inizia ad accadere, hai bisogno di una pausa.

Deadheading è il processo di pizzicare i fiori vecchi per far posto a quelli nuovi che escono e danno al fiore un nuovo aspetto.


4. Aiuti per pacciamatura

È una buona idea posizionare uno strato di pacciame di due o tre cm attorno alla base delle petunie. Potete applicarlo alle piante che crescono in contenitori o alle piante che crescono in aiuole.

La pacciamatura aiuterà a controllare le erbacce e a mantenere il terreno umido e fresco, che favorisce la crescita delle piante.


5. Dare alle petunie un’otturazione

Petunias produrrà dalla primavera a metà autunno. A metà estate le piante cominceranno a scarseggiare. Noterete che gli steli si assottigliano e i fiori appassiscono.

Quando ciò accade, tagliare il gambo a metà della sua dimensione originale. Questo permette alla pianta di ricrescere e di produrre steli e fiori più sani per il resto del suo periodo di crescita.


6. La luce del sole può fare la differenza

>

Le petunie possono crescere in pieno sole o in ombra parziale. Ricordate che se coltivate le vostre petunie in ombra parziale, potrebbero non produrre tanti fiori quanti se fossero in pieno sole.

Se le vostre piante non producono, guardate dove sono per vedere se la mancanza di luce solare ha qualcosa a che fare con questo.


Problemi con le petunie

Le petunie hanno pochissimi problemi. Questo è ciò che li rende ideali per chi ha difficoltà a fare giardinaggio, o per chi è nuovo al giardinaggio. Ecco cosa tenere a mente quando si coltivano le petunie:


1. afidi

>

Gli afidi sono piccoli insetti che si trovano nella maggior parte dei giardini. Succhiano i succhi di frutta dagli steli e dalle foglie delle piante.

Quando rilevate questi parassiti nelle vostre piante, usate un insetticida o spruzzate la pianta con acqua fredda. Infine, rimuovere le parti danneggiate dell’impianto.


2. Bruchi

>

È molto comune vedere bruchi appesi intorno alle piante. A loro piace masticarle. Bisogna raccoglierli a mano e rimuovere le parti danneggiate dell’impianto.


3. muffa grigia e leggero marciume batterico

Queste due malattie si formano sulle vostre petunie se si trovano in zone troppo umide. Comincerete a vedere le vostre piante diventare morbide e scolorite. È necessario scegliere varietà resistenti alle intemperie.


4. Virus

Le petunie sono soggette a diversi virus, come il virus del mosaico. Riconoscerete i segni di un virus mentre le piante si scoloriscono e cominciano ad appassire. In questo caso, è necessario pulire tutti gli strumenti che sono stati a contatto con una pianta infetta per evitare di diffondere il virus.

Inoltre, ogni pianta che mostra segni di infezione da virus deve essere immediatamente rimossa e scartata. Fate attenzione a non concimare queste piante, poiché il virus potrebbe diffondersi attraverso il compost e infettare tutte le aree in cui viene applicato.


5. Fauna selvatica

>

Animali come cervi e conigli potrebbero potenzialmente fare uno spuntino delle vostre petunie. Ci sono molti modi per scoraggiare i cervi dal vagabondare nel vostro cortile.

Se avete dei conigli nel vostro cortile, è una buona idea tenere il vostro cane o gatto all’aperto per qualche giorno per scoraggiarli.


Le piante compagne migliori e peggiori

Ogni pianta ha alcune piante che crescono meglio intorno ad essa e altre che non crescono bene. Quando cercate piante da compagnia per le petunie, dovreste considerare altri fiori che hanno esigenze simili per l’acqua e la luce del sole.

Le petunie sono buone piante da compagnia:

  • Gerani
  • Calendule
  • Zinnie
  • Lavanda

Ognuna di queste piante beneficia della luce del sole e ha un fabbisogno idrico simile a quello delle petunie.

Tuttavia, si dovrebbe evitare di piantare petunie con cactus, in quanto hanno esigenze idriche molto diverse.


Come salvare i semi di petunia

Bisogna lasciare che le petunie crescano fino a quando non hanno finito di produrre. Questo non è il tipo di pianta che taglieresti per le composizioni floreali da interno.

Tuttavia, è possibile raccogliere i loro semi per coltivarli gratuitamente anno dopo anno. Ecco cosa bisogna fare per raccogliere i semi di petunia:


1. interrompere l’azione penale

Quando si è pronti a iniziare a conservare i semi per la prossima stagione, è necessario fermare il processo di morte. Si dovrebbe aspettare l’inizio dell’autunno per iniziare questo processo.


2. trovare il baccello

Dopo aver lasciato che i fiori vivano la loro vita, muoiano e muoiano, si dovrebbe iniziare a cercare una capsula di semi. È sotto il vecchio fiore, alla base del fiore. Il termine scientifico per la sua ubicazione è il calice.

Quando il fiore comincia a morire, lasciatelo morire naturalmente. Non rimuovere i fiori per accelerare il processo di raggiungimento del baccello.

Dopo che l’ultimo fiore è caduto, lasciate asciugare il baccello del seme fino a quando non cominciate a vederlo rompersi. Controllare il baccello di seme ogni giorno.

Quando è incrinato, deve essere rimosso dalla pianta tagliandolo via.


3. Asciugare i semi

Bisogna portare il baccello all’interno per finire di essiccarlo. Si aprirà il baccello e si rimuoveranno i più piccoli semi di petunia.


4. Aprirli e conservarli

>
Una volta aperto il baccello e tolti i semi, mettete i semi in una busta. Conservatele in un luogo fresco e asciutto fino a quando non sarete pronti per iniziare nuove petunie la prossima stagione.

Ora sapete come creare le vostre petunie dai semi, come coltivarle, come curarle, come proteggerle da parassiti e malattie, con chi piantarle e chi evitarle, e come raccogliere i vostri semi di petunia.

Ora voglio conoscerti. Hai un segreto per coltivare le petunie? Avete un fiore particolare che vi piace coltivare ogni anno?

Vorremmo avere tue notizie. Lasciateci le vostre impressioni nella sezione “Commenti” qui sotto.

>

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *