Suggerimenti

Come coltivare il proprio Ginseng in modo biologico e sfruttare le sue proprietà medicinali

Il potere del Ginseng ( panax ginseng ) è noto a tutti . È un rimedio naturale utilizzato da migliaia di anni nella Medicina Tradizionale Cinese utilizzato perché serviva a “curare tutto” grazie alle molteplici proprietà medicinali che possiede.

È in grado di combattere ed eliminare anemia, acne, dermatiti, stanchezza e affaticamento, stress, lieve depressione, diabete di tipo II, fibromialgia, insonnia, stimola il sistema immunitario, febbre, influenza, ipertensione, infezioni, migliora la memoria, ritenzione di liquidi, favorisce la concentrazione, neutralizza la crescita delle cellule cancerose e delle malattie degenerative in genere.

Come coltivare il Ginseng

Il Ginseng è una pianta selvatica perenne che si può coltivare dalla semina dei semi o dalle radici . Questa seconda opzione darà risultati molto più rapidi. Le radici dovrebbero essere piantate intere, senza tagliarle, e il momento migliore per farlo è la primavera, prima che emergano i germogli. Un altro momento in cui le radici possono essere piantate è in autunno, quando tutti i frutti (alcune bacche rosse) sono caduti. Se acquisti semi, tieni presente che questi di solito impiegano un anno per germogliare, prima che debbano passare attraverso un processo chiamato stratificazione. In alcuni punti puoi trovare i semi che hanno già attraversato questo processo e impiegheranno molto meno tempo a germogliare.

Per seminare i semi lo faremo all’inizio dell’autunno con semina diretta nel terreno. Prima aerare bene il terreno e fare una buca e introdurre il seme, coprire con circa 5 cm di humus e aggiungere sopra alcune foglie (pacciame), per simulare il processo di crescita che continuerebbe a riprodursi in natura.

Il ginseng predilige terreni con un pH compreso tra 5,6 e 6, altrimenti potrebbe non svilupparsi adeguatamente. Non ama i terreni argillosi e devono consentire un buon drenaggio dell’acqua, cosa molto importante da tenere in considerazione quando si coltiva il ginseng.

Non tollera molto bene il caldo e preferisce la mezz’ombra, quindi crescerà molto bene in un luogo all’ombra di alberi o arbusti focalizzato a nord o ad est.

Deve avere sempre un certo grado di umidità, quindi controlleremo le annaffiature, soprattutto in estate per evitare che si secchi.

Vendemmia: se lo sviluppo è stato corretto, a 5 anni si può iniziare a raccogliere le radici, altrimenti possono volerci fino a 10 anni per ottenere risultati. La pianta avrà un’altezza di 1/2 metro. È un raccolto che richiede pazienza. La cosa buona è che non ha bisogno di manutenzione e cura costanti. Per rimuovere la radice, scava con attenzione in modo da non danneggiare nessuna delle radici, rimuovi quelle che vedi più grandi e lascia il resto. Lava e asciuga le radici che hai raccolto all’ombra. Lavali di nuovo, anche se non energicamente, poiché molti dei loro benefici medicinali si trovano nelle piccole radici e potresti perderli. Lo laviamo solo quanto basta per rimuovere lo sporco. Lasciare asciugare in un luogo buio e ben ventilato. Evita di usare utensili in metallo, opta per il legno.

Come prendere il Ginseng?

Grattugiato o macinato viene aggiunto a piatti dolci come tocco finale.

Fare infusi con un pezzo di radice essiccata

Puoi anche aggiungerlo ai frullati di verdure e al latte che prepari.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.