Suggerimenti

Kokedama Care: [Terra, umidità, potatura e problemi]

Cos’è il kokedama?

Kokedama è una tecnica di giardinaggio giapponese che consiste nel sostituire il vaso con una palla di muschio, da cui deriva il nome: “koke”, muschio, e “signora”, palla. È una tradizione che cerca di integrarsi nella natura nelle forme più antiche esistenti, come bonsai e ikebana.

Chi ha in casa questa pianta abbinata a questa tecnica ritiene che sia antistress, allo stesso tempo riduce l’ansia e combatte l’insonnia dovuta al contatto che comporta con la natura, che è uno dei modi migliori per migliorare la qualità del vita.

Il contatto è dato quando, al posto di un vaso, utilizziamo un’argilla di origine vulcanica che viene modellata con del muschio attorno alle radici della pianta , in modo che sia integrata in un unico pezzo, come se fosse un tutto naturale.

Il solo fatto di farlo con le nostre mani impregna un senso ecologico ai nostri sensi, perché la tecnica del kokedama è un contatto diretto con la natura, e la pianta così rappresentata, si integra negli spazi interni della casa come via d’uscita da una foresta .

Che fabbisogno di terreno ha una pianta di kokedama?

Una delle cose che dobbiamo tenere in considerazione è che il kokedama è totalmente diverso dalle forme tradizionali, poiché sceglieremo una pianta per ornamento e tutto dipenderà dalla consistenza del muschio in cui sarà immerso. La cosa buona di questa tecnica è che ti permette di lavorare con tutti i tipi di piante, indipendentemente dal fatto che siano indoor o outdoor .

Possiamo farlo con piante da fiore, erbe aromatiche, arbusti, felci, edera, piante grasse, orchidee e altre piante da fiore, e anche con i cactus, o meglio, soprattutto con i cactus, perché gli conferiscono una forma del tutto naturale quando integrati in un pianta unica, come se l’avessimo raccolta integrata dal deserto .

Si raccomandano anche nastri e felci nei kokedama appesi. Nell’elaborazione utilizzeremo akadama , che è argilla vulcanica usata nei bonsai, e substrato minerale , con il quale modelliamo una palla attorno alle radici della pianta scelta e poi la avvolgeremo in uno strato di muschio che legheremo con un filo marrone fino a diventare compatto.

Quello strato di muschio occuperà il posto nel vaso dove metteremo la pianta. Inoltre, poiché ci sono ecologisti che sostengono la conservazione del muschio (e anche in Messico la sua estrazione è considerata illegale), si può fare con una miscela di substrati , come il 70% di torba , il 25% di argilla per contenere l’umidità. 5% di perlite .

Pertanto, inumidiamo la miscela di substrati fino a ottenere un fango consistente. Quando è fangoso, non dura, facciamo una palla (può essere anche quadrata), facciamo un buco nella parte superiore dell’impasto, posizioniamo la pianta e la copriamo con la palla, che legheremo con filo o fibra di cocco per mantenerne la consistenza.

Come mantenere un kokedama?

Come è stato detto, la differenza nella tecnica Kokedama è che l’avremo fatto con le nostre mani.

Cioè, ci saremo integrati con la natura, e in quel caso avremo più cura nel mantenimento e nello sviluppo della pianta, come facciamo con i nostri figli.

Ciò che conferisce a questa tecnica un tocco meraviglioso è che non è la stessa cosa seminare nel terreno o in un vaso che farlo con fatica come una propria creazione, motivo per cui, in Spagna, questa tecnica viene appresa nei laboratori tenuti a Madrid e altre città di esperti dediti alla cura della natura.

Anche il mantenimento del kokedama è diverso, ad esempio l’irrigazione non è quella tradizionale, perché la facciamo per immersione, e la frequenza dipende dalla stagione dell’anno.

Gli esperti ritengono che le annaffiature vadano fatte, in primavera ed estate , una o due volte alla settimana, soprattutto se notiamo che il muschio si sta seccando o è completamente asciutto; e in autunno e inverno, solo due volte al mese, anche in caso di muschio secco.

Nel fare ciò, dobbiamo immergere completamente la palla di muschio in una ciotola d’acqua per qualche minuto, fino a quando non osserveremo delle bollicine che ne usciranno, a quel punto dobbiamo rimuoverla e scolarla, e quando smette di gocciolare sarà pronto a collocarlo nel luogo che abbiamo destinato.

In caso di vivere in un posto con un secco o molto caldo clima , ci sarà innaffiare la pianta e mantenere la kokedama a spruzzo con uno spray contenente un fertilizzante diluito in acqua.

Possiamo posizionarlo in diversi modi, a seconda dell’ambiente che abbiamo programmato nella nostra casa: su pietre, su una base di argilla, su una base solida, o appese al soffitto, che funzionano tutte perché il kokedama di per sé è elegante, qualcosa che Poiché non è tradizionale, attirerà l’attenzione.

Di quale umidità ha bisogno un kokedama?

Una pianta in queste condizioni può vivere per anni. L’umidità richiesta dipenderà dal tipo di pianta scelta.

Ci sono quelli che richiedono più umidità di altri, quindi è consigliabile consultare uno specialista.

Per quanto riguarda il kokedama, dobbiamo essere consapevoli dell’umidità che richiede il muschio, e se inizia a deteriorarsi, dobbiamo sostituirlo. Questo non dovrebbe essere un problema, dal momento che avremo già imparato la tecnica per farlo.

Ad esempio, se notiamo che la pianta ha bisogno di crescere, la palla di muschio dovrebbe essere più grande. Ciò che si raccomanda è che, all’interno, la posizione del kokedama sia in un luogo luminoso, ma protetto dal sole diretto, lontano da correnti d’aria e dal riscaldamento diretto.

E all’esterno, è anche consigliabile tenerlo lontano dalla luce solare diretta e dalle correnti d’aria calda e fredda.

È necessario potare una pianta di kokedama?

Come per l’umidità, la potatura dipenderà dal tipo di pianta; di solito la potatura cerca di abbellirla, come una signora capricciosa che va dal parrucchiere.

Dargli la forma che richiede, togliere le foglie e i fiori appassiti, liberare il percorso dai rami in cattive condizioni per far posto a quelli nuovi, cioè alla manutenzione richiesta in ogni caso.

Quanto spesso dovremmo potare una pianta di kokedama?

Il tempo di potatura dipende anche dalla pianta. Pertanto, quando si applica la tecnica del kokedama è essenziale sapere come scegliere le piante perché da essa dipenderà la loro salute. Ad esempio, una pianta floreale non è la stessa di una palma , poiché ognuna richiede cure diverse.

Il kokedama è una tecnica ornamentale, la cura della pianta dipende dalle nostre conoscenze in materia o dai consigli che abbiamo; Solo così possiamo mantenere in buono stato il nostro giardino, il nostro frutteto o l’interno delle nostre residenze, e anche i nostri uffici.

Come evitare parassiti e malattie sulla pianta di un kokedama?

I parassiti e le malattie delle piante di kokedama sono gli stessi che attaccano la natura in generale. acari, cocciniglie, funghi, mosche bianche e altri predatori si nascondono.

Quindi bisogna stare molto attenti ed essere consapevoli della pianta, in modo da fumigare quando corrisponde preferibilmente a prodotti di origine biologica.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *