Suggerimenti

Mosca del cavolo (Phorbia brassicae): [Caratteristiche, rilevamento, effetti e trattamento]

Cos’è la mosca del cavolo?

Uno dei più gravi nemici dell’agricoltura, a tutti i livelli, è l’infestazione delle colture da parte della mosca bianca o mosca del cavolo cappuccio, un parassita altamente resistente alle basse temperature che può provocare scompiglio con grandi perdite economiche.

Di nome scientifico Phorbia brassicae, hanno una predilezione particolare per il collo dei Cavoli, ma in genere attaccano tutte le specie crocifere.

Il metodo di attacco caratteristico di questo parassita è la costruzione di tunnel e gallerie nei fusti delle piante, per succhiare tutta la linfa, invasione operata dalle larve, che possono avere un potere così letale da finire, se trascuriamo, lasciando il fusto secco e cavo, con la consueta rovina dell’intero raccolto.

Questo danno si estende a tutte le crocifere, sia coltivate che spontanee, poiché sono molto voraci e possono procreare fino a tre generazioni in un anno, prole più che sufficiente per rovinare interi raccolti.

Come possiamo identificarlo?

La cosiddetta mosca bianca ha anche le seguenti caratteristiche e abitudini. Vediamo.

Nel caso dei cavoli , l’attacco delle larve di questa mosca inizia al collo, dove scavano gallerie che inondano l’intero fusto per consumare tutti i nutrienti, al punto da lasciarlo vuoto di contenuto.

Ma quando attaccano le crocifere napiformi come rape e ravanelli, prendono di mira la radice carnosa, anch’essa essiccata dal potente lavoro di suzione delle larve.

Morfologia

Le larve hanno una crescita fino a 10 mm, con aspetto biancastro e prive di zampe. 

Quando raggiungono l’età adulta, misurano tra 5-7 mm e sono simili alle mosche domestiche, ma hanno un colore grigio-giallastro e occhi molto rossi.

La specie Delia radicum (attacca anche le radici dei cavoli) presenta 3 linee più scure che attraversano l’addome mentre la Delia platura ha una linea dorsale marrone.

Ciclo vitale

Questa specie ha un ciclo vitale che si estende fino a circa tre generazioni durante tutto l’anno.

Nella prima sfrutta le erbe infestanti per crescere e moltiplicarsi, fino a balzare, già nella seconda generazione, verso le giovani piante delle colture, distruggendole con attacchi diretti a radici e foglie, se non vengono prese azioni energiche per distruggerli, prima che raggiungano l’epicentro del fusto centrale. 

La mosca, nella sua fase di crisalide, si protegge dagli effetti dell’inverno . Ma con l’arrivo della primavera esploderanno i primi adulti, che si schiuderanno per compiere l’imponente missione di riprodurre e deporre le uova in numerosi lotti, attorno alle radici delle piante e cercando di farlo anche nelle fessure della terra che dà il suolo colture.

Lo stadio larvale avviene dopo 4-8 giorni di invasione delle radici delle crocifere colpite, fino a raggiungere la base del fusto e i piccioli delle foglie. Poco dopo aver svolto questo intenso lavoro di estrazione dei nutrienti, compaiono le pupe, che salgono in superficie mostrando un corpo di circa 5 cm.

In sintesi, le caratteristiche identificative della presenza di questo parassita sono le seguenti:

  1. Le foglie acquisiscono una tonalità grigiastra che rovina il colore verde tipico dell’attività clorofilliana. Un aspetto ceroso inonda l’intero corpo vegetativo, fino a quando la pianta appassisce e muore.
  2. Un’altra conseguenza meno grave è che le piante interrompono il loro processo di crescita e sono stordite, sono piccole.
  3. Nel caso delle radici, il danno è tanto apprezzato che molti germogli, salgono alla superficie della terra, perché diventano necrotici fino a marcire, a causa dell’attacco delle larve di questa mosca molto dannosa, che può anche essere visto nel terreno quando si comportano come un parassita invadendo l’intero apparato radicale della pianta.

