Suggerimenti

Guida alla cura di Sempervivum tectorum

Le piante succulente hanno un grande fascino per molte persone. Di facile manutenzione, non richiedono molta acqua e offrono un’ampia varietà di opzioni per la coltivazione in terra e in vaso. Uno di questi è quello noto come Sempervivum tectorum, il cui nome comune è tetto sempreverde.

In questo articolo parliamo di questa pianta, delle sue caratteristiche principali e di una guida di consigli per la sua cura, sia in giardino (tollerano un’ampia escursione termica) che coltivata in vaso.

Come condizione speciale, anticipiamo che dobbiamo scegliere un substrato con un ottimo drenaggio e controllare molto bene i rischi. Altrimenti, i signori dei funghi che vivono in condizioni di scarsa ossigenazione non esiteranno per un secondo a marcire la pianta in pochi giorni.

Caratteristiche eterne sul tetto ( Sempervivum tectorum)

Il genere  Sempervivum comprende un gran numero di specie succulente con foglie carnose e poco bisogno di irrigazione. Tra questi, questo genere e la specie Sempervivum tectorum è uno dei più conosciuti e commercializzati nei vivai.

Da questa specie si producono incroci naturali che generano specie ibride con caratteristiche fisiche, colori e abitudini di crescita differenti.

Sempervivum tectorum offre magnifiche qualità da piantare in giardino, soprattutto in ambienti xerofiti con terreni ben drenati, alto contenuto di sabbia e scarsa piovosità.

Ecco perché un gran numero di varietà succulente viene solitamente coltivata nei giardini costieri o negli ambienti mediterranei, dove la calura estiva è soffocante. È adatto anche per la coltivazione nei giardini rocciosi, in combinazione con altre specie di cactus.

Leggi tutto:  8 cactus da interno per decorare la tua casa

Sempervivum tectorum  è anche solitamente indicato per coprire aree del suolo, come specie tappezzante.

Usi comuni

Può essere piantato ovunque nel giardino, soprattutto in ambienti soleggiati. Combinato con altre specie di cactus, piante grasse o tappeti. Adatto per giardini costieri, giardini rocciosi, marciapiedi o anche in vasi e fioriere.

Fioritura

In condizioni di crescita ottimali e con illuminazione sufficiente, Sempervivum tectorum  fiorisce durante i mesi primaverili ed estivi. Produce numerosi grappoli di fiori da 12 a 16 petali, con sfumature violacee e rosa.

varietà principali

Come accennato all’inizio dell’articolo, troviamo molte cultivar e sottospecie di Sempervivum tectorum , vista la facilità con cui può essere incrociato e ibridato con altre specie affini. Tutti loro hanno un’altezza approssimativa di 20 cm.

Esistono centinaia di varietà, ma probabilmente dovrai visitare un vivaio specializzato per trovarne una specifica. I soliti vivai dove possiamo acquistare questa pianta offrono i principali, come questi:

  • Sempervivum tectorum ‘Boissieri’: foglie color bronzo con punte ossidate.
  • Sempervivum tectorum ‘Sunset’ – Foglie verde brillante con sfumature di rosso e arancio.
  • Sempervivum tectorum ‘Oddity’ – Foglie verde brillante con bordi affilati e punte nere.
  • Sempervivum arachnoideum (ragnatela sempreverde): specie imparentata con fili bianchi simili a ragnatele attraverso la rosetta.

Sempervivum tectorum cura principale

Posizione e tempo

La posizione di qualsiasi cactus o pianta succulenta è sempre condizionata dalla disponibilità di luce. Questa pianta richiede un’esposizione completa al sole e una piena illuminazione.

In termini di  temperature  sopporta un’ampia escursione, soprattutto in termini di temperature calde, sebbene sia considerata anche una pianta resistente al freddo e al gelo.

Se abitiamo in una zona particolarmente calda, possiamo cercare un ambiente semi-soleggiato o proteggerlo dal caldo intenso.

tipo di suolo

Le condizioni del suolo di qualsiasi pianta succulenta sono sempre soggette a  un drenaggio ottimale.  Come sapete, l’apparato radicale dei cactus è molto piccolo, quindi la maggior parte di essi non può resistere a condizioni di elevata umidità e soccombere alla putrefazione.

