Suggerimenti

Seminare il prato e avere un giardino da sogno: passo dopo passo

E sarai d’accordo con me che il prato rende bello ogni giardino .

È un’erba (come l’ erba , o la menta verde )  che, se ben curata, la fa sembrare fantastica ovunque si trovi .

Tuttavia, non è del tutto facile seminarlo e farlo crescere come dovrebbe.  A meno che tu non conosca i passaggi e i trucchi corretti. 

Sei fortunato .

te lo garantisco  se leggi l’articolo  applica quello che diciamo qui non avrai problemi a  piantare un bel prato verde e vigoroso nel tuo giardino .

   

La semina del prato passo dopo passo:
  • Quando? Climi non estremi. In primavera e in autunno.
  • Dove? Posto soleggiato. Ha bisogno di molta luce solare.
  • Tempo di crescita? Da 7 a 20 giorni, a seconda della varietà (primi germogli).
  • Come prepariamo il terreno? Coltivazione. Viene annaffiato settimane prima della semina, per diversi giorni. Si paga anche in anticipo.
  • Come paghiamo? Materia organica decomposta (come il letame ). Settimane prima.
  • Come innaffiamo? Spruzzando, ideale. Non vogliamo allagarlo e dargli troppa acqua.
  • Quanto spesso annaffiamo? Ogni giorno finché l’erba non è germogliata e cresciuta di qualche centimetro. Quando l’erba è cresciuta può essere distanziata, a seconda del caldo (giornalieroin estate ).
  • Come seminiamo? Diffondi i semi . Tra 30-40 grammi per metro quadrato di semi.
  • Come raccogliamo e possiamo? Frequentemente e alterando il senso e la direzione.
  • Piaghe e malattie? Tipico, muffa bianca , dollaro spot e reale.

Primo: di cosa abbiamo bisogno per piantare l’erba?

È importante tenere in considerazione gli strumenti e gli elementi di cui avremo bisogno per seminare un prato robusto e di qualità.

Rastrello

Prima di tutto avremo bisogno di un rastrello per rimuovere tutti i sassi e la lettiera sul terreno dove andremo a piantare il nostro prato.

Non è essenziale ma ovviamente ci vorrà molto lavoro da parte nostra.

Timone o motozappa Walking

Non è uno strumento indispensabile, ma ovviamente ci aiuterà molto nella preparazione del terreno per la piantumazione dell’erba.

Perché? Eliminerà molti semi di piante infestanti che non vogliamo e arierà anche il terreno, lasciandolo morbido e poco compatto. Ideale per far crescere l’erba in condizioni.

Terra di qualità

Il prato è un’erba che può essere impegnativa, soprattutto all’inizio.

È importante preparare adeguatamente il terreno, non solo togliendo sassi, lettiera di foglie e “spezzandolo” con la fresa, ma anche utilizzando terriccio di qualità. Ricco di minerali e sostanze nutritive.

Usare un buon terreno è un fattore determinante quando si tratta di avere un prato forte e bello.

Semi d’erba

Non dimenticare i più importanti. Semi di prato.

La varietà di erba che si vuole seminare è decisiva.

Ci sono tipi di erba che sopportano meglio le alte temperature estive. Altri sono più resistenti alla siccità.

Altri sono molto più belli, ma anche più delicati.

Consigliamo questi:

Rullo spianatore

Non è nemmeno indispensabile, ma ovviamente se dopo aver disimballato il terreno con la motozappa, depositato compost e terriccio di qualità, usiamo un rullo per appiattire il terreno, sarà (di gran lunga) in condizioni migliori per far germogliare i semi dell’erba.

Sistema di irrigazione a pioggia

Una volta installati i semi, durante le prime settimane dovremo annaffiare e il modo migliore è per aspersione .

L’installazione di un buon sistema di irrigazione automatizzato ti farà risparmiare un sacco di mal di testa. Cosa dovremmo comprare?

Il prossimo:

 

E l prato è un tipo di erba che fornisce una moltitudine di benefici per l’ecosistema e svolge anche un ruolo importante in l per la salute del nostro ambiente.

Tra l’altro un prato sano protegge il suolo dall’erosione e aiuta, come gli alberi , a trasformare l’anidride carbonica in ossigeno .

Infatti, in determinate circostanze, l’erba all’aperto può contribuire più di tre quarti parti dell’ossigeno che respiriamo. 

Ad esempio, in un’area di soli 50 piedi quadrati , è possibile produrre giornalmente ossigeno sufficiente per quattro persone.

Come se questo sembra poco, l’erba aiuta anche a ridurre il consumo di energia grazie alla sua capacità di raffreddamento.

Vari studi hanno dimostrato che, relativamente parlando , la temperatura dell’aria sull’erba può essere fino a 40 gradi più fresca di quella sopra un’area pavimentata.

Infine, il prato fornisce anche un aspetto gradevole e molto estetico a qualsiasi area in cui viene piantato. Certo, la sua ubiquità ce lo fa dare per scontato e può portarci a credere che cresca da solo.

