Suggerimenti

Probiotici: perché sono così importanti e come fare lo yogurt e il kefir in casa

Cosa sono i probiotici?I probiotici sono batteri benefici che arrivano vivi nell’intestino, possono viverci e se sono in quantità adeguate possono portarci grandi benefici.

I probiotici possono essere trovati in alcuni alimenti fermentati e anche in capsule che contengono microrganismi.

Yogurt e kefir fatti in casa con fermenti di qualità contengono una grande quantità di probiotici, molto più che in pillole, e in forma attiva.

Perché i probiotici sono così importanti?

L’interesse per i probiotici è cresciuto negli ultimi decenni e sono stati condotti numerosi studi sui loro effetti sulla salute.

È stato dimostrato che i microrganismi probiotici possono avere un impatto molto positivo sul sistema immunitario, sul tratto gastrointestinale, sulla salute mentale, nella prevenzione dell’obesità, del diabete, delle allergie o persino dei disturbi del fegato.

I batteri che vivono nell’intestino sono chiamati flora o microbiota intestinale. È noto che questi batteri possono avere un impatto su più aree della salute fisica e mentale. Ma sono anche indispensabili per svolgere la digestione del cibo, creare vitamine, aumentare l’assorbimento dei minerali, ecc.

Il tipo di dieta influenza direttamente il microbiota intestinale. Per mantenere questi microrganismi probiotici nel nostro intestino e che possano proliferare, è importante basare la nostra dieta quotidiana su alimenti di origine vegetale come frutta e verdura di stagione, locali e coltivate biologicamente perché ci forniscono prebiotici (zuccheri e fibre salutari) , il cibo di cui i probiotici hanno bisogno per vivere.

Dall’altro ci sono fattori come lo stress continuo, la sedentarietà, il tabacco o l’uso di farmaci come gli antibiotici che possono danneggiare e alterare l’equilibrio del microbiota intestinale (disbiosi). Quando il microbiota è alterato, può essere associato a patologie come diabete, colite ulcerosa, obesità, sindrome dell’intestino irritabile, alitosi, dermatiti, allergie, insonnia, tra le altre.

Se godiamo di una buona salute intestinale godremo di una salute generale ottimale e l’incorporazione di probiotici può essere molto utile.

A cosa servono i probiotici?

Il numero di malattie e disturbi che i probiotici possono aiutare a prevenire o combattere è vasto e ogni probiotico può avere diversi effetti sulla salute.

I probiotici come antiossidante . L’effetto antiossidante dei probiotici combatte i danni causati dai radicali liberi, il cui aumento è legato a diversi tipi di cancro, diabete, cataratta o malattie cardiovascolari.

Probiotici per il sistema immunitario . È stato dimostrato che i probiotici migliorano la funzione immunitaria. I bambini allattati al seno hanno una maggiore protezione contro infezioni, allergie e intolleranze alimentari e non, grazie ai microrganismi benefici presenti nel latte materno.

Probiotici per i disturbi gastrointestinali . La sindrome dell’intestino irritabile, la malattia infiammatoria intestinale o l’intolleranza al lattosio possono essere migliorate con l’aggiunta di probiotici e prebiotici alla dieta.

Probiotici per l’infezione vaginale . La candida è un fungo che si trova naturalmente nella vagina, ma in determinate circostanze prolifera, provocando alcuni sintomi molto fastidiosi. I probiotici possono aiutare a ridurre la presenza di candida in modo che non sia dannosa.

Probiotici per migliorare l’assorbimento dei nutrienti . Durante il processo di fermentazione svolto dai batteri probiotici, si moltiplicano i micronutrienti come le vitamine A, tutte le vitamine, del gruppo B -compreso B12- o K. Ma anche, fornendo enzimi, migliorano la digestione e lo stato dell’intestino, la biodisponibilità dei nutrienti viene ottimizzato aumentando il loro assorbimento, come nel caso di calcio, magnesio, manganese, ferro, potassio e zinco.

Quali probiotici usare?

Quando cerchi un buon probiotico, assicurati che soddisfi i seguenti requisiti:

  • È necessario specificare il genere e il ceppo di batteri che contiene.
  • Contengono batteri vivi con grande forza colonizzatrice.
  • Indica come devono essere assunti.
  • Non contengono additivi.
  • Possedere ceppi puri, non geneticamente modificati.
  • Goditi una buona vitalità, cioè che i batteri possano raggiungere l’intestino e siano in grado di abitarlo.
  • Che un laboratorio esterno ne garantisca la qualità.

