Suggerimenti

Controllo e identificazione della mosca dell’olivo

Uno dei principali parassiti che colpiscono l’olivo è quello noto come  mosca dell’olivo, condizione rilevante e praticamente distribuita in tutta la zona olivicola dell’Europa e del Nord Africa. L’ agricoltura intensiva dell’oliveto ha significato maggiori strutture per la sua infestazione, motivo per cui in questo momento è l’insetto che colpisce maggiormente questa coltura.

Il suo nome scientifico è Bactrocera oleae, ed è noto a tutti come mosca dell’olivo o mosca dell’olivo. Questo dittero appartiene alla famiglia dei Tephritidae e sta estendendo sempre più il suo raggio d’azione, essendo stato identificato in alcune parti dell’Asia e più a sud dell’Africa.

È giunto il momento di fare riferimento alla » mosca dell’olivo «, considerata uno dei parassiti più rilevanti dell’oliveto, e negli ultimi anni il suo problema si è aggravato a causa dell’intensificazione e delle nuove tecniche di coltivazione che promuovono un ambiente più sostenibile. la sua proliferazione.

In questo articolo ti illustreremo le chiavi principali per identificare e controllare il danno della mosca dell’olivo, utilizzando diverse strategie che passano attraverso la cattura, i trattamenti ecologici e convenzionali, la lotta preventiva e persino l’uso di insetti ausiliari che possono aiutare a controllarlo.

Identificazione della mosca dell’olivo ( Bactrocera oleae)

Attualmente, la mosca dell’olivo è il principale parassita che colpisce l’olivo, poiché colpisce direttamente la qualità e il numero dei frutti, motivo per cui ci sono danni economici. Infatti, questo dittero viene preso in considerazione nelle strategie fitosanitarie dell’oliveto, insieme alle diverse forme di Prays ( Prays oleae) o tignola dell’olivo e quella nota come squama dell’olivo ( Saissetia oleae).

I danni provocati dalla mosca dell’olivo sono causati dalle larve che entrano nel frutto durante l’estate (soprattutto tra giugno e luglio) e ne pregiudicano la qualità e la produzione di olio.

Le zone con la più alta concentrazione di umidità e le più fredde d’estate, senza temperature eccessivamente elevate, sono quelle dove c’è una maggiore proliferazione della mosca dell’olivo. Dipenderà anche dalla varietà di uliveto, poiché ce ne sono alcuni che hanno una maggiore tolleranza al parassita.

Identificazione della mosca dell’olivo. Dipartimento dell’Agricoltura USA

L’identificazione del parassita viene effettuata come segue:

  • Adulto: tipica mosca lunga 4 o 5 mm, con una macchia nera sulla punta delle ali e un triangolo giallo sul dorso.
  • Uovo: di colore biancastro e di forma allungata, con una dimensione di 0,2×0,7 mm.
  • Larva:  dimensione media di 5 mm e colore biancastro. Si nutre della polpa dell’oliva e presenta 3 stadi larvali.
  • Pupa: le larve si pupano durante l’estate, e questo può avvenire nel terreno o nei frutti (i più comuni).

Ciclo biologico

Di solito presenta da 2 a 3 generazioni annuali. L’attività massima si raggiunge solitamente in autunno. Le  zone dove c’è maggiore umidità  sono le più soggette alla comparsa della mosca dell’olivo, meno comune alle latitudini con estati secche e temperature elevate.   La mosca dell’olivo trascorre solitamente i mesi più freddi dell’anno sotto terra, luogo che lascia tra i mesi di aprile e maggio.

Il ciclo si svolge come segue, con l’ultima generazione che ha un impatto maggiore sull’oliveto

  • L’insetto si protegge dalle temperature invernali come una pupa, solitamente sepolta nel terreno. Quando arriva la primavera (aprile e maggio), la riproduzione avviene insieme alle femmine, deponendo le uova all’interno del frutto, sotto l’epidermide ancora immatura.
  • Tra 17 e 28 giorni dopo, in media, il periodo larvale termina e le larve si trasformano in pupe all’interno del frutto, trascorrendo le ultime generazioni, prima dell’arrivo del freddo, nel terreno.

pedalare in inverno

Con il freddo, la pupa viene solitamente protetta nel terreno, nelle olive secche cadute o nella corteccia del tronco.

  • Terreni argillosi: profondità da 1 a 3 cm.
  • Terreni sabbiosi: profondità da 8 a 10 cm.

ciclo in estate

Con l’aumento della temperatura nell’ambiente e nel suolo, la pupa diventa un adulto che fa i suoi primi voli da giugno. Depone con la femmina, le cui uova si schiudono in meno di 3 giorni in condizioni estive (da 8 a 10 giorni in autunno). Le zone più fredde con la più alta umidità ambientale riducono la schiusa delle uova e limitano l’avanzata della mosca dell’olivo.

Varietà di olive più tolleranti

L’aspetto, la dimensione e lo spessore del frutto gli consentono di offrire una certa tolleranza alla deposizione delle uova che la mosca dell’olivo effettua in estate. Si tratta fondamentalmente di preferenze tra le varietà.

Gli ulivi meno ricettivi agli attacchi sono i seguenti:

  • Picual
  • Hojiblanca
  • Verdial di Huevar
  • Camomilla di Cáceres
  • Cellina di Nardò.

Le varietà con frutti più ricettivi e, quindi, più sensibili all’attacco della mosca dell’olivo sono:

  • Arbechina
  • Camomilla sivigliana
  • Blanchette
  • Verdial di Badajoz
  • cornicabra
  • Alfafara

Danni causati nell’oliveto

Il danno causato dalla mosca dell’olivo nell’oliveto è direttamente correlato alla perdita di qualità e di olio nei frutti, quindi è direttamente legato alla produzione finale e al rendimento economico.

Quando esegue la deposizione dell’uovo e lo sviluppo interno della larva, si nutre della carne dell’oliva. Le olive denocciolate hanno un punto brunastro visibile ad occhio nudo. Le larve creano gallerie all’interno e riducono il peso e la qualità del frutto fino al 30%.

D’altra parte, molti dei frutti colpiti cadono prematuramente dall’albero. A loro volta, i frutti che ancora vi rimangono, hanno una chiara perdita sia di qualità che di volume dell’olio prodotto.

Trattamenti per la mosca dell’olivo

A questo punto andremo a sapere quali strumenti abbiamo per la prevenzione e il controllo della mosca dell’olivo nel nostro uliveto, sia coltivato con mezzi biologici che convenzionali. Il primo punto è sapere quando è il momento migliore per effettuare trattamenti di patching o di riduzione della popolazione per questo dittero.

Tempo di trattamenti contro la mosca dell’olivo

Con l’aumento delle temperature, a partire da giugno, si effettuano i primi voli e la deposizione delle uova sui frutti in via di sviluppo. Inizialmente, è possibile posizionare trappole per analizzare il tasso di infestazione nella fattoria.

I trattamenti contro la mosca dell’olivo iniziano quando identifichiamo più di 1 cattura/giorno nel pigliamosche e il 60% è femmina. Se non abbiamo posizionato trappole, l’identificazione iniziale dei morsi sui frutti è sufficiente per effettuare la prima applicazione di insetticidi.

Esistono 2 modalità di applicazione a seconda del grado di attacco sui frutti:

  • Trattamenti patching (esche): è un metodo per prevenire la fuga degli adulti, prima che colpisca i frutti, irrorando solo il 25% della superficie dell’allevamento utilizzando esche attrattive (proteine ​​idrolizzate) e insetticida autorizzato. Le domande vengono solitamente effettuate nell’oliveto esposto a sud.
  • Trattamenti completi: utilizzando un insetticida autorizzato dal 7% dei frutti tritati.

Strategie di prevenzione

Le strategie di prevenzione della mosca dell’olivo prevedono l’eliminazione delle pupe che trascorrono l’inverno nel terreno, l’esecuzione di trattamenti su di esso o la lavorazione del terreno sotto gli ulivi prima della primavera per distruggere le pupe svernanti.

In piena produzione, l’anticipo della data di raccolta è importante per non perdere qualità nelle fasi finali.

insetticidi convenzionali

Dal 7% dei frutti colpiti è importante iniziare i trattamenti contro la mosca dell’olivo. Prima, abbiamo altre strategie come la cattura e i trattamenti con esche attrattive. Dato che gli insetticidi autorizzati cambiano rapidamente secondo le normative, è necessario scoprire quali prodotti sono autorizzati in Spagna e rispettare la raccomandazione di trattamento.

Leggi tutto:  Insetticidi autorizzati per il controllo della mosca dell’olivo.

Le strategie applicative passano attraverso applicazioni iniziali contro gli adulti, impedendo la deposizione sui frutti, o curative, applicate direttamente sulle larve.

insetticidi ecologici

Nell’oliveto ecologico, gli strumenti d’azione passano attraverso una strategia di prevenzione, cattura e patch. Per il controllo vengono utilizzate piretrine naturali autorizzate, sebbene la massiccia strategia di cattura in bottiglie di plastica con fosfato diammonio sia un’alternativa efficace.

lotta biologica

Il controllo biologico ha portato a una rivoluzione nel controllo di parassiti e malattie, soprattutto in ambienti controllati come le serre. All’aperto c’è ancora molta strada da fare, ma è una strategia molto interessante, soprattutto per l’agricoltura biologica.

Per controllare la mosca dell’olivo sono stati testati diversi insetti predatori o parassitoidi, tra i quali i più importanti sono:

  • Psytallia concolore
  • Eupelmus urozonus
  • Pnigalio mediterraneo
  • Euritoma Martelli
  • Cyrtoptyx latipes
  • Lasioptera berlesiana

sistema di patch

Il sistema di patching è davvero efficace quando le popolazioni di mosca dell’olivo salgono alle stelle. È efficace perché, insieme al trattamento insetticida, viene introdotta una proteina idrolizzata che attira adulti e femmine.

A livello ambientale riduce l’impatto dato che solo il 25% dell’azienda agricola è trattata, soprattutto esposta a sud. In questo modo si riduce notevolmente la popolazione adulta e, quindi, il numero di larve che andranno ad intaccare i frutti.

Trappole per mosche d’oliva

Soprattutto per l’agricoltura biologica è interessante l’uso delle trappole nelle fasi in cui l’adulto effettua il primo volo. Ci sono più trappole professionali che possiamo acquistare presso qualsiasi centro specializzato, ma possiamo realizzarle anche noi con bottiglie forate.

In esse vengono introdotte proteine ​​idrolizzate o fosfato diammonico, un importante attrattivo per questo parassita. La cattura di massa viene effettuata posizionando trappole o trappole per mosche (soluzione di fosfato biammonico al 3-4%), esposta a sud, utilizzando tra le 60 e le 80 bottiglie/ha.

Fonte d’informazione:

  • Junta de Andalucía, Servizio fitosanitario.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.