Per questo, sia in giardino che in vaso, la cosa più importante è garantire un terreno ben drenato, sia con l’incorporazione di sabbia, fibra di cocco o anche materia organica.

Per quanto riguarda il  pH del terreno, tollera diverse condizioni ma l’ideale è compreso tra 6,5 ​​e 7,5, vicino al neutro.

terriccio

Alcuni dei substrati ad alto drenaggio ideali da miscelare con le formule universali sono i seguenti:

Se vogliamo preparare il nostro sottofondo, almeno il 50% deve essere costituito da uno qualsiasi dei suddetti o da un altro che garantisca un buon drenaggio. La parte rimanente (50%) può essere un substrato universale che compreremo in qualsiasi negozio abituale.

Irrigazione

L’irrigazione è uno dei principali problemi di gestione per gli utenti inesperti che acquistano cactus e piante grasse nei negozi e nei supermercati.

Dobbiamo assicurarci che il substrato o il terreno si asciughino completamente prima dell’irrigazione successiva. Possiamo quindi sperimentare inserendo il dito all’interno del supporto per controllare l’umidità.

Se c’è un po’ di umidità, meglio non annaffiare.

Per annaffiare  Sempervivum tectorum, è  meglio aggiungere poca acqua (1/5 del volume della pentola) e ben distanziati.

Logicamente, in primavera e in estate dovremo aumentare la frequenza (ma non la quantità!), stabilendo sempre un rigido protocollo di  lasciare asciugare il substrato prima delle annaffiature successive.

Abbonato

Questa pianta è abituata a terreni poveri, anche se beneficia dell’incorporazione di materia organica.

Per stimolarne lo sviluppo, soprattutto se vogliamo che emetta i primi fiori primaverili, possiamo scegliere un concime liquido particolarmente adatto alle piante grasse.

Di solito includono una quantità significativa di azoto e correttori di micronutrienti, in particolare ferro.

Moltiplicazione

Esistono diversi modi per moltiplicare la nostra succulenta, la più semplice è la propagazione per radici sotterranee.

Semi

La moltiplicazione di questo immortelle per seme inizia con la raccolta in autunno, e da febbraio è indicata la sua semina in semenzaio protetto.

Questi semi hanno bisogno di un po’ di freddo per la loro conservazione, quindi possiamo tenerli all’aperto, al riparo dall’umidità.

La temperatura ottimale di germinazione è compresa tra  18 e 20 °C, quindi possiamo piantarli in vaso, scegliendo un substrato molto poroso e mantenendo una leggera umidità in ogni momento fino a quando la piantina non emerge. 

Propagazione per radice

Sempervivum tectorum  si moltiplica orizzontalmente come specie tappezzante e lo fa per propagazione delle radici sotterranee.

La propagazione avviene in primavera, quando avviene il germogliamento. Da ogni pianta madre se ne possono ricavare 4 nuove. Si staccano facilmente facendo attenzione a non rompere le radici.

Piaghe e malattie

Le piante succulente di solito non hanno problemi di parassiti eccessivi, ma fai molta attenzione con l’umidità perché soffre di marcire da parte dei funghi in condizioni di elevata umidità.

Uno dei più comuni, il marciume della corona, appare in condizioni di terreno eccessivamente umido e radici non sviluppate.

In condizioni di elevata umidità ambientale, è possibile che si possa soffrire anche di una malattia nota come Endophyllum ruggine, causata da un fungo.

Entrambi questi problemi possono essere prevenuti piantando in condizioni asciutte.

Usi di Sempervivum tectorum come pianta medicinale

Molti anni fa questa pianta veniva utilizzata per scopi medicinali. Dal succo delle sue foglie si usa una specie di cataplasma per curare le ferite e favorire la guarigione, qualcosa di simile a quello che si fa con l’ Aloe Vera.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.