Suggerimenti

Come usare (bene) l’olio d’oliva per friggere

Olio vergine di oliva o succo di oliva : lo usiamo per condire, fare salse come maionese, all i oli, per fare dolci, per friggere, ecc. Sia che lo useremo crudo o cotto in cibi saltati o fritti, l’opzione migliore è un olio extra vergine di oliva insieme a olio di cocco non raffinato.

Questo perché l’olio vergine ed extra vergine di oliva può resistere a temperature più elevate rispetto agli oli raffinati (come l’olio di girasole) prima di essere ossidato e denaturato e di essere dannoso per la salute, e per il suo contenuto di antiossidanti, entrambi gli EVOO dovrebbero essere la prima opzione che scegliamo quando friggere il cibo.

L’olio d’oliva vergine può aiutarci a prevenire malattie cardiovascolari, diabete, ridurre l’infiammazione o ritardare l’invecchiamento, effetti molto benefici per la salute grazie ai composti che contiene come fenoli o grassi monoinsaturi.

Per sfruttare le proprietà dell’olio di oliva , ti consigliamo di utilizzare olio extra vergine di oliva biologico e di prima spremitura a freddo perché sono gli oli con il più alto contenuto di fenoli e la cui produzione è la più sostenibile per l’ambiente.

Come usare bene l’olio d’oliva per friggere

Quando usiamo l’olio extravergine di oliva freddo non ci sono dubbi. La quantità che verrà utilizzata durante la preparazione della ricetta che stiamo preparando viene aggiunta e viene consumata a temperatura ambiente o fredda e quindi non solo si mantengono le proprietà e i benefici dell’olio ma non si generano sostanze tossiche.

Dubbi o abusi compaiono quando usiamo EVOO per friggere. Molte volte non lo usiamo correttamente e vogliamo darti alcune linee guida minime da seguire affinché tu possa usare correttamente l’olio d’oliva.

  • Se usi una friggitrice, la accendiamo una volta aggiunto l’olio EVO. Nella stessa padella, aggiungere prima l’olio EVO e poi scaldarlo a fuoco medio.
  • Aggiungi abbastanza olio EVO per coprire il cibo che stai per friggere. Oltre al fatto che il cibo cuocerà in modo più omogeneo, assorbirà meno olio e quindi sarà meno untuoso.
  • Non dobbiamo aspettare che l’olio sia così caldo da far uscire il fumo. Se vediamo che fuoriesce fumo dall’olio, significa che sta bruciando e dovremmo anche scartare l’olio perché è tossico per la salute.
  • La temperatura dell’olio non deve superare i 180ºC, il suo punto di fumo.
  • È molto utile avere una friggitrice con un termostato con cui possiamo regolare la temperatura a cui si trova l’olio.
  • Non usare lo stesso EVOO più di tre volte per friggere. Quando EVOO è stato sottoposto più volte ad alte temperature come nel caso dei cibi fritti, compaiono composti tossici come acroleina , acrilammide o grassi trans . Altri tipi di olio, come la colza, generano più sostanze tossiche a 180ºC, quindi sono un’opzione da evitare.
  • Dopo aver utilizzato l’olio EVO, deve essere filtrato per eliminare piccoli resti di cibo e conservare in un barattolo di vetro e metterlo in frigorifero o frigorifero dove possiamo conservarlo fino a un mese.
  • Anche per arrosti o altre preparazioni fatte in forno, è più salutare utilizzare olio vergine di oliva rispetto ad altri oli come girasole o mais perché, ad alte temperature per lunghi periodi, produce meno prodotti di degradazione.
  • Per quanto riguarda le microonde, gli oli si degradano in misura maggiore a causa delle alte temperature che si raggiungono, anche i componenti che resisterebbero se riscaldati in friggitrice o in padella possono degradarsi.

Tenendo conto che tutti gli oli subiscono un certo degrado con la temperatura, l’olio vergine di oliva, a differenza di altri oli, è in grado di mantenere sostanze benefiche per la salute come i polifenoli e limitare le sostanze tossiche che vengono prodotte dalla degradazione causata dal calore.

Ricorda inoltre che l’olio EVO o qualsiasi altro tipo di olio, deve essere depositato nel contenitore dell’olio usato e non deve mai essere gettato nel lavandino. Ma puoi anche riutilizzare l’olio per fare il sapone fatto in casa .

Il consumo di cibi fritti deve essere moderato e non va consumato più di 3 o 4 volte a settimana.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.