Suggerimenti

Coltivare i porri in giardino passo dopo passo: guida completa

Ciao a tutti agrohuerter! Nell’articolo di oggi impareremo come coltivare i porri nei nostri giardini. Vedremo come preparare il terreno, quando seminare, di che cure ha bisogno e, infine, quando raccogliere.

CARATTERISTICHE DELLA COLTIVAZIONE DEL PORRO

Il porro è un classico tra i classici del nostro giardino. È un ortaggio molto versatile e quindi utilizzato in molti stufati nel nostro quotidiano. Il nome scientifico del porro è Allium porrum , appartenente alle famiglie delle lilaceae come la cipolla. È un panta originario delle regioni tra Europa e Asia.

Uno dei suoi vantaggi come coltura sono i pochi requisiti che richiede e il poco spazio di cui hanno bisogno per la sua coltivazione. Delle 3 parti della pianta si consumano solo il fusto e il bulbo.

COME COLTIVARE I PORRI IN GIARDINO

1. PREPARAZIONE DEL TERRENO

Come altre specie del nostro giardino, il porro non necessita di cure particolari. Tuttavia, è importante drenare adeguatamente il terreno e nutrire il terreno con il compost prima della semina. I suoli su cui cresce devono essere abbastanza neutri evitando alcalinizzazioni o eccessiva acidità nonché un eccessivo compattamento del terreno.

2. SEMINA

La semina va fatta in vivaio e preferibilmente a febbraio, anche se può essere coltivata anche da luglio a settembre. Si semina ad una profondità di circa 2 cm, richiedendo annaffiature immediate e mantenimento dell’umidità.

Quando crescono circa 15 cm e hanno più di 3 foglie, le piantine più robuste possono essere trapiantate nel terreno del giardino praticando una buca nel terreno di circa 15 cm e ricoprendo di sabbia. La separazione dovrebbe essere di circa 15 cm poiché sarà necessario lo spazio affinché i porri crescano forti.

3. CURA DI CUI DOBBIAMO TENERE IN CONTO

È una coltura abbastanza adattabile quindi resiste a climi abbastanza umidi e anche freddi, anche se la temperatura più consigliata è di 12-25 gradi. In ogni caso, l’incidenza diretta del sole nei climi molto secchi è sconsigliata.

Si consiglia, prima della semina, di concimare adeguatamente il terreno con compost correttamente decomposto. Di solito viene pagato 2 volte durante lo sviluppo dei porri.

Si consiglia di togliere la terra sotto il fusto per favorire l’imbianchimento dei nostri porri.

Alcuni professionisti consigliano di cimare o pizzicare, uno stile di potatura che consiste nel sezionare l’estremità apicale della pianta per evitare una crescita eccessiva.

4. IRRIGAZIONE E TRATTAMENTI

È una coltura che, sebbene non richieda grandi quantità di acqua, necessita di umidità più o meno costante, quindi annaffiature regolari e un corretto drenaggio sono importanti per evitare ristagni d’acqua. Per questo motivo si consiglia l’irrigazione a goccia con timer. In ogni caso, le esigenze irrigue dipenderanno sempre dal clima .

5. RACCOLTA DEL PORRO

Il momento migliore per raccogliere i nostri porri sarà di circa 5 mesi dopo la semina. È necessario che stiamo molto attenti ai nostri porri poiché altrimenti arriverà un punto in cui cominceranno a marcire, rovinando il nostro lavoro.

PARASSITI E MALATTIE DEL PORRO

Tra le malattie più importanti associate alla coltivazione del porro troviamo la mosca della cipolla che fa marcire i bulbi, il verme del porro che produce un ingiallimento delle foglie e ne favorisce il marciume, il coleottero della cipolla che buca le foglie, o nematodi.

Tra le malattie più importanti associate a questa coltura, è importante identificare anche la peronospora che genera macchie allungate sulle foglie, il carbonio della cipolla che colpisce direttamente le piantine impedendone il successivo trapianto al suolo, il marciume bianco o la variegatura del cipolla.

ASSOCIAZIONE DEL PORRO CON ALTRE COLTURE

È una coltura che va d’accordo con la maggior parte dei soliti abitanti del nostro orto come carote, sedano o pomodori. Uno dei motivi è che le carote respingono le farfalle di vermi porri, proteggendo le nostre colture dai parassiti precedentemente menzionati. Al contrario, ci sono specie che crescono male con i porri come i piselli o le barbabietole.

Se hai intenzione di coltivare di nuovo i porri e non vuoi acquisire nuovi semi, puoi lasciare che una delle piante cresca fino a quando non produce un fiore. In questo modo otterremo semi che potremo ripiantare quando lo riterremo opportuno. In ogni caso, e trattandosi di una coltura a ciclo lungo, si consiglia di attendere qualche anno prima di riprendere a coltivare sugli stessi terreni.

Per oggi è tutto, spero che l’articolo vi sia piaciuto e che stiate iniziando a coltivare porri nei vostri giardini. Puoi raccontarci le tue esperienze nei commenti. Ci vediamo al prossimo articolo!

Buona giornata!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.