Suggerimenti

Guida alla germinazione dei semi di canapa

Continuando con il tema della cannabis, dove in precedenza abbiamo commentato che la coltivazione della canapa per l’uso medicinale del CBD (cannabidiolo) è in piena espansione in Europa e negli Stati Uniti, ora tocca a conoscere quali processi fisiologici sono coinvolti nella germinazione di canapa o cannabis., come è anche noto.

Come abbiamo anticipato, il genere Cannabis, che ospita 3 specie, si moltiplica efficacemente attraverso i semi, che non richiedono processi difficili per la loro germinazione. Questo articolo è incentrato sulla conoscenza delle chiavi per la moltiplicazione e la germinazione di tutti i tipi di semi sfusi per la coltivazione della canapa.

Consigli utili per garantire la germinazione dei semi di canapa o marijuana

La germinazione della maggior parte dei semi che non necessitano di stratificazione, come nel caso dei semi di canapa, comporta il garantire umidità costante (mai eccessiva), temperatura calda ed elevata umidità ambientale.

Tuttavia, per approfondire un po’ le vere chiavi della sua germinazione, daremo una serie di raccomandazioni generali, applicabili a tutte le varietà di semi e cultivar che possiamo trovare.

Condizioni ambientali ideali per la sua germinazione

In genere la germinazione dei semi di canapa avviene in condizioni protette, come un semenzaio o al chiuso. In questo modo garantiamo una temperatura controllabile che rientra nell’intervallo ottimale di cui ha bisogno il seme.

La temperatura ideale è tra 22-25 ºC, cosa comune all’interno della nostra casa o all’esterno in condizioni primaverili. Occorre però garantire anche un’umidità relativa leggermente elevata per favorire l’emersione della piantina, intorno all’80-90%.

Per questo motivo, è consuetudine che questo tipo di coltura abbia una vaschetta di germinazione con coperchio, dove è possibile controllare molto bene l’irrigazione del substrato e l’umidità ambientale della “mini serra” portatile.

Substrato ideale per semi di cannabis

Il substrato ideale per tutti i tipi di semi, indipendentemente dal fatto che siano per la coltivazione di cannabis o una pianta da orticoltura, deve essere ben ossigenato e avere un drenaggio ottimale, senza mai accumulare acqua in eccesso che provoca la comparsa del marciume prima della germinazione.

C’è un ampio elenco di informazioni su quale sarebbe il miglior substrato. Tuttavia, non c’è motivo di impazzire, poiché le soluzioni sono molte. In generale si parla di miscele di perlite, torba e fibra di cocco, in diverse concentrazioni, per ottenere il grado ottimale di umidità del supporto e il drenaggio dell’acqua in eccesso.

È molto importante valutare l’origine della fibra di cocco, poiché in alcuni casi si presenta con un eccesso di conducibilità dovuto al fatto che non sono stati preventivamente lavati ed è stato eliminato l’eccesso di sale marino che possono contenere.

Passi da seguire per la sua germinazione

pre-germinazione

La pregerminazione consiste nel bagnare preventivamente il seme per attivare i processi di uscita della piantina. Per fare questo, è facile come inumidire un tovagliolo, carta da cucina o un giornale e posizionare i semi all’interno, in modo che l’umidità sia a contatto con il rivestimento del seme su entrambi i lati.

La bagnatura può essere effettuata con acqua distillata o di rubinetto, se non contiene molto calcare. Lasceremo i semi intatti per 24-48 ore finché non vedremo che c’è una parte verde che inizia a uscire dal seme.

Piantare in vassoio di germinazione

Una volta che vedremo che la piantina spunta dal seme, sarà il momento di metterla in un vassoio per la germinazione, dopo aver posizionato il substrato in ogni alveolo. Inumidiamo il terreno fino a raggiungere un punto di umidità ottimale (se premiamo non esce acqua ma l’umidità si fa sentire facilmente), e introduciamo un seme per alveolo, appoggiandoci sopra la testa del seme.

Mantenimento delle condizioni

Lo terremo in luogo semiombreggiato, senza sole diretto, con temperatura costante superiore a 20 ºC e con il substrato sempre umido. Il modo migliore per innaffiare è con uno spruzzatore, poiché la dimensione delle gocce è abbastanza piccola da non spostare il seme o spostare eccessivamente il substrato.

Seguendo questi passaggi, tra qualche giorno vedremo come la piantina si sollevi dal suolo, mantenendo le stesse condizioni di umidità e aumentando gradualmente l’esposizione ai raggi solari.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.