Suggerimenti

Ficus benjamina cura

Esistono diversi tipi di ficus, come quello comunemente chiamato alloro indiano o albero della gomma, ma uno dei più conosciuti è il benjamina. È una pianta originaria del sud-est asiatico, anche se oggi la si può trovare ampiamente diffusa in tutto il pianeta. È un albero che presenta foglie ovali con estremità appuntita, di colore verde molto intenso, e capace di sopravvivere agli inverni più temperati. Infatti è in primavera che riappare con nuovi germogli che possono durare fino all’autunno e sono facili da identificare per la differenza di colore e tenerezza rispetto alle vecchie foglie. È una pianta che può essere trovata sia come albero che come bonsai o piantata in vaso. Se vuoi conoscere la cura del ficus benjaminaContinua a leggere EcologíaVerde e te ne parleremo.

Come prendersi cura di un fibus benjamina

In generale, la cura di base del ficus benjamina è semplice, come vi diciamo di seguito:

Irrigazione

Il ficus benjamina è una pianta che necessita di rischi costanti a causa della sua elevata traspirazione. Questo fa sì che il substrato tenda ad asciugarsi facilmente, il che può portare alla caduta delle foglie. Pertanto, soprattutto durante i mesi primaverili ed estivi, si consiglia di aumentare l’irrigazione per garantire che il substrato non sia mai completamente asciutto. Tuttavia, nel caso di essere in vaso, è importante evitare l’accumulo di acqua in eccesso nel sottovaso, in quanto potrebbe intaccare le radici.

Passaggio

Per quanto riguarda il pagamento del ficus benjamina, si consiglia di farlo una volta all’anno, preferibilmente all’inizio della primavera. I fertilizzanti più consigliati per il ficus benjamina sono quelli ricchi di azoto. Tuttavia, quando si concima questa pianta è molto importante non eccedere nella quantità, poiché un eccesso di fertilizzante potrebbe bruciare le radici.

luce e posizione

Allo stesso modo, un’altra delle cure del ficus benjamina che dobbiamo tenere in considerazione è che è una pianta che necessita di luce abbondante, quindi va posizionata in una parte soleggiata del giardino o vicino a finestre con accesso diretto alla luce solare.. In ogni caso, anche la luce solare diretta per molte ore alla volta non fa bene.

Come e quando potare un ficus benjamina

Quando si pota un ficus benjamina, è necessario tenere conto di diversi elementi. Il primo di questi è che il momento migliore per farlo è l’inizio della primavera, che consentirà ai nuovi germogli di uscire in pieno vigore. In secondo luogo, quando poti un ficus benjamina, tieni presente che è preferibile fare una potatura piccola di tanto in tanto invece di fare una potatura grande una volta all’anno. La potatura eccessiva di un ficus benjamina può rallentarne la crescita. Per questo motivo si consiglia vivamente di eseguire la potatura parziale, anche se più ripetuta.

Aspetti da tenere in considerazione per piantare un albero di ficus benjamina

Il modo più comune per trovare un ficus benjamina è sotto forma di albero. Tuttavia, quando hai un albero di ficus benjamina, dovrai tenere conto di una serie di aspetti importanti legati, soprattutto, alle sue radici. L’albero di ficus benjamina è una pianta a crescita rapida, sia nella sua chioma che nelle sue radici. Questo fa sì che le sue radici si diffondano molto rapidamente nell’area confinante dove è piantato.

Ciò può causare problemi quando l’albero di ficus benjamina è troppo vicino alle strutture o agli edifici del giardino, poiché le radici sono abbastanza forti da sollevare il terreno o addirittura rompere i tubi. Pertanto, quando si pianta un albero di ficus benjamina, è essenziale farlo in un luogo in cui la pianta abbia spazio sufficiente per espandersi senza danneggiare nessun’altra struttura vicina.

Ficus benjamina bonsai: cura specifica

Sebbene il modo più comune per trovare il ficus benjamina sia sotto forma di albero, è anche una pianta che di solito si presenta nei bonsai per il buon adattamento che ha a questo tipo di coltura grazie alla sua rapida crescita.

Quando hai un bonsai di ficus benjamina, devi tenere conto del fatto che lo spazio che avrà nel vaso sarà particolarmente piccolo. Per questo motivo, è particolarmente importante assicurarsi che il substrato non si asciughi e che la pianta riceva i nutrienti necessari esternamente, cioè attraverso la concimazione. La cosa più importante da tenere a mente è:

  • Irrigazione: le annaffiature del ficus benjamina bonsai dovrebbero essere più comuni rispetto al caso di un ficus benjamina che viene piantato direttamente nel terreno.
  • Fertilizzante: è importante applicarlo più volte all’anno se si vuole che la pianta cresca. Tuttavia, non dovrebbe mai essere pagato più di una volta al mese. In effetti, la cosa perfetta sarà farlo all’inizio della primavera, all’inizio dell’estate e una terza volta all’inizio dell’autunno. Inoltre, è fondamentale farlo sempre a basse dosi, poiché è preferibile essere a corto di fertilizzante piuttosto che superarlo.

Malattie comuni del ficus benjamina

Le malattie più comuni del ficus benjamina sono quelle associate alla presenza di parassiti come afidi, cocciniglia o acari. In questi casi, soprattutto se la pianta è all’aperto, è meglio irrorare la pianta con una certa frequenza durante i mesi primaverili ed estivi con un insetticida naturale che elimini questo tipo di infestante. È meglio farlo a fine giornata e farlo in tutta la pianta, senza mai dimenticare gli interni.

D’altra parte, una delle malattie del ficus benjamina si presenta sotto forma di foglie ingiallite. Se vedi delle foglie gialle sul tuo ficus benjamina, pensa che di solito è dovuto alla mancanza di acqua, all’eccesso di sole o alla mancanza di qualche nutriente nel terreno, di solito il ferro. Quando ciò accade, è meglio assicurarsi prima che la pianta disponga dell’acqua necessaria e, in tal caso, applicare un concime specifico, ricco di ferro, oltre ad avere anche un alto contenuto di azoto. Quando si applica il fertilizzante, è importante ripetere che è preferibile ridurre la quantità e vedere come reagisce piuttosto che superare la quantità. Se necessario, è possibile applicare più fertilizzante in piccole quantità dopo un mese o due.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cura del Ficus benjamina, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.