Dopo molte ricerche abbiamo trovato i probiotici di Génesis , un laboratorio bulgaro specializzato in probiotici che da molti anni ricerca e sviluppa fermenti liofilizzati. Ci piace che abbiano diverse forme di probiotici . Oltre ai fermenti per fare lo yogurt e al kefir (in bustine e pillole) hanno anche delle pillole da assumere con il cibo, che sono molto comode da prendere nel caso non si voglia fare lo yogurt, ma si vogliano prendere i probiotici. Gli esperti di Genesis sono molto esigenti nel loro lavoro e questo ci dà totale fiducia nella scelta dei loro probiotici.

Con una bustina di Génesis si possono fare con la yogurtiera – nell’arco di diverse settimane – tra 24 e 48 yogurt o più, a seconda delle dimensioni dei contenitori che utilizziamo. Con un robot da cucina, facendo 2 o 3 litri ogni volta, si possono fare in totale da 8 a 12 litri di yogurt in totale – nei 4 reimpianto – tra 8 e 12 litri.

Con un flacone da 10 pastiglie di lievito si possono fare nel corso dei mesi fino a 240 yogurt con latte animale o vegetale: il vantaggio economico ed ecologico è notevole.

Un litro di yogurt o kefir fermentato con questi probiotici ha molta più forza ed efficacia di qualsiasi integratore erboristico o farmaceutico, poiché ci fornisce i batteri come ci offre la natura!

Le persone che appartengono a un gruppo di consumatori ottengono un prezzo speciale per questi prodotti, che sono già abbastanza economici.

Sul suo sito web www.genesisprobioticos.es , i suoi esperti di salute rispondono a tutte le domande sui probiotici e sul loro uso in diverse malattie.

Ricetta per fare in casa yogurt e kefir

Sia lo yogurt che il kefir sono fatti di fermenti . Vedremo come realizzare questi probiotici in casa, sia in forno, in una yogurtiera o in alcuni robot da cucina.

ºº Ricetta yogurt fatto in casa con latte animale (mucca, capra e pecora)

Hai bisogno di: yogurtiera, forno, o alcuni modelli di robot da cucina, barattoli o contenitori di vetro (che sono molto puliti), termometro da cucina, una busta o una pillola di fermento Genesi, e latte (da 1 a 3 litri se usi la pillola , o da 1 a 5 litri se si utilizza una busta).

Per preparare lo yogurt in forno , segui questi passaggi:

  1. Mettere i vasetti o i contenitori di vetro in forno a 45 / 50º per scaldarli.
  2. Mentre si scalda il latte fino a raggiungere i 38/39º se si fa lo yogurt con bifidus o 43/45º se si fa lo yogurt senza bifidus. Usa il termometro per controllare la temperatura. Quando il latte raggiunge la temperatura indicata, lo metti nei contenitori che abbiamo messo in forno.
  3. Aggiungere il fermento e mescolare fino a quando non è ben amalgamato con il latte.
  4. Rimettete i contenitori nel forno, spegnete e coprite i vasetti con il coperchio (non completamente chiuso) o con un canovaccio da cucina.
  5. Lo metteremo in forno tra le 6 e le 8 ore e ogni due ore controlleremo che la temperatura sia ancora tra 38 / 39º per lo yogurt con bifidus o tra 43 / 45º per lo yogurt senza bifidus. Se la temperatura scende in qualsiasi momento, riaccendi il forno per circa cinque minuti. È importante mantenere la temperatura entro gli intervalli indicati, non dovrebbe essere superiore o inferiore.
  6. Una volta che lo yogurt sarà pronto, lo conserveremo in frigorifero in un contenitore a chiusura ermetica per 6 ore prima di consumarlo.
  7. Con lo stesso fermento potete ripetere lo stesso procedimento fino ad altre 4 volte utilizzando 5 o 6 cucchiai da dessert dell’ultimo yogurt, che verserete sopra un nuovo litro di latte. In questo caso il processo di fermentazione sarà più breve (circa 3 o 4 ore) in quanto i batteri saranno già attivati.

