Suggerimenti

Come coltivare pomodori biologici

Gli alimenti totalmente biologici sono più sani e la loro produzione è molto più rispettosa dell’ambiente. Per questo motivo, sempre più persone coltivano il proprio cibo, sia in giardino che in casa con vasi o in un orto urbano.

Ad esempio, i pomodori sono uno degli alimenti che consumiamo di più e, quindi, puoi scegliere di acquistare pomodori biologici o imparare a coltivarli. In EcologíaVerde vogliamo aiutarti e ti spieghiamo come coltivare pomodori biologici, così puoi preparare ricette di cucina con prodotti biologici prodotti in casa, un ottimo modo per prenderti cura di te.

Scegliere i semi per piantare pomodori biologici

È fondamentale che per coltivare pomodori biologici o biologici tu scelga i semi giusti. Non è consigliabile optare per semi ibridi o transgenici per vari motivi, come, ad esempio, che i semi di pomodoro che ne derivano potrebbero non essere utilizzati per continuare a produrre e perché contengono prodotti che sono stati utilizzati per ottenerli che risultano essere tossico. Pertanto, con i semi di pomodoro biologici ed ecologici ti assicurerai di non consumare sostanze tossiche attraverso i loro frutti, che potrai ripiantare e che ti prenderai più cura della tua salute e di quella dell’ambiente.

Per fare ciò, dovrai assicurarti che siano semi di varietà autoctone o locali poiché, oltre a contribuire al commercio e allo sviluppo locale, sono più resistenti a possibili parassiti e malattie della zona stessa e si adattano meglio alle clima, così cresceranno più facilmente e meglio.

Puoi scegliere tra diversi specialisti che possono fornirti semi di pomodoro biologici. Ad esempio, puoi andare a vivai o agricoltori locali. Un’altra opzione molto buona è prenderli da soli: quando consumi pomodori biologici, elimina sempre i semi e lasciali asciugare fino a quando non puoi piantarli.

Inoltre, spiegheremo come coltivare i pomodori senza seminare, cioè dalle piantine, una buona opzione quando hai già piante di pomodoro o non puoi ottenere semi così facilmente.

Dove e come piantare pomodori biologici

La cosa importante su dove piantare i pomodori è tenere presente che le piante di pomodoro devono avere abbastanza ore di luce naturale e una buona ventilazione. Cercate quindi un luogo dove la luce solare possa raggiungerli tra le 6 e le 10 ore al giorno e che sia un luogo ventilato, per questo motivo è sempre consigliabile piantarli all’aperto, che si tratti di un frutteto come un giardino, un terrazzo o balcone. Per una ventilazione ottimale, ti consigliamo di lasciare diversi centimetri di distanza tra ogni pianta, se possibile circa 60 centimetri.

Ora arriviamo al punto in cui spieghiamo come piantare i pomodori in giardino, in serra, in vaso o ovunque tu abbia scelto di farlo. Hai due opzioni: puoi seminare o piantare. Se scegli la semina dovrai scegliere i semi come abbiamo spiegato prima, ma se scegli di piantare dovrai procurarti le piantine. È più importante che queste piantine abbiano radici ben sviluppate rispetto al fatto che lo sia o meno la parte del germoglio. Dovrai anche controllare che non abbiano parassiti prima di piantarli.

Riguardo a quando seminare i pomodori, dovrai pensare che se semini, cioè se usi i semi, dovrai farlo all’inizio della primavera. Invece, se pianti piantine o germogli, è meglio farlo in tarda primavera. Inoltre, ricorda di realizzare un traliccio per i germogli e i giovani steli per avere una guida che li aiuti a crescere bene. Puoi usare picchetti, bastoncini come rami o canne.

Questi sono i punti chiave da tenere a mente su come piantare i pomodori biologici:

  • Quando seminare: inizio primavera.
  • Quando piantare: tarda primavera.
  • Quando si può raccogliere: a 3 mesi.
  • Capacità e profondità minime delle pentole: 20 litri e 40 centimetri.
  • Distanza tra linee di impianto o balle: 90 centimetri.
  • Distanza tra le piante di pomodoro: 60 centimetri.
  • Tipo di terreno: terreno ricco di sostanze nutritive, va utilizzato il compost.

In questo altro articolo di EcologíaVerde ti diamo consigli su come preparare la terra per piantare ortaggi.

Irrigazione di pomodori biologici

Un altro punto fondamentale della coltivazione di pomodori biologici è tenere conto dell’irrigazione. Qui non vedremo solo di cosa ha bisogno la pianta, ma dovremo anche tenere presente il consumo di acqua e che sia ecologico. Per fare ciò, ti consigliamo di leggere questo altro articolo sul Riciclo dell’acqua piovana per il consumo.

Per innaffiare i pomodori biologici è importante sapere che hanno bisogno di acqua costantemente ma in modo tale che il terreno non si crei pozzanghera, cioè in una moderata quantità d’acqua. Pertanto, è meglio farlo manualmente con cura o utilizzare sistemi di irrigazione a goccia. Bisogna fare attenzione a non annaffiare le foglie, perché non ne hanno bisogno e possono ammalarsi facilmente, ma è meglio bagnare solo il terreno e le radici. Assicurati anche che il terreno abbia un buon drenaggio e non rimanga impregnato d’acqua per ore.

Concime ecologico per pomodori

Il miglior fertilizzante per i pomodori è senza dubbio quello totalmente naturale e, senza dubbio, se vogliamo che siano coltivati ​​biologicamente, questo è quello che dovremmo usare. La cosa migliore è usare materiali come il compost fresco che possiamo fare in casa, con diversi rifiuti organici che produciamo in casa. Applicare all’inizio della semina e durante la crescita delle piante di pomodoro.

Qui spieghiamo come preparare in casa un fertilizzante organico per piante.

Come combattere i parassiti nei pomodori biologici

Le malattie e i parassiti più comuni nelle piante di pomodoro sono quelli causati da funghi, principalmente muffe e varie specie di afidi. L’ agricoltura biologica cerca non solo di curare con metodi naturali, ma soprattutto di prevenire parassiti e malattie. Per fare ciò, è conveniente associare le piante in modo che i pomodori crescano meglio, e in questo caso le migliori opzioni per le piante di pomodoro sono:

  • Basilico
  • camomilla o camomilla
  • Zinnia
  • Taco al nasturzio o regina

Sono piante che respingono i parassiti degli insetti dannosi per le piante di pomodoro, ma che attirano gli insetti benefici, come i lacewing, alcune specie di coccinelle e le vespe.

Allo stesso modo, le rotazioni delle colture riducono la comparsa di parassiti e malattie e, come se non bastasse, sfruttano meglio i nutrienti del suolo.

Nel caso ci sia già un parassita o una malattia, è necessario utilizzare prodotti totalmente naturali per combatterli. Inoltre, si consiglia vivamente di prendere un pezzo malato della pianta, come una foglia o un ramo, e portarlo da uno specialista in qualsiasi negozio specializzato in agricoltura e/o giardinaggio, in questo modo potranno conoscere di sicuro di cosa si tratta e come aiutarci.

Come potare la pianta di pomodoro o la pianta di pomodoro

Infine, dopo aver raccolto i pomodori biologici 3 mesi dopo la semina, le piante di pomodoro dovranno liberarsi delle foglie e di altre parti che potrebbero essersi seccate a causa della fatica di produrre il frutto e, quindi, molte persone approfittano del momento per potare la pianta di pomodoro Tieni presente che c’è chi pota in modo che la pianta cresca di più ma, da EcologíaVerde, consigliamo di non potare le parti sane della pianta, ma di rimuovere solo le parti secche o malate, se non possiamo curarle.

Se vogliamo che la pianta cresca di più, è necessario intervenire mentre è in piena crescita e non dopo la raccolta. Quando la pianta sta crescendo e iniziano a comparire i polloni, che sono piccoli rami che compaiono tra lo stelo verticale principale e i rami orizzontali, è meglio rimuovere i primi 2 o 3, facendo concentrare le forze della pianta sul tirare in avanti lo stelo principale.e non questi rami più deboli. Successivamente non è più necessario rimuovere i polloni, anche se c’è chi lo fa in modo che la pianta cresca un po’ di più.

Inoltre c’è chi rimuove le grandi foglie che cominciano ad essere tramontate prima di lasciarle cadere da sole, per avere prima una migliore ventilazione della pianta. Raccomandiamo che se non sono malati di farli cadere da soli, perché se vogliamo ventilare bene possiamo posizionare più guide o graticci e muovere bene le foglie e i rami quando controlliamo le piante di pomodoro, oltre a rispettare le distanze indicate all’inizio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come coltivare pomodori biologici, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.