La verità è che sono necessari alcuni fattori per poter seminare l’erba con successo.

Caratteristiche principali del prato

Prato è il nome di alcune specie di erbe della Poaceae famiglia , che riproducono formando una copertura verde denso.

Nello specifico, solo 20 specie di graminacee possono essere considerate graminacee .

Fondamentalmente vengono utilizzate come piante ornamentali in prati e giardini o come terreno per la pratica di varie attività sportive e ricreative in campo.

Le qualità più importanti che un buon prato deve tollerare sono:

  • Il taglio rigoroso.
  • Il calpestamento.
  • Secchezza.
  • Freddo.
  • Le malattie.

Per il loro corretto sviluppo, devono avere un forte apparato radicale che ne impedisca lo sradicamento , e che formi in breve tempo una fitta e continua copertura vegetale .

Per ottenere un prato di buona qualità occorre tenere conto di vari fattori, quali : il tipo di terreno, il drenaggio, la scelta delle specie e delle varietà, il tipo di irrigazione, l’abbonato, ecc.

Le specie erbacee, in base al loro adattamento climatico, sono classificate come:

Specie di clima subtropicale e mediterraneo

Sono caratterizzati da una straordinaria resistenza all’aridità e alla salinità , che li rende ideali per l’utilizzo nelle zone costiere del bacino del Mediterraneo, le Isole Baleari e le Isole Canarie .

Specie da clima temperato

È importante determinare quale varietà di erba si desidera piantare. 

Sopporta bene il gelo e cresce molto durante la primavera e l’estate . Ne esistono diverse varietà: il loglio inglese, l’agrostis comune, la festuca rossa, la festuca rossa e così via.

In entrambi i casi, è conveniente seminare una miscela di specie diverse, opportunamente combinate in modo che si completino a vicenda e diano un risultato soddisfacente.

Il motivo per farlo in questo modo è ottenere un prato verde tutto l’anno , sfruttando i diversi cicli delle diverse specie.

La tabella seguente mostra alcuni dei mix più comuni:

Prima di seminare l’erba

Studia le condizioni del terreno

Alcune domande a cui dovresti rispondere prima di scegliere la varietà più adatta alle tue esigenze sono:

  • Il terreno dove vuoi piantare l’erba ha un buon drenaggio?
  • Si asciuga facilmente?
  • Ogni quanto vuoi innaffiare il tuo prato?
  • Quante ore al giorno prendi la luce del sole?
  • Ci sono venti frequenti e di che intensità?
  • Quanta ombra riceverà al giorno?
  • Qual è lo scopo del prato? È per scopi decorativi o hai intenzione di usarlo in modo approssimativo: sport, animali domestici, ecc.?
  • Ogni quanto lo vuoi potare?

La varietà di erba che vuoi piantare determinerà la frequenza con cui dovrai annaffiare o potare. Esistono varietà di erba molto più resistenti al calpestio, al caldo o alla mancanza di acqua.

Quando piantare il prato?

In termini generali, i periodi migliori per piantare l’erba sono la primavera e l’ autunno , poiché non presentano climi così estremi come l’estate e l’ inverno .

In autunno, i prati tendono a crescere più velocemente, poiché il terreno si è riscaldato sufficientemente durante l’estate.

Prendi i semi d’erba

Ovviamente la prima cosa è procurarsi i semi d’erba.

Puoi trovare vari fornitori online. Acquista quelli che ritieni più adatti alle tue esigenze.

Calcola l’area in cui vuoi coltivare l’erba per trovare la quantità di semi che dovresti acquistare, in base alla varietà che hai scelto.

Attualmente ci sono diversi calcolatori online che ti aiutano a determinare la quantità di semi per coprire una certa area, a seconda delle diverse varietà di erba.

Innaffia il terreno per alcune settimane

Innaffiare il terreno prima di seminare l’erba ti permetterà di risolvere cose molto importanti:

  • Da un lato ti aiuterà ad analizzare la qualità del drenaggio del terreno e, dall’altro, ti aiuterà a far germogliare tutte le erbacce che possono essere in uno stato dormiente e che possono rovinare il tuo raccolto.
  • Per quanto riguarda il sistema di drenaggio , è importante valutare se il terreno dove si prevede di seminare tende a formare pozzanghere. In tal caso, è meglio occuparsi di questo problema prima di ogni altra cosa, poiché ciò eviterà ulteriori complicazioni in futuro.
  • Un terreno con problemi di drenaggio causerà al tuo prato problemi di funghi o semplicemente non si svilupperà bene.
  • Si può provare a livellare il terreno , aggiungendo terriccio in quelle zone dove l’acqua tende a formare pozzanghere .
  • Un altro modo leggermente più costoso è installare un sistema di drenaggio . Questa opzione, tuttavia, è consigliata solo come ultima risorsa.
  • Se durante l’annaffiatura noti che sono cresciute erbacce sul terreno , rimuovile il prima possibile.
  • Se hai del muschio, puoi sbarazzartene con un anti-muschio da prato e un po’ di solfato di ferro .

Sommario

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *