Suggerimenti

Cura della pianta Platycodon grandiflorus

Il nome di questo genere (che comprende solo questa specie) deriva dal greco “platikos” (largo) e “odon” (dente) e si riferisce alle sue foglie seghettate. È originaria della Cina e della Manciuria.

Volgarmente, si chiama campana cinese, fiore del paracadute, campana giapponese, fiore della palla e grande campana del fiore.

Si tratta di piante perenni ed erbacee i cui fusti si ramificano alle estremità e possono raggiungere poco più di mezzo metro di altezza. Le foglie sono seghettate, ovali e verde bluastro sul lato superiore e verde chiaro sul lato inferiore. I fiori sono grandi (8-9 cm di larghezza) e possono essere bianchi, viola, blu o rosa. Fioriscono in estate.

È una pianta resistente , facile da coltivare, che viene utilizzata per bordure miste o di gruppo e anche in vasi per terrazze e balconi.

La fata di Campanellino ha bisogno di essere esposta in piena ombra o al sole, ma non nelle ore più calde. Anche se non ama il freddo, può resistere al gelo sporadico e a basse intensità, purché sia un po’ protetto.

Il terreno deve essere ben drenato, con una buona miscela di terra da giardino con 14 sabbia e 14 torba. La semina nella posizione finale dovrebbe essere effettuata in primavera o in autunno.

Acqua moderatamente ogni 2 giorni (un bicchiere d’acqua per pianta) in primavera e in estate. Poi ridurre l’irrigazione, mentre la pianta va in dormienza.

Anche se non richiede di per sé la potatura , quando gli steli si seccano in autunno, possiamo tagliarli a circa 10 cm da terra e proteggere le piante con foglie secche se il clima è freddo.

Concimare quindicinale in primavera ed estate con un concime minerale per favorire la fioritura.

È abbastanza resistente ai parassiti e alle malattie del giardino e può essere attaccato dagli afidi e dagli acari del ragno rosso.

È possibile moltiplicare dai semi seminati in primavera o, meglio ancora, dividendo il cespuglio anche in primavera. Se si utilizza quest’ultimo sistema, occorre fare attenzione a non rompere le fragili radici.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *