Suggerimenti

La guerra dei semi

Sono passati 12mila anni da quando tutti i contadini seminano e selezionano i semi.

Oggi il 75% dei semi coltivati ​​è scomparso dal pianeta.

Cosa sta succedendo?

Voglio fare ciò che la natura ci offre naturalmente una MERCE .

Come?

Imponendo la “certificazione” dei semi e decretando nello stesso tempo che tutti gli altri sono fuori legge.

Il commercio di semi in Spagna

Il controllo delle sementi è soggetto alla normativa proposta dall’Unione Europea ed è articolato in due tipologie di poteri:

  • nel commercio interno, le autonomie governano
  • nel commercio estero, lo Stato comanda attraverso l’Ufficio spagnolo delle varietà vegetali

Può essere commercializzato solo con semi iscritti – e quindi imposti – nel Catalogo Nazionale delle Varietà Commerciali e/o nel Catalogo Comunitario.

Inoltre, i Produttori/Allevatori possono tutelare la proprietà intellettuale di un seme registrandolo in uno o entrambi i cataloghi, il che garantisce la riscossione delle royalty corrispondenti.

La vita stessa è BREVETTATA .

Anche l’uso che si può fare dei semi è rigidamente regolamentato, ovvero:

L’agricoltore che li ha acquistati può riottenerli dalla sua prima produzione, purché li utilizzi nella propria azienda agricola, ma non può commerciarli, né scambiarli, né cederli a terzi.

Il commercio al di fuori del sistema di certificazione è considerato ILLEGALE .

In altre parole: il contadino è libero di acquistare solo i semi dai cataloghi ufficiali, non può utilizzarli per scopi diversi dalla propria semina, né può coltivare altre specie. Farlo è FUORI LEGGE .

Inoltre, otterrai sovvenzioni istituzionali solo se dimostri di acquistare semi certificati.

Infatti, a ben guardare, questi sussidi servono a controllare indirettamente il mercato alimentare poiché, da parte dello Stato, la produzione di questo o quel cibo è nota in anticipo, il che consente ogni tipo di speculazione.

Così in posa, non vedi il problema, vero? È in pratica che le cose si fanno brutte.

Nel marzo 2013, nel paese è uscita una notizia dal titolo “La SGAE de las Semillas” in cui è stato riferito che 70 agricoltori sono stati multati dagli ispettori delle colture che cercano coloro che violano la legge sulla proprietà intellettuale – coloro che affettuosamente chiamano “uomini in nero” -: i mandarini che avevano piantato non avevano “documenti” quindi sono stati condannati a pagare più di 15 milioni di euro di royalties, a 7 euro per albero ed è stato anche loro vietato di raccogliere la produzione.

Un avvertimento di ciò che ci aspetta.

Chi “fa” i nostri semi?

È interessante notare che alcuni dei più grandi produttori di semi del pianeta ti sembreranno familiari:

BAYER MONSANTO per la Germania: il primo fu il glorioso inventore del gas Zyclon B, principale artefice della soluzione finale dei campi di sterminio nazisti. Il secondo dei famosi gas arancioni usati nella guerra del Vietnam e il noto RoundUp, ancora molto usato in Spagna – siamo il paese che spende più sostanze chimiche nell’Unione Europea, dovevamo essere bravi in ​​qualcosa -, nonostante la fatto che il suo componente principale: il glifosato, è stato dichiarato cancerogeno dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

SYNGENTA per la Svizzera: multinazionale con più brevetti dagli insetticidi ai prati di cui non troverete informazioni su Internet se non la propria pubblicità.

LIMAGRAIN per la Francia: si presenta come un’innocua cooperativa di agricoltori che “crea” più di 300 varietà di semi per colture da campo, orticoltura e giardino.

DUPONT PIONEER per gli Stati Uniti: Creato nel 2012 quando l’ex “divorziato” da Syngenta. Il secondo è specializzato in semi di colture estensive e organismi geneticamente modificati, tra gli altri.

Per capire cosa può succedere lasciando cadere il nostro cibo in quelle mani, parleremo della realtà dei nostri vicini francesi.

Lì, un agricoltore non può più sfruttare i semi del suo raccolto poiché, dopo il rifiuto frontale e quasi unanime dell’Unione Europea ai transgenici – ad eccezione della Spagna, che coltiva il 48% di queste varietà – si sono imposti i semi ibridi .

.

E cosa li caratterizza?

Sono certificati – per loro si pagano le royalties -, tutte le piante che producono sono esattamente uguali: per altezza, colore, forma, ecc… ma non producono nuovi semi, quindi non possono essere riprodotti.

Ogni anno devi riacquistarli per poter seminare.

Per avere un’idea del potere di queste multinazionali sul cibo di tutti noi, diremo che in Francia il 95% del mais che viene coltivato appartiene a loro – circa 769 milioni di euro l’anno – e che la BAYER MONSANTO , in particolare, possiede la terza parte di quella succosa torta di semi.

Le nuove leggi che si stanno preparando nell’Unione Europea vogliono dare ancora più uniformità ai semi a beneficio di queste 4 multinazionali.

L’idea è quella di proteggere i tuoi profitti impedendo per legge il libero scambio e la semina di semi non categorizzati.

A loro non basta avere già in mano il 60% delle piccole aziende agricole della produzione alimentare del pianeta.

È inaccettabile che le aziende private controllino la “dispensa” dell’umanità .

Cosa accadrà se riusciranno a controllare i semi?

Ebbene, che governi e popolazioni diventeranno loro ostaggi.

Basterà che minaccino il governo del momento di smettere di rifornirli di semi per ottenere ciò che vogliono e non c’è alcuna garanzia che non ci impongano i transgenici o peggio.

Queste multinazionali, per imbiancare un po’ la loro immagine avida e rapace, hanno contribuito a creare la famosa Svalbard Seed Bank, che apre i battenti quattro volte l’anno.

È finanziato da 19 paesi ma anche da DUPONT PIONEER, SYNGENTA, dalla Bill and Melinda Gates Foundation e dalla Rockefeller Foundation, tra gli altri, tutti responsabili della monocultura e del monopolio.

Vi sono conservati più di 800mila semi provenienti dai cinque continenti, a meno 18°C, ma non si sa per quanto tempo potranno rimanere attivi, né le conseguenze che potrà avere la loro conservazione in un unico luogo.

Dovevano essere bonificati in caso di necessità, ma quando i contadini siriani li hanno richiesti, perché avevano esaurito i semi vitali a causa della guerra, non gli sono stati dati.

La cosa peggiore è che nessuno conosce le conseguenze che questa nuova dieta “designer” avrà sulla nostra salute e sul nostro ambiente; e quelle multinazionali se ne fregano.

Nella loro incessante e disumana ricerca di un beneficio immediato, giocano con il fuoco distraendoci con cortine fumogene e facendoci sentire in colpa per quanto sta accadendo.

Non dimentichiamo che ci sono 5 aziende che vendono più del 60% del nostro cibo in Spagna .

Ma quando appare un tiranno, compare anche la resistenza. E nel nostro paese vicino, un commerciante di semi biologici duty-free continua a resistere all’invasore: si chiama KOKOPELLI .

Attivo dal 1999, non solo commercia con loro ma recupera anche varietà dimenticate, ha un programma di distribuzione gratuita chiamato: Semi senza frontiere e sta combattendo nelle cause che le multinazionali gli impongono di anno in anno.

L’hanno diffamata, sono stati scritti libri contro di lei, hanno avvertito del “pericoloso” di piantare quei semi terrificanti nell’orto, e non ha fatto nulla.

Ostenta la sua irriducibilità come il famoso villaggio gallico di Asterix. Non c’è nulla!

I loro semi sono arrivati ​​in Spagna attraverso l’ Asociación Amigos da Terra de Galicia (fondata nel 1998) che ha beneficiato del loro programma gratuito Semillas sin Fronteras e li ha piantati nel loro orto comunitario nel 2016.

(Il suo rappresentante, Ángel Dorrio, ha gentilmente assistito l’autore di questo articolo).

Ma KOKOPELLI non è l’unico dissidente; il PhD in Fisica Quantistica Vandana Shiva ha creato in India, suo paese natale, una banca diritti di seme gratuita che non solo distribuisce ma cerca anche di recuperare vecchie varietà quasi scomparse.

E perché un medico prestigioso si preoccupa di queste cose?

Ebbene, perché negli ultimi dieci anni più di 200mila contadini si sono suicidati in India a causa dei debiti contratti acquistando semi ibridi del cosiddetto cotone BT il cui raccolto non ha dato quanto promesso.

Poche sono le voci che protestano contro il sistematico saccheggio della vita perpetrato dalle grandi multinazionali, sostenendo – ovviamente – che tutto è per il nostro bene.

C’è una guerra senza quartiere, nascosta, che pagheremo cara se staremo a guardare, come la vacca che vede passare il treno.

Riguarda la nostra sopravvivenza.

Cosa possiamo fare ?

Consumare prodotti biologici e locali quando possibile.

Essiccare e conservare i semi: per ogni evenienza…

Rendere consapevoli del problema coloro che ci circondano.

Dipende da noi .

RIFERIMENTI:

www.aragon.es/-/control-y-certificacion-de-semillas

Ufficio spagnolo delle varietà vegetali: https://www.mapa.gob.es/es/agricultura/temas/medios-de-produccion/semillas-y-plantas-de-vivero/

mapa.gob.es/app/consultasprosemplan/ProductorListado.aspx

Catalogo della comunità: www.mapa.gob.es/app/regVar/default.aspx

Quotidiano El País, domenica 03/03/2013: https://elpais.com/economia/2013/03/01/actualidad/1362169193_684159.html

KOKOPELLI: https://kokopelli-semences.fr/fr/

La guerra dei grani: https://www.youtube.com/watch?v=vkOrBMs5RTM

https://en.wikipedia.org/wiki/Vandana_Shiva

Amigos da Terra, Galizia: http://amigosdaterra.net/info/160415_adt/

Soluzioni locali per désordre global, Coline Serreau: https://www.youtube.com/watch?v=mqYgBhNnk3k&feature=youtu.be

La Guerre des Graines: https://www.youtube.com/watch?v=vGtGSFneI7o

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *