Suggerimenti

Zinco nelle piante: [usi, vantaggi e applicazioni]

Lo zinco fa parte della famiglia dei micronutrienti di cui le piante hanno bisogno per il loro sviluppo e la salute per essere in condizioni ottimali.

È considerato un micronutriente perché la richiesta delle piante nei suoi confronti è bassa , il che porta a pochissimi casi di carenza.

Tuttavia, è importante avere a portata di mano le informazioni pertinenti per sapere cosa fare se un impianto ha bisogno di questo componente.

E questo, aggiunto ai benefici che si ottengono quando i livelli sono corretti, è ciò di cui parleremo oggi.

Cos’è lo zinco?

Lo zinco è un elemento presente nell’ambiente e che svolge un ruolo molto importante nello sviluppo e nella salute delle piante.

Sebbene sia un nutriente di tipo statico (nel senso che non si muove all’interno della pianta ), è fondamentale per lo svolgimento di molte funzioni.

Uno dei punti più importanti ha a che fare con la resistenza , che è presente sia alle basse temperature che quando si combatte contro parassiti e malattie.

La buona notizia è che le piante ne hanno bisogno in quantità molto basse e sia la carenza che l’eccesso di zinco nella struttura cellulare sono rari.

Perché lo zinco aiuta la crescita di una pianta?

La funzione dello zinco è quella di aiutare la pianta a produrre clorofilla.

Le foglie si scoloriscono quando il terreno è carente di zinco e la crescita delle piante è stentata.

La carenza di zinco provoca un tipo di scolorimento delle foglie chiamato clorosi, che fa ingiallire il tessuto tra le vene mentre le vene rimangono verdi. La clorosi in carenza di zinco di solito colpisce la base della foglia vicino allo stelo.

La clorosi compare prima sulle foglie inferiori e poi risale gradualmente la pianta .

Nei casi più gravi, le foglie superiori diventano clorotiche e le foglie inferiori diventano marroni o viola e muoiono. Quando le piante mostrano sintomi così gravi, è meglio sradicarle e trattare il terreno prima di ripiantarle.

Quali fattori influenzano la risposta della coltura alla fertilizzazione con zinco?

Il pH del terreno è uno dei principali elementi che influenzano la risposta delle colture alla presenza di zinco.

Normalmente la capacità di assorbimento è maggiore quando il terreno ha un pH basso.

Per poter determinare con sicurezza tutte le condizioni che influiscono su questo problema, è meglio procedere con uno studio del suolo.

Quando si applicano i fertilizzanti, il più consigliato dagli esperti del settore è quello di utilizzare fertilizzanti ricchi di micronutrienti .

Questi fertilizzanti contengono livelli adeguati di zinco e altri composti che prevengono il verificarsi di una carenza di uno di essi.

Un altro dettaglio importante riguardante il suolo è che lo zinco ha una presenza maggiore nei terreni di consistenza sabbiosa rispetto a quelli di consistenza argillosa.

Questa condizione è dovuta alla capacità di ritenzione dell’argilla.

Infine, c’è l’interazione con altri nutrienti, poiché alti livelli di fosforo, ferro e manganese nel terreno hanno un impatto negativo sull’assorbimento dello zinco.

Qual è il contenuto di zinco nel terreno?

Il substrato contiene naturalmente zinco ed è considerato normale che questa quantità sia compresa tra 0,10 e 0,20 ppm.

Nel caso delle piante, il più comune è che il tessuto fogliare ha un range compreso tra 15 e 60 ppm.

Quali vantaggi può avere un terreno ricco di zinco?

La presenza di corretti livelli di zinco nel substrato porterà come principale beneficio il corretto funzionamento dei processi interni delle piante.

