Suggerimenti

Coltiva piante grasse o succulente come un giardiniere professionista

Le piante grasse o succulente sono un tipo di piante con forme, affrancatura, altezze e fiori molto vistosi di vari colori, infatti esistono 60 diverse famiglie di piante grasse.

I successi hanno la particolarità che le foglie, i fiori o le radici si ispessiscono a causa dell’accumulo di acqua. Le famiglie principali sono le Agavoideae (tra cui l’ Aloe vera o Sábila e l’Agave Blu, da cui si ottengono tequila e sciroppo per dolcificare), Cactaceae (cactus) e Crassulaceae .

Oltre ad essere molto graziosi e vistosi, sono relativamente facili da coltivare, motivo per cui sono diventati molto popolari e diffusi in molte case. Possiamo coltivare piante grasse indoor o outdoor , a seconda della varietà e della stagione.

Si potrebbe dire che la caratteristica principale delle piante grasse è quella di avere la capacità di accumulare una grande quantità di acqua nelle foglie. Un terrario o un giardino succulento possono essere semplici e facili da mantenere, purché si tengano conto di alcune linee guida di base e delle cure richieste da questi tipi di piante.

All’interno delle piante grasse possiamo trovare piante in grado di sopravvivere alle basse temperature e altre che necessitano di un clima tropicale o mediterraneo. Dal momento che abbiamo una tale varietà di piante diverse tra cui scegliere, assicurati di optare per una varietà che sarà adattata a ciò che stai cercando. Ad esempio, se desideri piante grasse da interno, cerca quelle che si adattano alle condizioni che si verificano all’interno della casa, stiamo parlando di: umidità, temperatura, esigenze di luce, raffiche d’aria, spazio disponibile per la pianta, ecc. In questo modo avrai risultati molto migliori nella sua coltivazione.

8 consigli per coltivare piante grasse come un giardiniere professionista

1.- Le piante grasse necessitano di vasi o contenitori con un ottimo drenaggio, poiché sono suscettibili alle radici che subiscono gravi danni se l’acqua si accumula costantemente nel substrato. Per ottenere substrati con un buon drenaggio, preparare il vaso mettendo un primo strato, che sarà alla base del vaso, con alcuni sassi di fiume o ghiaia, poi un altro strato di sabbia e successivamente sopra un altro strato con humus e finire con un altro strato di terra. Lo spessore di ogni strato dipenderà dalla profondità del vaso, ma potete dividerlo in 4 parti uguali, una per ogni strato.

2.- Sii fantasioso e crea diverse composizioni con piante grasse. È preferibile avere un contenitore o vaso un po’ più grande e piantare diverse piante grasse formando diverse composizioni, mescolando colori, consistenze, ecc. In questo modo sarà più facile per noi prenderci cura di loro che se avessimo una pianta qua e un’altra là .

3. I rischi sono un altro punto chiave se si vuole avere successo con queste piante. Molti di loro possono andare bene per diversi giorni senza acqua, anche diverse settimane. Se hai piante grasse da clima umido , tieni presente che durante i mesi più secchi potrebbe essere necessario spruzzare un po’ d’acqua sulle piante e posizionarle nello spazio più umido della casa. In questo modo resisteranno molto meglio.

4.- Usa vasi di terracotta . Questo materiale, essendo poroso, consente al substrato di aerare e quindi, anche se in alcune occasioni esageriamo con l’irrigazione, aiuterà a prevenire la decomposizione delle radici. Si possono utilizzare anche altri materiali più “rustici” che lasciano traspirare come i tronchi (come nella foto sopra) e sono molto originali.

5.- Puoi sfruttare la tecnica giapponese del kokedama o dei giardini pensili per coltivare le tue piante grasse in questo modo. Può stare molto bene con piante grasse pendenti come Rhipsalis o qualsiasi varietà di Aporocactus .

6.- Se stai cercando piante grasse da esterno , una buona opzione potrebbe essere una varietà di Yucca . Si adattano molto bene alle temperature più fredde rispetto ad altre piante grasse e sono molto appariscenti, con fiori molto graziosi. In quanto a cure sono molto poco impegnative, soprattutto bisogna evitare l’eccesso di acqua e possibili piaghe di afidi o malattie fungine. Niente che non si possa evitare o combattere con i rimedi ecologici per i parassiti del giardino .

7.- Nel genere Sedum sono presenti anche centinaia di specie succulente adattate ai climi temperati e freddi . Alcuni di loro sono più adatti alle aree con una maggiore incidenza di pioggia e non hanno bisogno di tante ore di luce solare diretta, quindi sarebbero una buona opzione se vivi in ​​una zona piovosa, in mezz’ombra e desideri piante grasse all’aperto. Molte di queste piante grasse o succulente hanno fiori spettacolari come quello nella foto.

8.- Riprodurre o moltiplicare le piante grasse può essere molto semplice. Puoi farlo in diversi modi, ad esempio attraverso semi o talee. Tagliamo sempre le talee dalle piante con maggior vigore e che presentano un migliore stato di salute. Con un rasoio o un coltello affilato e pulito, tagliate una talea lunga non più di 15 cm e mettetela in un barattolo all’ombra con un po’ d’acqua a cui vi consiglio di aggiungere un agente radicante fatto in casa per stimolare lo sviluppo delle radici. . Evitare che le talee siano a temperature estreme, sia perché troppo alte che troppo basse. Per promuovere la guarigionedal taglio sulla pianta madre, lasciarla in mezz’ombra per i successivi tre giorni. Il radicamento può richiedere più o meno tempo a seconda che la pianta abbia le condizioni più favorevoli per farlo. La cosa comune è che ci vogliono tra i 20 ei 60 giorni. Una volta, diverse radici sono già cresciute. Successivamente sarà trapiantato nel suo posto finale.

Con aloe e cactus puoi moltiplicarli attraverso i polloni che sviluppano nel corso della loro vita. Questi polloni compaiono dalle radici delle madri e iniziano a germogliare dall’interno della terra. Se non li vorrai, tagliali semplicemente con cura con un rasoio molto affilato e pulito. In questo modo non sottraggono linfa dalla pianta madre. Ma se vuoi che abbiano più piante, devi solo lasciarle crescere un po’ (dipenderà dalla grossa, ma per esempio con aloe o aloe la fai crescere di circa 15 cm) e poi si procede a tagliarli. Li lasciamo in quello stesso luogo per un altro mese ad attecchire e da quel momento li trapiantiamo facendo attenzione a non danneggiare le radici del pollone o della pianta madre.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *