Suggerimenti

Caratteristiche del fungo lepista nuda (piede blu)

Ci sono così tanti tipi di funghi che è complesso conoscere gli usi che ognuno di essi può avere, se saranno commestibili o meno o dove potranno essere raccolti.

In questo caso parleremo della  lepista nuda, o anche conosciuta come il fungo  del piede azzurro, ne conosceremo le caratteristiche, dove possiamo trovarla o qualcosa di così essenziale come se sia adatta da mangiare.

Come sta la lepista nuda?

Questo tipo di fungo appartiene alla famiglia delle Tricholomataceae, all’interno della sottoclasse Agaricomycetes, dell’ordine Agaricales e della classe Basidiomycotina. Oltre a lepista nuda, un nome popolare con cui è comunemente conosciuto è il fungo «piede blu», per la tonalità bluastra o lilla della pianta del suo piede.

La Lepista  nuda  è un tipo di fungo di taglia media che può essere compresa tra 5 e 15 cm, il suo colore è blu violaceo, anche se con gli anni perde progressivamente quel tono. La sua parte superiore, il cappello, è piatta e carnosa, leggermente infossata al centro e con i bordi arrotolati.

Il gambo è cilindrico, ha delle strisce biancastre molto caratteristiche che lo differenziano dagli altri funghi, ed ha una finitura bulbosa alla base.

La Lepista nuda ha un profumo leggermente fruttato abbastanza gradevole. Per quanto riguarda il tipo di riproduzione, è prodotto da spore come qualsiasi fungo. Queste spore sono viola o bianche nel corso degli anni.

Possibile confusione con altri funghi

Il fungo del piede azzurro ha un vantaggio eccezionale, tutte le varietà della sua stessa famiglia, il Cortinarius Purpurascens, condividono un aspetto simile ed è molto facile confonderle. Il vantaggio è che nessuno di questi è dannoso per la salute, sono tutti commestibili, compresa la lepista nuda.

È comune che molti funghi abbiano una forma con una leggera depressione al centro del cappello o una striscia verticale sul suo gambo. Anche se ciò che lo differenzia dal resto dei suoi parenti è la forma a tendina che si crea sul suo piede, così come il tono ocra delle sue spore.

I funghi più comuni con cui viene spesso confuso sono i seguenti:

  • Lepista personata: la sua confusione è dovuta al fatto che ha un cappello ocra senza riflessi violacei, e il suo habitat è simile a quello della lepista nuda.
  • Lepista sordida: è di taglia più piccola, un po’ più slanciata, anche se meno consistente.
  • Cortinarius caerulescens: è comune confonderlo con questo tipo di fungo poiché presenta spore ocra, una cortina bianca o resti di colore simile alla nuda lepista, e un cappello con una depressione al centro.

Dove viene raccolto il fungo del piede blu?

Se questo tipo di fungo si caratterizza per qualcosa, è la sua versatilità, può essere coltivato in zone di pineta, accanto ad una quercia o ad un jaral, ma è comune coltivarlo anche in qualsiasi giardino. In genere abbonda in boschi di conifere o latifoglie di diverso tipo, è comune trovarli raggruppati in grandi gruppi.

Per quanto riguarda l’epoca di raccolta è un po’ più rigida, la si può trovare solo nel periodo che va dalla fine dell’autunno all’inizio dell’inverno, tra i mesi di novembre e l’inizio di dicembre. Al di fuori di questi mesi di raccolta, è comune che L epista nuda  acquisisca un colore ocra e una certa secchezza.

D’altra parte, se quello che ti interessa è avere un raccolto permanente nel tuo giardino, è abbastanza semplice, devi semplicemente seppellire il micelio che è stato precedentemente raccolto nella boscaglia e concimare il terreno in modo che cresca correttamente.

Se le condizioni di umidità e temperatura sono ideali per questo fungo, in uno o due anni il giardino o il prato produrranno un numero considerevole di esemplari.

Leggi tutto: fungo cardo: chiavi per riconoscere questo fungo commestibile

Usi in gastronomia di lepista nuda

Il  fungo del piede blu  non è tossico, è totalmente commestibile, anche se secondo alcuni che lo hanno provato e hanno uno stomaco sensibile, hanno sviluppato qualche tipo di intolleranza se non sono stati cotti abbastanza prima di essere mangiati. Un altro fatto che può condizionarne il consumo sono le basse temperature, se ci sono state forti gelate la loro qualità può calare drasticamente e sono abbastanza indigeribili.

Anche lo stato del suo substrato è fondamentale nella qualità finale del fungo, poiché se c’è un eccesso di umidità tende a impregnarsi d’acqua. Questo può far diventare la consistenza del fungo un po’ flaccida e quindi il suo consumo è sgradevole, anche se il suo sapore non varia notevolmente.

Nonostante questo, la Lepista nuda è un fungo che generalmente piace a tutti gli stomaci, ha un sapore delicato che lo rende utilizzabile praticamente in ogni tipo di stufato.

Come consiglio, la parte più gustosa è il cappello, quindi il resto sarà eliminato. È molto importante tenere presente che per evitare qualsiasi tipo di intolleranza bisogna cuocerlo a lungo, questo, oltre ad aiutare ad evitare ogni possibilità che si senta male, aiuterà a renderlo più morbido al momento del consumo.

Questo fungo ha un sapore carnoso che è perfetto per friggerlo a pezzetti con solo olio, sale, pepe o il condimento a scelta per fare una salsa. La Lepista nuda può anche essere l’ingrediente principale di una ratatouille di vari funghi, può essere incorporata in frittate francesi dando una consistenza diversa, fare una lasagna di funghi e verdure o aggiunta a sformati di carne o verdure.

Ha un sapore leggero, quindi non prenderà il sopravvento su tutto il sapore del piatto.

Quando si parla di utilizzo dei funghi in gastronomia si tende a pensare a una coppia, ma esiste una lunga lista di sconosciuti che possono avere sapore e proprietà simili, è il caso della Lepista nuda.

Il fungo del piede azzurro è un esempio della versatilità che i funghi possono avere nel mondo della cucina, dal momento che possono essere mangiati da soli o come condimento per innumerevoli piatti, non resta che sperimentare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.