Suggerimenti

Lepista personata (piede viola): scopri questo fungo commestibile

L’autunno e l’inverno ci portano acqua e freddo, ma anche la fantastica collezione di Lepista personata (piede viola) e poche altre molto apprezzate in gastronomia. Tuttavia, questo fungo ha caratteristiche speciali che lo rendono più resistente al freddo, motivo per cui lo possiamo trovare in aree specifiche del nord della Spagna.

In questo articolo vi racconteremo le cose più importanti sul fungo Lepista personata, comunemente noto come piede viola, a cui andremo ad aggiungere al nostro particolare elenco di piante e funghi.

Una specie apprezzata in gastronomia ma con particolari condizioni di manipolazione in cucina, in modo che conservi tutto il suo sapore.

Principali caratteristiche della Lepista personata

Il suo nome comune, piede viola, è dato perché il suo piede, a seconda dell’avvicinamento e dei raggi del Sole, ci lascia dei toni bluastri o violacei.   È un fungo basso, di aspetto robusto e con una base che si allarga man mano che raggiunge il suolo.

All’interno di Lepista, troviamo diverse specie correlate che sono facili da confondere una volta raccolte. Uno di questi, ad esempio, potrebbe essere Lepista nuda, conosciuta in alcune zone come bluefoot.

Lo stesso accade con Lepista sordida, che ha nel piede delle sfumature che variano tra il blu e il viola. Per non confondersi, i dati tecnici di questo fungo sono i seguenti. Non lasciarti trasportare dal suo nome comune, poiché può variare e causare confusione.

  • Nome scientifico:  Lepista personata (patatine fritte) Cooke.
  • Nome comune: piede viola, piede azzurro, inverni.

Morfologia principale del fungo del piede viola

Cappello

Ha una dimensione di 10 cm di diametro, stile appiattito e forma convessa, ruvida nella carne e abbastanza spessa. Texture liscia e colore tra il beige e il grigio.

Lenzuolo

Lenzuolo stretto e resistente, con piccole onde, ben attaccato al piede e beige. A seconda della luce in entrata, può offrire colori rosati o marrone chiaro.

Piede

Piede violaceo, abbastanza facile da identificare. Corpo spesso e resistente, con maggiore ispessimento man mano che ci avviciniamo alla base.

Carne

In gastronomia è apprezzato per avere un sapore delicato ma un aroma che spicca per la sua forza. Colore carne pallido e aspetto biancastro.

Principali specie di Lepista

  • lepista sordo
  • Lepista nuda
  • lepista personata
  • lepista flaccido
  • lepista irina
  • Lepista Rickenii
  • Lepista Luscina
  • lepista glaucocano

Dove possiamo trovarlo?

La Lepista personata  può essere raccolta nei mesi freddi del tardo autunno e dell’inizio dell’estate, in quanto offre un’ottima resistenza alle basse temperature (anche al gelo).

Lo troviamo con accrescimento spontaneo in zone montane, ai margini di pinete o boschetti alpini.

Il più comune è raccoglierlo a novembre, poiché c’è una maggiore presenza di esso. Tuttavia, possiamo trovare qualche piede violetto precoce nella seconda metà di ottobre e anche verso la fine di dicembre (soprattutto nelle zone meno fredde del bacino del Mediterraneo).

Principali confusioni con altri funghi

Poiché il caratteristico colore del piede offre una buona distinzione dagli altri, ci sono solo poche specie che possono causare confusione.

La maggior parte dei suoi casi provengono dal suo genere, Lepista, da cui hanno origine le confusioni.

Lepista nuda o Lepista glaucocana, anche se ha una tonalità leggermente più chiara, ma anche con una base viola. In bocca il suo sapore è molto più amaro di quello di Lepista personata.

Per volume di apparenza, L. nuda  è più facile da trovare e genera anche una certa confusione.

Per approfondire l’ identificazione di qualsiasi tipo di fungo o fungo  e conoscerne le principali caratteristiche:

Ricette con Lepista personata 

Quando mettiamo in bocca il fungo del piede azzurro, il suo sapore è molto inebriante, intenso e ci fornisce un gran numero di aromi. Solitamente viene utilizzato per accompagnare piatti a base di stufati e di cucina elaborata, poiché ha una consistenza carnosa e abbastanza succosa.

Puoi preparare un uovo strapazzato con patate, prosciutto (e salsiccia) e cipolla, oppure stufati che includono le patate come base principale.

Leggi tutto:  Guida micologica Macrolepiota procera

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.