Suggerimenti

La coltivazione dello zafferano: una guida completa alla coltivazione e alla cura dello zafferano in casa

All’università, una volta sono stato invitato a un paella party. Non avevo idea di cosa fosse la paella. Ma siccome ho dovuto pagare solo 5 euro per gli ingredienti, mi sono iscritto!

La teglia per la paella era grande come il coperchio di un forno. Calamari, altri pesci e cubetti di coniglio, pollo e maiale, il tutto mescolato su un letto di riso giallastro.

Anche le verdure come i piselli e le carote fresche sono state mescolate. La mostra è stata incredibile. Tuttavia, ciò che ha attirato la mia attenzione è stato l’aroma.

Il vapore che usciva dalla padella riempiva l’intera stanza di un odore muschiato e saporito, diverso da qualsiasi cosa avessi mai inalato prima. Sono stato agganciato! Da quel momento in poi, il profumo dello zafferano ha avuto la magica capacità di trasportarmi a quel primo incontro o di portarmi in luoghi esotici come la Spagna, l’India e l’Italia.

Per molti anni, l’origine di quei piccoli fili rossi che danno un tale sapore (e fanno un urto altrettanto grande nel mio portafoglio), è stato un mistero per me. Così ho deciso di crescere da solo.

>


Informazioni sulla pianta dello zafferano

>

  • Zone di durezza: 6, 7, 8, possono essere piantate anche in altre zone se i bulbi vengono rimossi dopo la fioritura
  • Terreno: Tutto tranne l’argilla pesante con un pH compreso tra 6.0 e 8.0, profondo, fertile, ben drenato con qualche sostanza organica incorporata
  • Esposizione al sole: In pieno sole
  • Impianto: piantagione di cormi in tarda estate, almeno tre mesi prima della prima gelata
  • Spazio: da 4 a 6 cm di distanza l’uno dall’altro
  • Profondità: da 4 a 6 cm di profondità, il cormorano è piantato con il lato appuntito verso l’alto
  • Irrigazione: Irrigazione solo durante lunghi periodi di siccità
  • Concimazione: Compost e pacciamatura annualmente, spostare i letti ogni 4-5 anni
  • Problemi comuni: roditori, acari, tripidi, coleotteri, putrefazione
  • Migliori Compagni: Rose, peonie, varie piante di salvia, aquilegia, phlox
  • I peggiori compagni: tutte le radici commestibili, i tuberi, i bulbi e le erbe
  • Vendemmia: Raccogli i fiori per gli stigmi


Perché coltivare lo zafferano?

L’unica “parte difficile” della coltivazione dello zafferano è la raccolta. Bisogna raccogliere molti fiori per ottenere lo zafferano. Ma per uso personale nella fattoria, ci vogliono solo circa 15 minuti all’anno.

Le lampadine allo zafferano costano di solito circa un euro ciascuna. I vecchi cormi fanno nuovi cormi ogni anno. Quindi, anche se si inizia con poche lampadine, in pochi anni si può produrre tutto lo zafferano necessario per un piccolo investimento.


Varietà di zafferano da piantare

>

Il Crocus sativus, comunemente noto come zafferano, è un cormo che produce impressionanti fiori viola. Hanno foglie simili all’erba e stami gialli. Ogni fiore ha tre stimmi di colore arancione brillante, rosso o quasi viola che vengono rimossi a mano ed essiccati per produrre zafferano.

Anche se i cormi non sono generalmente identificati dalle varietà come lo sarebbero i bulbi di tulipano o i tuberi di dalia, ci sono alcune distinzioni nei cormi di zafferano. A seconda della regione in cui viene coltivato lo zafferano, ci sono diverse variazioni di colore, sapore e profumo che rendono diversa l’esperienza dello zafferano.

Poiché lo zafferano può costare tra i 1500 e i 5000 euro a libbra, i produttori professionali di solito non condividono i loro migliori cormi sul mercato aperto. Pertanto, quando si acquista Crocus Sativus corms per uso domestico, la maggior parte dei prodotti disponibili sono zafferano di qualità inferiore da cormi più piccoli, e la regione di origine non è indicata. (Non preoccupatevi, lo zafferano è ancora delizioso!)

Dettagli come il colore e la lunghezza degli stimmi (fili di zafferano) possono dare indizi sulla regione di origine. Ecco alcuni dettagli specifici sulle varianti regionali dello zafferano.


