Suggerimenti

Parassiti e malattie del grano: [Rilevamento, cause e soluzioni]

I campi di grano sono generalmente a semina larga e con un’elevata capacità di raccolta.

Il motivo è che il consumo di grano nel mondo lo colloca come uno dei cereali più ricercati , poiché molto nobile in cucina.

Per portare a termine con successo ogni periodo di coltivazione è necessario prendere le misure necessarie in termini di cura. E questo è principalmente finalizzato a prevenire che i campi vengano attaccati da parassiti o malattie che colpiscono tutto il lavoro che viene svolto per il tuo divertimento.

Septoria

È una malattia causata da un fungo chiamato septoria tritici che attacca le coltivazioni di grano quando sono ancora nella loro giovinezza.

L’impianto delle ascospore si effettua nei mesi freddi dell’anno, ma gli effetti ei sintomi iniziano a manifestarsi con l’aumentare della temperatura.

Come molti tipi di funghi, ha bisogno di condizioni favorevoli per il suo sviluppo, come un alto livello di umidità I raccolti di grano possono essere infettati e non mostrare la prima indicazione che qualcosa non va fino a dopo due settimane, il che lo rende più rischioso.

Tuttavia, non appena i puntini neri sulle foglie iniziano a farsi notare, è il momento di mettere in atto un trattamento per correggerli. I fungicidi ecologici disponibili in commercio sono efficaci per alleviare gli effetti della malattia e prevenire la perdita dei raccolti.

Zanzara del grano

La zanzara del grano è un minuscolo parassita che tende ad attaccare le colture di grano quando sono larve.

L’adulto utilizza le foglie del grano per deporre le uova, le cui larve si nutrono delle guaine fogliari.

Rimangono in questa posizione mentre crescono, togliendo le possibilità di un normale sviluppo allo stelo danneggiato. 

Se il numero di larve che causano la condizione è basso, ciò che accade è che lo stelo rimane verde scuro. Se ce ne sono molti, è molto probabile che lo stelo alla fine cederà e si perderà la possibilità di generare un raccolto da quella pianta infetta. 

Il problema più grande è che i trattamenti correttivi non danno una prospettiva molto incoraggiante per il suo controllo. Per questo motivo i coltivatori di frumento hanno stabilito periodi di semina lontani dai tempi di deposizione delle uova della specie. 

Questo aiuta a fermare l’esposizione del campo di grano, quando ci sono già stati avvisi per la loro presenza nell’area della piantagione.

Ruggine fogliare

La ruggine può attaccare il grano in due parti fondamentali: sulla foglia e sul gambo. In entrambi i casi sono presenti pustole ovali che hanno una consistenza gommosa e sono piene delle spore del fungo.

Queste pustole sono facilmente evidenti perché sono di colore arancione , anche se in alcuni casi possono apparire marroni. Quando la ruggine attacca la foglia, le pustole si trovano sul dorso delle foglie e sui baccelli, spostandosi successivamente sul fusto.

È una malattia curabile quando vengono applicate misure appropriate nelle prime fasi dell’infezione. Tuttavia, è importante essere attenti alle condizioni ambientali, poiché la miscela tra alte temperature e livelli di umidità può innescare la sua rapida evoluzione.

Un altro punto chiave da considerare è che le spore volano attraverso il vento, il che potrebbe portare all’infezione dell’intero campo di grano con una certa facilità. Se la malattia non viene trattata adeguatamente, i raccolti potrebbero essere gravemente impoveriti e persino perderli tutti.

Il trattamento antiruggine passerà attraverso l’utilizzo di fungicidi specifici per questo tipo di fungo.

vermi

Esistono molti tipi diversi di vermi in grado di danneggiare i campi di grano. La maggior parte di essi sopravvive grazie al consumo delle foglie, provocando evidenti defogliazioni.

Questo consumo delle foglie inizia a farsi notare dai bordi per poi avanzare progressivamente verso la nervatura centrale.

Quando la pianta del grano è già sviluppata, alcuni vermi e larve potrebbero consumare le spighe da cui nascono i cereali, compromettendone la produzione. 

In generale, i vermi non sono molto dannosi e il recupero dei campi può essere dato se si agisce rapidamente. Tuttavia, quando la popolazione aumenta in modo sproporzionato, ciò che può accadere è una massiccia distruzione dell’intero campo coltivato. 

Man mano che avanzano, possono attaccare il collo, le radici o il fusto , facendo perdere forza alla pianta e gradualmente morire. È importante controllare le larve perché sono quelle che causano il danno più diretto alle piante.

Anche gli adulti devono essere ben curati, poiché sono loro che svolgono il ciclo riproduttivo e le femmine depongono le uova. È importante sapere che i vermi preferiscono la vita notturna, motivo per cui sono difficili da vedere in pieno giorno.

In ogni caso, le condizioni ambientali hanno molto a che fare con il loro comportamento, perché quando c’è umidità possono stare fuori tutto il giorno. La cosa più importante di tutto questo è che i vermi possono attaccare le piantagioni di cereali ovunque e con climi diversi

Inoltre, non solo sono in grado di danneggiare il grano ma anche altri tipi di cereali, come l’orzo. Quando si tratta di loro sarà fondamentale l’uso di insetticidi ecologici specifici per il tipo di verme in questione

L’idea è che possano essere tenuti a bada e quindi evitare preoccupazioni in seguito che potrebbero essere notevoli perdite nei campi. Le colture di grano devono essere monitorate per evitare che parassiti o malattie raggiungano il luogo ideale per sopravvivere. 

Pertanto, è fortemente raccomandato l’uso di tecniche colturali approvate per la semina, nonché prodotti naturali che non influiscano sulla qualità del prodotto.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.