Come è logico, lo zinco non agisce direttamente in tutte, ma ha un ruolo guida e determinante in questioni quali:

  1. La sintesi delle proteine ​​che le piante non sono in grado di svolgere da sole, migliorando così la loro salute e vitalità.
  2. Migliora lo stato della clorofilla, permettendole di essere di qualità superiore e di distribuirsi meglio in tutti i tessuti.
  3. Aiuta gli amidi contenuti all’interno a trasformarsi in zucchero.
  4. È decisivo quando le piante devono affrontare basse temperature, aumentando i livelli di resistenza.
  5. Rafforza la struttura e le dimensioni dello stelo.

Quali sono gli svantaggi di un eccesso di zinco?

Come abbiamo già visto, lo zinco è un elemento che si trova in quantità molto bassa nel substrato e, quindi, un eccesso è molto improbabile.

In ogni caso è necessario stare attenti ai sintomi che le piante potrebbero presentare nel caso in cui si manifestasse. Questi sono:

  • L’ apparato radicale della pianta inizia a notare una riduzione.
  • Agendo nel processo di produzione della clorofilla, le foglie possono apparire clorotiche o con apici necrotici.
  • Influisce sulla corretta crescita della pianta.
  • È in grado di impedire che altri nutrienti molto importanti come il fosforo vengano adeguatamente assorbiti dalla pianta.

Se si determina che c’è un eccesso di zinco, sarà necessario studiare tutti gli elementi che confluiscono nella semina e che possono contenere zinco.

Il suolo e l’acqua di irrigazione sarebbero i primi punti focali, ma è necessario sapere che anche alcuni fertilizzanti possono contenerlo.

Quali colture beneficiano maggiormente della presenza di zinco nel terreno?

La coltura che più apprezza la presenza di buoni livelli di zinco nel terreno è il mais .

Si tratta di una preferenza che accomuna anche alcuni altri cereali come il frumento ed il riso .

Per quanto riguarda gli alberi da frutto, è fondamentale ottenere buoni risultati nella raccolta di pesche, mele e avocado .

Come rileviamo la carenza o la carenza di zinco nelle nostre colture?

La carenza di zinco è un sintomo che comincerà a farsi notare nelle foglie nuove e sono variabili a seconda di ogni specie coltivata.

Tuttavia, il più comune è che le foglie iniziano ad apparire con condizioni sorprendenti di clorosi o macchie necrotiche.

Nel caso della clorosi, questa è incoerente e probabilmente si trova intorno alle nervature delle foglie.

La necrosi, invece, inizia la sua comparsa dai bordi o dalle punte delle foglie.

Ci sono casi in cui la forma e la dimensione delle foglie ne risente , essendo molto più piccole delle foglie più vecchie.

La fioritura può anche essere compromessa perché le gemme vengono generate in quantità minore.

Sebbene non sia uno dei nutrienti più determinanti quando si tratta di nutrire una pianta, lo zinco non può essere trascurato nelle concimazioni.

Per evitare di trascurarlo, è meglio pianificare i tipi di concimazioni da applicare e i livelli che queste avranno di ciascun nutriente.

Lo zinco può essere tossico per le piante?

La tossicità dello zinco dipende dal pH, che controlla la concentrazione di zinco nella soluzione. Alte concentrazioni di zinco possono causare tossicità nelle piante.

I sintomi generali sono atrofia del germoglio, arricciamento e arricciamento delle foglie giovani, morte delle punte delle foglie e clorosi.

Quali effetti ha lo zinco sulla germinazione dei semi?

Lo zinco è un nutriente essenziale per la crescita delle piante, sebbene alte concentrazioni abbiano provocato l’inibizione della crescita e sintomi di tossicità. Non pregiudica la germinazione dei semi , ma aiuta lo sviluppo della plumula e della radichetta.

Dove possiamo trovare lo zinco?

Lo zinco si trova nella maggior parte dei fertilizzanti idrosolubili in proporzioni che dovrebbero prevenirne la carenza, a meno che il fertilizzante non venga applicato.

Possono essere applicati fertilizzanti monoelemento come solfato di zinco, nitrato di zinco ammonio o zinco chelato; tuttavia, è meglio utilizzare un fertilizzante completo di micronutrienti per evitare squilibri di nutrienti che potrebbero portare a carenze di altri micronutrienti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.