Suggerimenti

Bacillus thuringiensis e lotta biologica: alternativa agli insetticidi

Ciao a tutti agrohuerter! Come già saprai, ci sono diversi modi per controllare i parassiti e le malattie delle piante in modo ecologico , cercando sempre di garantire che questi metodi siano il meno dannosi possibile per l’ambiente. Nell’articolo di oggi vi parleremo della lotta  biologica , nello specifico su un batterio noto come  Bacillus thuringiensis (Bt) e di come questo batterio può aiutare in giardino ad eliminare parassiti e malattie . In questo modo avremo maggiori informazioni nella scelta di un prodotto per i nostri impianti e sapremo cosa stiamo acquistando.

Cos’è il Bacillus thuringiensis?

Ci dispiace dirvi che non esiste un nome comune più semplice per chiamare questo batterio, quindi dovremo abituarci al suo nome latino…

Bacillus thuringiensis è un tipo di batterio entomopatogeno, cioè può causare malattie infettive agli insetti. È un batterio classificato come “Gram positivo”, il che significa che ha un involucro cellulare specifico rispetto ad altri batteri noti come “Gram negativo”. Inoltre, è presente nel terreno . Pertanto, è necessario prendersi cura del contenuto microbiologico dei nostri terreni, attraverso il compost o altre tecniche.

Fu scoperto per la prima volta in Giappone nel 1902. Negli anni ’60, negli Stati Uniti, fu il primo microrganismo approvato al mondo come bioinsetticida . E, oggi, è uno dei prodotti di controllo biologico più utilizzati.

Vantaggi dell’utilizzo di Bacillus Thuringiensis

Il fatto che il Bacillus thuringiensis sia uno dei prodotti biologici di controllo dei parassiti  più utilizzati nell’agricoltura biologica non è casuale.

Questo batterio ha diversi vantaggi rispetto ad altri prodotti come quelli menzionati di seguito:

  • È un prodotto molto specifico. Rispetta quindi la fauna benefica presente nel giardino e non è dannoso per l’ambiente.
  • Non è tossico per l’uomo.
  • Molto efficace contro diversi bruchi.
  • I prezzi non sono molto alti.

Come funziona il Bacillus Thuringiensis

Il particolare modo di agire di questo bioinsetticida si basa sul momento della sporulazione (produzione di spore) dei batteri, cioè al momento della loro riproduzione (asessuale). Quando sporulano, producono una sorta di cristalli proteici noti con il nome di “delta-endotossine”. Queste tossine si attivano una volta che vengono ingerite dall’insetto e si “agganciano” nell’intestino. Nello specifico, provocano una rottura della membrana cellulare delle cellule dell’intestino e la successiva morte dell’insetto tra le 24 e le 48 ore dopo.

Trattamento dei parassiti con Bacillus thuringiensis

Come abbiamo detto prima, uno dei vantaggi di questo insetticida di controllo biologico o bioinsetticida è il suo uso efficace contro vari parassiti presenti in alberi da frutto, viti, ortaggi, conifere, querce, ecc.

Nei negozi di prodotti per il controllo biologico se ne trovano alcuni dove è scritto “insetticida biologico – Bacillus thuringiensis . A seconda del ceppo batterico, sarà più o meno efficace contro gli insetti. Pertanto, dobbiamo trovare quello che meglio si adatta al nostro problema.

L’ insetticida  Bacillus thuringiensis è generalmente utilizzato nel controllo delle tracce di farfalle e falene (Lepidotteri) larve di mosche e zanzare (Ditteri) e larve di coleotteri (Coleotteri).

Successivamente, presentiamo i principali parassiti che possono essere trattati con questo batterio.

Tuta absolu o falena di pomodoro

È uno dei principali parassiti del pomodoro che colpisce le parti aeree della pianta. I suoi sintomi più caratteristici sono la presenza di mine bianche sulle foglie o sui frutti che in seguito diventano marroni e necrotici. Questo parassita può colpire anche la coltivazione di melanzane o patate.

Ostrinia nubilalis o piralide del mais

Si potrebbe dire che la piralide del mais è uno dei parassiti più importanti di questa coltura. I bruchi di questo lepidottero danneggiano le orecchie e gli steli scavando tunnel al loro interno per nutrirsi.

Processionaria dei pini

I danni principali sono la defogliazione prodotta dall’alimentazione delle larve.

Altri insetti come: Pandemis heparana o tortrícido dei frutti e Eupoecilia ambiguella o falena della vite

Come nei casi precedenti, l’uso del Bacillus thuringiensis può essere molto efficace contro i bruchi dei tortricdos e la tignola della vite.

Quando e come applicare l’insetticida a base di Bacillus thuringiensis

La sua efficacia dipende fortemente da vari fattori come lo stile di vita dell’insetto, le condizioni atmosferiche o la concentrazione del prodotto utilizzato.

In ogni caso, dobbiamo tenere conto delle seguenti considerazioni quando lo applichiamo:

  • Quando le nostre piante sono secche .
  • Dal momento che vediamo la presenza di bruchi nelle nostre piante o preventivamente prima che le uova si schiudano.
  • Se dopo aver applicato il trattamento piove, attendere circa 12 ore e riapplicare.
  • Si consiglia di applicare la sera poiché i bruchi di solito si nutrono durante la notte.
  • I giovani bruchi o larve sono più suscettibili al trattamento.

Il resto dei requisiti dell’applicazione sarà specificato nel prodotto al momento dell’acquisto.

Se hai altri tipi di problemi con i bruchi, ecco il link all’articolo  Ho i bruchi sulle mie piante, come posso eliminarli.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *