Suggerimenti

Magnesio per Piante: [Utilizzo, Vantaggi, Eccesso e Carenze]

Il magnesio fa parte della seconda famiglia più importante di nutrienti per le piante, insieme al calcio e allo zolfo.

La sua importanza acquisisce il livello di vitalità, ma le quantità richieste dalle colture sono inferiori ai cosiddetti macronutrienti.

Questa realtà fa confondere molti coltivatori riguardo alla cura che prestano e quindi si verificano carenze.

Se non vuoi che ciò accada a te, è meglio che prendi nota dei punti salienti di questo nutriente e che sono proprio quelli che presentiamo qui.

Cos’è il magnesio?

  • Il magnesio è un elemento chimico presente nell’ambiente che svolge un ruolo di primo piano nella nutrizione delle piante.
  • Tuttavia, non sono in grado di assorbire il magnesio nella sua forma pura, ma invece lo sfruttano come magnesio disciolto nel terreno.
  • Svolgono questa azione grazie a due processi chimici: sudorazione e diffusione (permette agli ioni di spostarsi nelle aree che ne hanno più bisogno).
  • Tutto ciò equivale al fatto che i problemi di carenza di magnesio non sono così comuni, sebbene ci siano stati casi di questo.
  • La sua rappresentazione come elemento chimico è Mg e la sua dissoluzione nel terreno è indicata con Mg2 +.

Quali fattori influenzano la risposta della coltura alla concimazione magnesiaca?

Le caratteristiche del terreno sono molto importanti per valutare il possibile assorbimento di magnesio da parte delle piante.

Ad esempio , è un nutriente che funziona meglio quando i terreni hanno un pH elevato .

Inoltre, risponde meglio quando le colture si trovano in aree dove le temperature sono generalmente basse .

Anche l’umidità e la capacità di drenaggio sono coinvolte, poiché in terreni molto asciutti è più difficile che il magnesio si comporti bene.

Anche l’elevata presenza di altri nutrienti come sodio, potassio o calcio ha un’influenza diretta sulla capacità di fertilizzazione.

Qual è il contenuto di magnesio nel terreno?

La quantità di magnesio nel terreno dipende molto dalle caratteristiche dei minerali che lo compongono.

Quando si lavora su terreni asciutti, il livello di magnesio può essere impostato tra 120 e 2400 ppm, ma non tutto è disponibile.

Ma se si tratta di un terreno umido, la concentrazione scende a un intervallo da 5 a 50 ppm.

Ovviamente tutto questo è modificabile a seconda delle condizioni del terreno rispetto ad altri elementi come il calcio e dove interviene anche l’erosione.

Quali benefici può avere un terreno ricco di magnesio?

  1. Il magnesio è essenziale per lo sviluppo della clorofilla perché è il contenuto dell’atomo centrale di ciascuna delle sue molecole. Per questo motivo, quando i livelli di magnesio nel terreno sono corretti, o regolati attraverso la concimazione, le piante presentano uno stato di salute migliore.
  2. D’altra parte, il magnesio è un nutriente che ha un legame diretto con il processo di formazione e lavoro svolto dagli enzimi.
  3. Allo stesso modo, svolge un ruolo decisivo nella sintesi di alcune proteine , come xantofille e caroteni.
  4. Nel caso dei carboidrati, il magnesio impedisce il trasferimento eccessivo tra foglie e steli.

Quali sono gli svantaggi di un eccesso di magnesio?

La tossicità del magnesio nelle piante può portare a problemi legati all’assorbimento di altri nutrienti.

La più comune è che la pianta perde la possibilità di avere i corretti livelli di calcio e potassio, che sono nutrienti dall’azione molto delicata.

Quando questo è il caso, i sintomi potrebbero essere evidenziati come se si trattasse di una carenza di uno di essi, ma in realtà si tratta di un eccesso di magnesio.

Per questo motivo, il modo più saggio di agire di fronte a questa realtà è condurre due studi conclusivi: il suolo e il tessuto.

Lo studio dei suoli consentirà di riconoscere la quantità di nutrienti in essi contenuti e di valutare la capacità di assorbimento delle piante.

Nel caso dello studio dei tessuti, aiuterà a determinare esattamente quanto magnesio circola e a lavorare di conseguenza.

Naturalmente, fintanto che le concimazioni vengono effettuate avendo cura di tutti i nutrienti in egual modo, ci sono pochissime probabilità che si verifichino degli eccessi.

Quali colture beneficiano maggiormente della presenza di magnesio nel terreno?

Le colture che beneficiano maggiormente di buoni livelli di magnesio nel terreno sono principalmente gli agrumi .

In molti di essi, come il kiwi , rilevare una carenza di questo nutriente è semplice.

Questo perché non solo la comune clorosi si verifica in altri tipi di colture, ma c’è anche la possibilità di sviluppare necrosi.

Questa è una realtà che può manifestarsi allo stesso modo in diversi tipi di nero .

Come rileviamo la carenza o la carenza di magnesio nelle nostre colture?

Le colture carenti di magnesio hanno la particolarità di manifestare i sintomi prima sulle foglie vecchie.

Questa condizione è dovuta al fatto che si tratta di un nutriente mobile che si muove attraverso la struttura della pianta .

Le prime sono macchie gialle che compaiono sulle foglie e che finiscono per occupare tutta la loro estensione, in più le nervature rimangono verdi .

È una condizione logica che risponde al ruolo di primo piano che il magnesio ha nella formazione della clorofilla.

Poi tutto questo porta ad una precoce defogliazione , incidendo anche sul raccolto.

Data l’importanza del magnesio nelle colture, è sempre consigliabile procedere con uno studio del suolo per valutarne l’impatto su di esse.

In questo modo sarà possibile adottare le opportune misure in caso di sintomi di instabilità dei livelli normali, sia per eccesso che per carenza.

Nel caso delle concimazioni, è meglio utilizzare fertilizzanti micronutrienti che aiuteranno tutti i livelli a rimanere stabili.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.