Suggerimenti

Moscerini della frutta: [Effetti, rilevamento e trattamento]

Come eliminare i moscerini della frutta?

I frutti sono i prodotti vegetali che tendono ad essere attaccati da una maggiore varietà di parassiti, come nel caso dei moscerini della frutta.

In alcune zone del mondo questi sono anche conosciuti come la mosca dell’aceto. Il suo periodo di attacco inizia durante la primavera, anche se di solito è in estate che si innesca completamente.

Ha una durata di vita relativamente breve (massimo 21 giorni), ma si riproduce abbastanza velocemente. Non lasciare che le tue colture vengano colpite dalla sua presenza, conoscilo e impara come trattarlo grazie alle informazioni che ti diamo di seguito.

Cos’è il moscerino della frutta?

Il moscerino della frutta è un insetto di tipo dittero che ha la proprietà di nutrirsi di frutti dolci.

Tra i principali frutti che sono soggetti al suo attacco ci sono l’uva e le mele che sono così ampiamente utilizzate nella produzione di vini.

Il moscerino della frutta ha un breve ciclo evolutivo di soli 21 giorni, ma parte di esso si svolge all’interno dei frutti che attacca. È uno dei problemi più complessi affrontati dai frutticoltori nel mondo a causa della quantità di danni che esercita sulle colture.

Il loro attacco impedisce, tra l’altro, che i frutti vengano consumati nei mercati di alto livello. Questo accade anche se è un dato di fatto che il frutto stesso mantiene le condizioni per essere classificato come coltura di altissima qualità.

In che modo i moscerini della frutta influenzano le colture?

Il moscerino della frutta agisce attraverso l’azione della femmina, che genera un’incisione nella polpa dei frutti per introdurre le loro uova.

A causa del loro ciclo riproduttivo, le uova si schiudono e danno presenza a larve che sono responsabili di danneggiare internamente il frutto.

Oltre a ciò, funghi e batteri trovano anche una via diretta per penetrare nel frutto , portando a una rapida decomposizione.

Pertanto, se i frutti sono ancora sulle rispettive piante, cadranno prima di quanto dovrebbero, diventando impossibili da recuperare.

Come possiamo identificarli?

Il pensiero comune delle mosche assomiglia all’insetto che conosciamo di colore scuro, quasi sempre nero, e con una percezione sgradevole.

Il moscerino della frutta ha un organismo di colore molto diverso, poiché le sue ali sono di colore giallo chiaro.

A differenza della mosca comune, la sua struttura non è poi così sgradevole , dando un’immagine che potrebbe anche essere classificata come graziosa per questo tipo di insetti.

Un altro dettaglio importante è che è di dimensioni più ridotte rispetto alla mosca comune , anche se i suoi effetti sono molto più dannosi e aggressivi. Per quanto riguarda il suo comportamento, non è comune vederlo librarsi come nel caso della mosca comune perché ha il suo habitat sugli alberi.

In questo modo sarà possibile trovarli solo intorno alle foglie o svolgere la loro lavorazione sui frutti.

Quali prodotti naturali sono utili per eliminare la mosca della frutta?

Una miscela di aceto e sapone per i piatti speciale è molto efficace nel controllare i moscerini della frutta.

Il motivo è che l’odore dell’aceto è attraente per loro, il che li fa scendere nel luogo in cui si trova.

Tuttavia, quando si tocca la miscela, il sapone impedisce loro di volare via di nuovo, dandoci la possibilità di eliminarli.

È un processo che non danneggerà le colture, sebbene sia consigliato nei casi in cui non ci siano così tante mosche che colpiscono le colture. Un’altra trappola si ottiene con l’uso della frutta stessa , molto dolce, come la banana .

L’idea qui è quella di tagliare delle fette di frutta e disporle su una base all’interno di un contenitore, in modo che non siano sul fondo. Nella parte centrale posizionerai un imbuto di plastica o di carta attraverso il quale le mosche scivoleranno fino all’estremità del contenitore.

Essendo un imbuto, non avranno possibilità di uscire, facilitando così anche la loro eliminazione. Il vino rosso è un altro super alleato per catturare i moscerini della frutta usando le loro preferenze alimentari.

In questo caso sarà sufficiente riempire un contenitore per il vino e poi coprirlo con della pellicola, praticando dei buchi sparsi per l’ingresso della mosca. È importante che i fori siano di dimensioni adeguate in modo che sia facile per loro entrare, ma da dove è difficile per loro uscire.

Altre azioni includono la pulizia accurata delle colture dopo il raccolto , riducendo così le possibilità che attacchino di nuovo. Allo stesso modo, un’osservazione dettagliata delle piante colpite aiuterà a prevenire un nuovo attacco.

Quali colture colpiscono i moscerini della frutta?

In generale, il moscerino della frutta può attaccare fino a 250 tipi di diverse specie di frutta.

Tuttavia, hanno alcune preferenze a seconda della zona in cui si trovano e del tipo di colture predominanti nella zona.

Come abbiamo già accennato, la mosca della frutta opera durante i mesi primaverili ed estivi, entrando in un processo di riposo in invernoÈ comune osservarlo attaccare frutti come: mele, pesche, guaiava, fichi, prugne, albicocche , tra gli altri.

Sebbene si preveda che si generi un possibile attacco sui frutti utilizzati per i processi di fermentazione, è comune anche apprezzare i frutti con polpa dolce. Un’altra caratteristica preferita è che hanno la pelle delicata , così da aumentare la facilità di penetrazione all’interno e di deporre le uova.

In ogni caso, quando il moscerino della frutta attacca una coltura, è bene applicare i trattamenti consigliati e, se non funzionano, contattare le autorità. È particolarmente consigliabile non spostare i frutti per evitare che le mosche o le larve presenti in essi danneggino altre colture.

Vale a dire, la cosa più conveniente è applicare le azioni correttive nel luogo in cui è presente il parassita. Un altro punto importante è impedire che i frutti contaminati vengano consumati dall’uomo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.