Per preparare lo yogurt in una yogurtiera o robot da cucina :

La maggior parte delle yogurtiere non ha un regolatore di temperatura, quindi sarà utile procurarsi un termometro da cucina, perché a seconda del modello e del periodo dell’anno, la temperatura può variare di qualche grado. Sarà interessante controllare la temperatura della nostra yogurtiera con un termometro e utilizzare piccoli accorgimenti per alzarla o abbassarla leggermente, a seconda della stagione dell’anno: es. coprire con un panno al posto del coperchio di plastica, mettere o togliere i coperchi dagli yogurt, usare barattoli più grandi al posto delle tazze, ecc. Molti robot da cucina hanno un regolatore di temperatura, ma dobbiamo usarli con un programma che riscalda solo, senza mescolare o sbattere.

  1. Per velocizzare il processo, il latte può essere riscaldato fino a 38 / 39ºC se si fa lo yogurt con bifidus o fino a 43 / 45ºC se si fa lo yogurt senza bifidus, anche se può essere aggiunto anche a temperatura ambiente (non da il frigorifero)
  2. Aggiungere il lievito della pillola o della busta e mescolare bene. Spalmare il latte nei vasetti della yogurtiera o nel contenitore del Bimby o del robot da cucina con termostato.
  3. Si lascia tra le 6 e le 8 ore alla temperatura corrispondente, a seconda che lo yogurt abbia o meno il bifidus.
  4. Quando lo yogurt è di nostro gradimento, lo conserviamo in frigorifero, dove deve rimanere per 6 ore prima di consumarlo.
  5. Con lo stesso fermento potete ripetere lo stesso procedimento fino ad altre 4 volte utilizzando 5 o 6 cucchiai da dessert dell’ultimo yogurt, che verserete sopra un nuovo litro di latte. In questo caso il processo di fermentazione sarà più breve (circa 3 o 4 ore).

Per preparare il kefir di latte al forno :

Per preparare il kefir in forno seguiremo gli stessi passaggi della preparazione dello yogurt in forno, ma dobbiamo mantenere una temperatura di 29 ºC e il processo di fermentazione durerà dalle 14 alle 16 ore.

Per preparare il kefir di latte nella yogurtiera o nel robot da cucina :

Segui gli stessi passaggi indicati per fare lo yogurt ma mantieni la temperatura della yogurtiera intorno ai 29 ºC, se ha un regolatore. Altrimenti fatelo a temperatura ambiente in estate o lasciate che il sole scaldi il contenitore coperto in inverno. Con il robot da cucina, imposta il termostato a 29 gradi, senza programma di miscelazione. Il tempo di fermentazione sarà dalle 14 alle 16 ore.

La fine di un kefir (5 o 6 cucchiai da dessert) può essere aggiunta a un litro di latte, ma il tempo di fermentazione sarà ora più breve: dalle 6 alle 8 ore.

ºº Ricetta yogurt e kefir fatto in casa con latte o bevande vegetali :

Si possono utilizzare cocco, mandorle, fiocchi d’avena e bevanda di soia, ma solo il latte di soia caglierà, ottenendo in tutti gli altri casi uno yogurt liquido. Per ottenere una maggiore consistenza con le altre bevande vegetali, puoi mescolare una parte di latte di soia con due parti dell’altra bevanda (cocco, avena o mandorla). Inoltre, per ottenere consistenza, queste bevande possono essere riscaldate per due minuti a 85 gradi con agar agar in polvere e lasciate raffreddare fino a raggiungere la giusta temperatura per ogni yogurt.

Segui gli stessi passaggi dello yogurt fatto in casa o del kefir con latte di origine animale, sia che li prepari al forno che in una yogurtiera o robot da cucina.

Quando si prepara lo yogurt o il kefir fatto in casa con bevanda di soia o avena, non è necessario aggiungere zucchero se la bevanda non lo ha, poiché i batteri si nutrono anche dei carboidrati del cereale o del legume. Se usi una bevanda alla mandorla o al cocco con amido di tapioca, sciroppo di agape o zucchero di canna (uno qualsiasi dei tre ingredienti), fermenterà perfettamente. Se le bevande alla mandorla o al cocco non contengono nessuno di questi ingredienti, dovresti aggiungere 3 o 4 cucchiaini di zucchero di canna per litro.

Ogni volta che prepari yogurt o kefir in una qualsiasi delle sue forme, è importante mantenere tutti gli utensili molto puliti per evitare la contaminazione dello yogurt o del kefir e che si rovinino.

Questi yogurt possono essere usati come ingredienti in torte, per fare gelati, frullati, salse, ecc. I fermenti Genesis con il ceppo L. Bulgaricus possono essere utilizzati anche come maschera facciale.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.