1. Zafferano del Kashmir

Questo zafferano cresce nella regione del Kashmir in India. Il suolo del Kashmir è noto per essere un tipo di suolo alluvionale profondo e ricco che va dal limo alla sabbia con una tessitura tipica del suolo. Questo ha influenzato il carattere dello zafferano nel tempo.

Questo zafferano ha fili rossi più scuri, che spesso appaiono marroni con accenni di viola. Mongra e Lacha – i termini associati allo zafferano del Kashmir sono utilizzati per indicare diversi gradi di zafferano. Il Mongra è il filo migliore che ha più sapore, aroma e colore. I Lacha sono fili che non soddisfano gli standard Mongra.


2. Zafferano d’Aquila

Questo zafferano è originario dell’attuale Iran. Tuttavia, oggi è coltivata in Provenza dell’Aquila in Italia. Questa regione è nota per i suoi terreni sciolti e argillosi e per le piogge relativamente abbondanti.

La lunghezza del filo del timone per l’Aquila è inferiore a quella del filo del timone per il Kashmir. I fili sono di colore rosso intenso e non tendono ad essere viola.


3. Zafferano spagnolo

Questo zafferano cresce in Spagna. Gli stimmi o fili di zafferano di questi cormi tendono ad essere tra il rosso e l’arancione. L’aroma è anche più delicato e per aromatizzare i cibi può essere necessario qualche rametto in più rispetto al Kashmir o allo zafferano dell’Aquila.

La maggior parte dei cormi disponibili per la semina in casa sono di tipo spagnolo.


Piantare lo zafferano

>

Ecco alcuni consigli per aiutarvi a coltivare lo zafferano in casa vostra.


1. coltivare lo zafferano come pianta perenne

Nelle aree di impianto USDA 6-8, nelle aree che tendono ad avere estati più secche, lo zafferano crescerà bene come piantagione perenne. I bulbi possono essere piantati in un terreno ben preparato e lasciati nel terreno. Una volta ogni 4-5 anni i bulbi dovrebbero essere dissotterrati e spostati in nuovi letti per evitare problemi di parassiti o malattie o carenze di minerali nel terreno.

È possibile coltivare lo zafferano in contenitori profondi all’aperto in climi più freschi. Tuttavia, è necessario portare i contenitori in una serra riscaldata o in un altro luogo caldo e soleggiato per un deposito invernale sicuro. Inoltre, il pavimento dei contenitori deve rimanere umido ma non permanentemente saturo d’acqua.


2. Coltivare lo zafferano come pianta annuale

Nelle zone USDA 4, 5 e 8 o nelle zone in cui le estati sono umide, lo zafferano può anche essere coltivato nel terreno come pianta annuale. Sfortunatamente, i bulbi di zafferano di solito non vengono conservati bene per più di qualche settimana.

Quando vengono coltivati annualmente, è molto probabile che ogni anno si debbano acquistare nuovi bulbi. Pertanto, è improbabile che questo metodo possa farvi risparmiare sullo zafferano. Tuttavia, alcuni produttori di zafferano annuale hanno riferito di essere riusciti a raffreddare i cormi su terreni torbosi durante l’inverno e a reimpiantarli a giugno.


3. Quando piantare lo zafferano

Lo zafferano è un cormorano con fiori autunnali. Ci vogliono circa otto settimane sul campo, più le giuste temperature, per produrre fiori. Il momento migliore per piantare è tre mesi prima della prima gelata.

La maggior parte dei rivenditori estrae i bulbi di zafferano alla fine di luglio, li asciuga e li fa piantare in agosto. Tuttavia, i cormi possono essere piantati già a giugno con buoni risultati. Piantate i vostri cormi il più presto possibile dopo averli ricevuti.


4. Preparazione del suolo

Anche se lo zafferano non ha bisogno di tanta materia organica o azoto quanto la maggior parte delle verdure del vostro giardino, ha bisogno di un terreno profondo e sciolto per crescere bene. La maggior parte delle verdure e delle erbe possono sopravvivere su due centimetri di buona terra. Per lo zafferano, invece, è preferibile una profondità del terreno di 8 cm.

I terreni argillosi pesanti non sono adatti alla coltivazione dello zafferano e devono essere modificati con fertilizzanti, torba o cocco prima della semina. E’ necessario anche un buon drenaggio. I bulbi di zafferano non devono essere piantati in luoghi dove c’è il rischio di acqua stagnante.

