Suggerimenti

Agapanthus: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

Gli agapanthus sono numerose specie di piante appartenenti alla famiglia delle Agapanthoideae , dalle zone con piogge invernali all’Africa meridionale.

Sono facilmente identificabili dai loro numerosi fiori raggruppati in un’infiorescenza aperta a forma di ombrello o ombrella.

Il genere Agapanthus è stato oggetto di dibattito sin dalla sua creazione nel 1788. Sebbene tutte le specie abbiano una forma simile, gli specialisti hanno difficoltà a classificarle e ad includerle in alcune famiglie.

A causa di tali difficoltà, numerosi esemplari sono stati semplificati e raggruppati in 6 specie e sottospecie. Tuttavia, di tutti questi esemplari, Agapanthus praecox è il più coltivato di tutte le specie di Agapanthus .

Punti importanti durante la semina di agapanthus:
  • Nome scientifico: Agapanthus.
  • Nome comune: Agapanthus, giglio, tuberosa blu , fiore dell’amore.
  • Altezza: da 1 a 1,5 metri.
  • Fabbisogno di luce: luce diretta e semiombra.
  • Temperatura: zone temperate (+ 8ºC).
  • Irrigazione: moderata.
  • Fecondazione : Fertilizante organico.

Quali sono le caratteristiche dell’agapanthus?

Gli agapanthus , detti anche fiore dell’amore , sono erbe perenni, rizomatose e robuste, che misurano tipicamente da 0,4 a 1,5 metri di altezza, raggiungendo anche 1,8 metri.

Le sue radici sono carnose, non tuberose o bulbose; i suoi rizomi , o radici sotterranee, sono ramificati e tuberosi. I fusti hanno da 7 a 20 foglie per pianta , basali, alterne e strette, che possono misurare da 20 a 70 centimetri di lunghezza.

Durante l’estate l’ agapanto produce rigogliose ombrelle di fiori blu, bianchi o lilla da 10 a 50 centimetri di diametro. Ogni infiorescenza è composta da un gran numero di fiori singoli, da 10 a 150 a seconda della specie.

Il frutto è una bacca di 5 centimetri di diametro che contiene all’interno dei suoi tre lobi semi piatti, allungati, neri e lisci.

Quando seminare l’agapanthus?

L’ agapanthus può essere coltivato da seme a partire dalla primavera e durante i mesi di giugno, luglio e agosto, proprio quando il rischio del freddo e del gelo è passato.

Quando si tratta di coltivazione per divisione, le piante perenni dovrebbero essere seminate all’inizio di marzo, quando si verifica la fine del periodo di fioritura. Se sono decidui, dovrebbero essere divisi alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera, quando la crescita attiva è appena iniziata.

Dove piantare l’agapanthus?

Per seminare l’ agapanthus si consiglia di farlo in zone temperate, con temperature comprese tra 10ºC e 21ºC.

Esistono altre specie, come Agapanthus praecox , che resistono a temperature fino a -8°C.

Se l’ agapanthus è posto a dimora in climi freddi o temperati, è necessario porlo in luogo dove riceva irraggiamento solare diretto, o comunque per alcune ore al mattino, soprattutto in primavera ed estate .

Nei climi caldi si consiglia di tenerli all’ombra, poiché temperature superiori a 20ºC causano un ritardo della crescita, oltre a bruciare le foglie e scolorire i fiori.

Come preparare il terreno?

L’ agapanto può essere coltivato su terreni poveri, sia acidi che alcalini, ma ben drenati, con buona capacità di trattenere l’umidità in estate. Tuttavia, se si desiderano risultati migliori, crescerà meglio in terreni fertili, con un pH compreso tra 5,8 e 6,3.

Se si prevede di seminare un agapanthus in vaso, è consigliabile fare un impasto con una parte di terriccio fogliare, una parte di torba, una parte di sabbia o perlite e da 2 a 4 kg di calce per kg di impasto.

Se il terreno è acido, può essere neutralizzato con l’applicazione di calce per un periodo di due mesi prima di coltivarlo. Si consiglia inoltre di preparare il terreno con fosforo e potassio, soprattutto durante la fase di impianto.

Come innaffiamo l’agapanthus?

Le piante di Agapanthus crescono molto meglio in un terreno umido. Ecco perché devono essere annaffiate naturalmente o artificialmente in abbondanza durante il periodo di crescita e fioritura, senza saturare il terreno.

Ogni quanto annaffiamo l’agapanthus?

La frequenza dell’irrigazione dipenderà dall’evapotraspirazione delle piante e dal periodo vegetativo. Nel caso dell’agapanthus da giardino, possono essere annaffiati una volta alla settimana durante l’estate e ridotti durante l’ inverno .

Nel caso dei vasi si possono annaffiare 2 o 3 volte a settimana durante l’estate e diminuire la frequenza durante l’inverno per mantenere il substrato leggermente asciutto .

Come seminare un agapanthus passo dopo passo?

Esistono tre modi per coltivare l’ agapanthus : per seme, per divisione e per coltura tissutale. Tuttavia, viene moltiplicato con maggior successo con il metodo della divisione, poiché la fase giovanile della pianta viene eliminata e il tempo per la produzione dei fiori si accorcia.

Di seguito sono riportati i metodi più popolari.

Per seme

  1. In un contenitore mettete i semi di agapanthus e ricopriteli finemente con un substrato composto da sabbia e terriccio fine.
  2. Inumidire con un flacone spray d’acqua e posizionare il contenitore in mezz’ombra.
  3. Attendi da 3 a 8 settimane affinché i semi germinino.
  4. Trapiantare a terra o in singoli vasi dopo un anno.

Per divisione

  1. Preparate la pianta madre dimezzando il fogliame e i fusti a due terzi della loro grandezza, lasciando un germoglio che si svilupperà in seguito.
  2. Trapiantare le sezioni a terra in fori poco profondi, da 2,5 a 5 centimetri. Gli steli tuberosi dovrebbero essere appena ricoperti dal substrato.
  3. Posiziona le sezioni a una distanza di 15-40 centimetri l’una dall’altra, a seconda delle dimensioni della pianta.
  4. Innaffia abbondantemente fino alla comparsa dei primi germogli.

Di che cure ha bisogno l’agapanthus?

L’ agapanthus è una pianta molto resistente e generalmente non necessita di cure estreme. Tuttavia, è necessario prestare attenzione quando si maneggiano le piante, perché se esposte, i virus possono essere introdotti attraverso le radici. Se ci sono piante malate, devono essere eliminate per evitare il contagio.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’agapanthus?

Nei climi umidi, l’ agapanthus può essere colpito dalla muffa grigia (Botrytis cinerea) , dal fungo Macrophoma agapanthus o dall’oidio .

Se invece il substrato di agapanthus è saturo, è molto probabile che compaiano i patogeni Rhizoctonia solani , Phythium ultimum , Phytophthora cactorum , Fusarium oxysporum ; acari come il ragnetto rosso (Tetranychus urticae Koch) o l’acaro del bulbo (Rhizoglyphus echinopus) , tra gli altri.

Riferimenti

  • http://cybertesis.uach.cl/tesis/uach/2004/fav648e/pdf/fav648e.pdf
  • https://www.researchgate.net/profile/Gustavo-Delucchi/publication/262911519_Flora_Rioplatense_34_Agapanthaceae/links/0deec5392303f312b4000000/Flora-Rioplatense-34-Agapanthaceae.pdf
  • http://revista.macn.gov.ar/ojs/index.php/RevMus/article/viewFile/301/285
  • https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0254629913000239
  • https://www.pueblacapital.gob.mx/images/transparencia/obl/01marco/mun/linea.ambientales.aíritu.pdf
  • https://es.wikipedia.org/wiki/Agapanthoideae
  • https://guiadejardin.com/agapantos-como-cultivar/
  • https://www.gardenguides.com/102631-agapanthus-diseases.html

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.