Quali piante colpisce la mosca del cavolo?

La mosca del cavolo è un parassita che colpisce le colture di broccoli , cavoletti di Bruxelles, cavolfiori e altri cavoli, come ravanelli, rape, tra gli altri.

Come combattere la mosca del cavolo?

Niente di meglio della prevenzione per combattere questo devastante parassita dei cavoli.

Alcuni dei suggerimenti più importanti sono i seguenti, ma bisogna sempre tenere a mente che tutto questo problema inizia quando le erbacce possono crescere nel raccolto o nel giardino, perché questa è la casa della prima generazione di attaccanti.

Vediamo da dove iniziare a difenderci da questo potente nemico dei cavoli.

Preparazione del terreno

È essenziale applicare aratri intensivi quando si prepara il terreno per la nuova coltura, perché aerando il terreno è sempre possibile rimuovere il parassita interrato.

In questo processo sarà inoltre obbligatorio rimuovere eventuali tracce della coltura precedente, per evitare di contaminare la nuova coltura. Un buon disinfettante granulare è molto utile come misura preventiva. Si raccomandano Fenthion, Diazinon e Dimetoato.

Rotazione delle colture

Ma è bene anche alternare colture di crocifere, almeno una volta all’anno. Queste prime azioni terranno a bada il dittero, lontano dalla semina.

Controllo biologico

In agricoltura biologica, un procedimento che inizia, come abbiamo già detto, funziona molto bene con l’eliminazione di tutte le erbe infestanti sul terreno, soprattutto le crocifere cattive, perché i parassiti sono alloggiati in queste specie spontanee. 

È considerato uno dei metodi più efficaci, da abbinare alla rotazione delle crucifere con altre associazioni colturali compatibili. Si consiglia inoltre di eliminare l’applicazione di letame animale fresco e utilizzare concimi verdi, perché attirano il parassita.

Altre misure efficaci sono:

  1. Quando la presenza della mosca è esagerata, è necessario coprire le giovani colture con una rete protettiva, tecnica molto efficace nella lotta alla delia radicum.
  2. La concimazione indicata dagli specialisti e l’irrigazione equilibrata sono anche loro pratiche che prevengono la comparsa dell’insetto. Ecco perché il fertilizzante ricco di azoto è il più corretto perché accelera lo sviluppo
  3. Utilizzo di trappole cromatiche gialle, per catturarle attaccandosi alla colla che usiamo, mescolata alla vernice.
  4. La calce agricola viene applicata a terreni acidi per uccidere i parassiti che si depositano nel terreno, ma la sua applicazione a terreni con un pH superiore a 7,5 non è raccomandata.
  5. Funziona anche l’irrigazione con una soluzione di olio di Neem, applicando tra 3-4 gocce per litro d’acqua per l’irrigazione, cercando di versarla nella maggior parte del sistema vascolare della pianta per respingere parassiti di qualsiasi tipo. Evita di farlo quando il raccolto è vicino.
  6.  Infine, se il parassita si è diffuso molto sulla pianta, purtroppo se ne consiglia la totale distruzione, senza lasciare residui sul terreno per evitare che la contaminazione si diffonda ancora di più.

Quali sono i migliori prodotti per eliminare la mosca del cavolo?

Sebbene la cura per l’ambiente debba sempre prevalere, riducendo al minimo l’uso continuato di insetticidi di origine chimica, al termine della semina è consigliabile applicare immediatamente agrofarmaci specifici, perché i pesticidi sono efficaci nell’impedire alla mosca del cavolo di fare il suo dovere.

Pesticidi specifici come la Lambda cialotrina 2,5% e Tau-fluvalinato 24% sono molto sensibili alla piaga della mosca dei cavoli, ma devono essere applicati sotto rigorosi controlli sanitari per evitare effetti indesiderati sulle colture.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.