Il pH del terreno dovrebbe essere compreso tra 6 e 8 per ottenere i migliori risultati. Aggiungete qualche centimetro di fertilizzante al vostro letto di zafferano ogni anno per mantenere la fertilità del suolo. Inoltre, la pacciamatura dei letti di zafferano dopo la fioritura ogni anno contribuirà a controllare i livelli di umidità del suolo e a proteggere i cormi dai danni da marciume.


5. Profondità di piantagione e spazio

I bulbi devono essere piantati a 4 cm di profondità in un terreno ben preparato. L’estremità appuntita è il punto in cui emergono le foglie e i fiori. Iniziate facilmente a piantare le vostre piante mettendo i bulbi nel terreno con il lato appuntito verso l’alto.

Se si pianta lo zafferano come annuale, si può piantare ogni bulbo in centri di 4 cm. Quando piantate una pianta perenne, mettete le piante a circa 5 cm di distanza l’una dall’altra in file di un piede per permettere loro di crescere per i 4 o 5 anni che vi trascorreranno.


Prendersi cura dello zafferano

>


1. fabbisogno idrico

Il terreno deve essere costantemente umido dalla fine dell’estate fino all’appassimento del verde. Annaffiare accuratamente una volta ogni 10-14 giorni durante i periodi di siccità. I luoghi con estati leggermente secche sono generalmente più favorevoli alla produzione di zafferano. I cormi sono più suscettibili al degrado nelle zone in cui le estati sono umide. Nelle zone umide, assicurarsi che i letti siano ben drenati durante tutto l’anno.


2. requisiti per la luce solare

Lo zafferano ha bisogno di pieno sole. Ha bisogno di almeno 6 ore di sole, ma 8 ore al giorno è meglio. Ricordate che lo zafferano è una pianta molto compatta con una crescita lenta. Assicuratevi che le piante più grandi non blocchino il sole per il vostro zafferano.


3. Diserbo

Per una buona produzione di zafferano, assicuratevi di diserbare regolarmente i vostri letti. Si tratta di un impianto che beneficia di una politica a zero erbacce.


4. Quantità da piantare

Ogni fiore produce tre rametti di zafferano. La maggior parte dei bulbi di zafferano venduti negli Stati Uniti hanno da 3 a 6 fiori per bulbo. Tuttavia, poiché bastano da 10 a 12 fili di zafferano per insaporire una paella di dimensioni familiari, è sufficiente un solo bulbo per ogni paella.

In generale, per la maggior parte delle famiglie sono sufficienti tra le 25 e le 50 piante di zafferano. Tuttavia, lo zafferano coltivato localmente è anche un grande dono per chi vi circonda. Pertanto, potreste voler considerare di fare di più per condividere.


Problemi comuni con il timone

Lo zafferano, come altre piante di croco, è soggetto a vari tipi di marciume in condizioni di terreno eccessivamente umido. Ha anche alcuni insetti e parassiti di cui preoccuparsi.


1. Malattie fungine

Rizopi, Aspergillus, Penicillium Fusarium, tutti causano il marciume del cormo sotto terra. Rhizoctonia Crocorum causa il marciume della corona nelle aree fogliari della pianta di zafferano. La fumigazione è una forma di ostruzione che infetta le foglie e i cormi.

Soluzioni:

Tutti questi agenti patogeni sono più comuni quando i terreni sono troppo umidi, soprattutto in estate. Un buon drenaggio del terreno, l’impianto di cormi sani, l’applicazione di pacciame dopo la fioritura e la rimozione dei cormi malati possono ridurre al minimo il rischio di marciume radicale.

Ove possibile, coprire i letti e deviare l’acqua durante i periodi di piogge eccessive può contribuire a ridurre il rischio. In casi gravi, l’uso di un fungicida può essere d’aiuto. La combustione di qualsiasi materiale vegetale malato riduce al minimo il rischio di trasmissione di agenti patogeni.


2. Insetti parassiti

Acari, tripidi e coleotteri sono i più comuni insetti parassiti dello zafferano. A meno che non siano fortemente infestati, in genere non sono un problema.

Soluzioni:

Gli acari entrano attraverso le ferite dei cormi. I cormi infestati dagli acari producono foglie corte e giallastre. Le lampadine infestate devono essere rimosse. In casi gravi, usare un miticida per trattare i cormi.

I tripidi lasciano macchie gialle e bianche sulle foglie di zafferano. Di solito non fanno molti danni a questi cormi da fiore di caduta. Spruzzare le foglie con olio di neem è di solito sufficiente per il controllo.

I coleotteri possono essere controllati manualmente raccogliendoli e annegandoli in acqua saponata. Come suggerisce il nome, schiacciare questi coleotteri a mani nude può portare alla formazione di vesciche. Indossare i guanti e fare attenzione quando li si toglie.

Nota: anche i coleotteri vescicolari cadono e fanno finta di essere morti quando sono disturbati. Controllate le vostre piante ogni giorno fino a quando non siete sicuri che questi parassiti se ne siano andati per sempre.


3. Roditori

I roditori mangiafoglie sono di gran lunga il problema peggiore per lo zafferano. Topi, topi di campagna, ratti e conigli possono danneggiare o decimare le colture di zafferano. Il più delle volte i cormi vengono mangiati durante i mesi invernali. Le foglie vengono spesso mangiate poco prima o dopo la fioritura.

Soluzioni:

L’uso di tagliapietre resistenti ai roditori rivestiti con tessuto per ferramenta può essere d’aiuto. Un’altra soluzione è quella di mettere i cormi nei cartoni del latte che vengono sepolti e ricoperti con stuoie d’erba. Piantare i cormi a 6 cm invece che a 4 cm può anche contribuire a ridurre il consumo di radici, anche se può ritardare la fioritura.

In casi gravi, può essere necessario utilizzare trappole o veleno per controllare le popolazioni di roditori.


Le piante compagne migliori e peggiori

>

A Saffron non piace la compagnia nel suo letto. Tuttavia, ha dei vicini privilegiati e non privilegiati.


I migliori compagni

Lo zafferano è uno zafferano e fa parte della famiglia delle Iris o Iridaceae. Come altri membri della famiglia dell’iris, cresce bene quando si trova vicino a rose, peonie, salvia, salvia, aquilegia, phlox o la maggior parte delle altre piante da fiore reciso.

A causa delle sue piccole dimensioni, lo zafferano dovrebbe essere piantato sul lato soleggiato delle piante più grandi. Inoltre, non si deve permettere che le radici di altre piante si accumulino sui cormi sotterranei, altrimenti la produzione di zafferano probabilmente diminuirà.


I peggiori partner

Radici, bulbi, tuberi e ortaggi a radice come patate, cipolle, aglio, rape, carote e bietole spesso attirano insetti che si nutrono di radici e roditori. Anche le erbe aromatiche come il grano e il mais possono attirare i vermi metallici.

Poiché lo zafferano è suscettibile alle infestazioni di acari che penetrano attraverso i cormi danneggiati ed è anche uno dei preferiti dai roditori, non dovrebbe essere piantato in prossimità di tali piante per ridurre al minimo il rischio di problemi di parassiti.


Raccolta dello zafferano

>

Fiori di zafferano circa otto settimane dopo l’impianto, una volta che la temperatura del terreno inizia a raffreddarsi. Di solito fiorisce in ottobre, anche se l’ora esatta dipende dalle condizioni meteorologiche e climatiche.

Ogni cormorano deve produrre almeno un fiore. I cormi della migliore qualità, piantati in terreno fertile, produrranno più fiori fin dal primo anno.

Gli stigmi rossi, o parti femminili della pianta, sono ciò che usiamo come spezia. Tuttavia, la maggior parte delle persone raccoglie il fiore intero e poi usa le pinze per rimuovere gli stigmi. Le foglie verdi dovrebbero essere lasciate crescere fino alla morte naturale.

I fiori possono durare qualche giorno. Tuttavia, per essere sicuri di ottenere tutti i rametti di zafferano, è meglio raccogliere i fiori ogni giorno durante il loro periodo di fioritura. Raccogliete tutti i fiori prima della pioggia per evitare di danneggiare gli stimmi di zafferano.

Una volta tolti gli stigmi dal fiore, devono essere essiccati. A seconda della quantità, questo può essere fatto mettendoli su un tovagliolo di carta. È anche possibile utilizzare un disidratatore. Una volta che gli stimmi sono asciutti, conservarli in un contenitore a tenuta d’aria.

L’aroma sarà intensificato durante la conservazione. Per evitare che il gusto e l’aroma si sbiadiscano, tenere il contenitore chiuso quando non viene utilizzato. Conservare in un luogo fresco e buio.


Conclusione

Lo zafferano può essere una spezia esotica e costosa per molte persone. Ma per me è diventata una pianta perenne, facile da coltivare e mi fa risparmiare. Spero che anche voi avrete molto successo nel coltivare questa straordinaria spezia in casa vostra!

>

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *