Suggerimenti

Giardini domestici | Come fare un giardino di casa passo dopo passo

Vuoi una guida facile per sapere come realizzare un orto ? Oggi vedremo brevemente tutto quello che c’è da sapere per creare un giardino di casa passo dopo passo .

Ti lascio anche i link ad altri articoli con informazioni utili ed estese sui diversi aspetti da considerare per imparare a realizzare un orto in casa .

Come fare un giardino in casa passo dopo passo

Successivamente vedremo quali sono i passaggi per creare un orto familiare da zero. Il primo di tutto sarà progettare l’orto: lo spazio, le colture, l’irrigazione… e poi si potrà iniziare con la piantumazione e altri lavori per realizzare un giardino di casa .

1. Decidi il tipo di giardino

Se hai un giardino puoi installare il tuo giardino direttamente a terra o su terrazze rialzate come queste:

Se non hai tanto spazio o preferisci non chinarti per i lavori di giardinaggio, puoi mettere tavoli da coltivazione in terrazza o sul tetto, o anche installare un giardino nel patio , un vaso di fiori alle finestre o in qualsiasi altro luogo … Ci sono molte opzioni quando si scelgono i contenitori di coltura per fare un giardino (trova alcune idee digitando la parola “contenitori” nel motore di ricerca in alto a destra)

2. Scegli le colture

Ci sono molte possibilità, non solo le verdure e le verdure tipiche . Infatti, se includi fiori, aromi, siepi di frutti rossi o anche “sovesci” nel tuo giardino , puoi avere molti benefici, come il controllo di parassiti e malattie. L’abbiamo visto nel post Quali piante coltivare in giardino , quindi date un’occhiata se volete altre idee su come realizzare un giardino e cosa coltivarci dentro.

Nella scelta, oltre a pensare ai nostri gusti, può essere intelligente pensare a piante meno comuni in commercio (e quindi più costose). Lascio un elenco che ho tratto dal libro “Orto urbano sostenibile” (Pérez e Vázquez, 2013):

  • Piante facili da coltivare e relativamente più costose sul mercato : bietole, broccoli, zucchine, cavolini di Bruxelles, spinaci, frutti di bosco, fagioli di Lima, fagioli, rape, porri, barbabietole o piselli .
  • Altre piante da giardino facili da coltivare sono, ad esempio: aglio, cipolle, lattuga, ravanelli, bietole, piante aromatiche o erbe aromatiche e carote.

3. Scegli e pianifica la tua irrigazione

È molto importante pianificare l’irrigazione del giardino. Si tratta, ad esempio, di posizionare le piante in base all’acqua di cui hanno bisogno, raggruppando quelle che necessitano di più annaffiature e quelle che ne necessitano di meno. Quello nel caso in cui abbiamo un’irrigazione automatica, poiché se si tratta di un’irrigazione manuale ci irrigheremo a seconda delle esigenze di ciascuno.

Dovremo anche scegliere il tipo di irrigazione in base all’acqua disponibile, al tipo di giardino (in vaso, sui terrazzi, sui tavoli di coltivazione) e al tempo che abbiamo da dedicare al lavoro del nostro orto.

Nel post 6 tipologie di irrigazione per il tuo giardino o giardino  puoi vedere i principali metodi. Consiglio sempre i sistemi di microirrigazione con programmatore, come il nastro gocciolante, microaspersivo o trasudante, poiché fanno risparmiare molta acqua e sono più comodi e meno “schiavi” quando si tratta di annaffiare.

4. Decidi il posizionamento delle colture

Una delle chiavi per realizzare un buon giardino è scegliere il corretto posizionamento delle colture. Per fare ciò bisogna tenere conto di diversi fattori, come la corretta distanza tra le piante, o l’esistenza di compatibilità e incompatibilità tra le diverse specie.

Ad esempio, la separazione tra le piante di peperoni dovrebbe essere di circa 30-50 cm, tuttavia le carote possono essere distanti circa 10 cm l’una dall’altra. La separazione tra le piante dipenderà dal tipo di coltura (Maggiori informazioni a riguardo nel post Distanze di impianto: Quale distanza lasciare tra le piante in giardino .

È anche molto importante conoscere le associazioni benefiche e dannose di alcune piante con altre, per mettere insieme le piante “che vanno d’accordo” ed evitare di mettere vicine quelle incompatibili.

Di anno in anno utilizziamo la tecnica della rotazione colturale, cioè se un anno abbiamo messo su un terrazzo ortaggi da frutto come pomodori o peperoni, che sono piante abbastanza esigenti, l’anno successivo metteremo altre piante con meno requisiti , come come lattuga, o specie che arricchiscono il terreno come i legumi.

5. Preparare il terreno: substrato e compost

Se hai intenzione di allestire il giardino direttamente sul terreno, è molto importante  arare o rimuovere il terreno con una zappa o, più superficialmente, con un rastrello prima di piantare le colture . Questo viene fatto per rimuovere le erbacce e allentare il terreno. Se invece avete l’orto in vaso o sui tavoli di coltivazione, dovrete acquistare il substrato per i contenitori. In questo video Álvaro ci ha raccontato alcuni suggerimenti sui substrati:

Devi anche concimare in modo che le piante abbiano i nutrienti necessari e che possano crescere bene e dare buoni raccolti. Esistono molti modi per concimare il giardino, in questo link vi lascio alcune idee di concimi organici e naturali o concimi per l’orto di casa . Uno dei più completi è il compost , che, inoltre, può essere fatto in casa riutilizzando foglie secche, erba tagliata, scarti di potatura o scarti di cucina organici.

6. Semina e semina

Normalmente, soprattutto per chi è alle prime armi con la coltivazione dell’orto, è meglio realizzare prima dei semenzai o delle piantine invece di seminare direttamente nel terreno finale. Puoi acquistarli o utilizzare contenitori riciclati come ho fatto io:

In questo modo i semi germoglieranno più facilmente e saremo in grado di controllare e curare meglio ogni piccola pianta. Nel post Come fare un semenzaio in giardino  abbiamo visto le chiavi per procedere passo passo con la semina dei semi per l’orto.

Alcune settimane dopo la germinazione dei semi (dipende dalla pianta in questione) si consiglia di rimuovere con cura le piantine dai semenzai (con la “zolla radicale” o terra che circonda le radici), fare un piccolo foro nel terreno o contenitore definitivo e introdurre le piantine. Dopodiché, l'”irrigazione delle piantagioni” è molto importante.  Álvaro ci dà alcuni consigli sul trapianto in questo video:

7. Prevenzione di parassiti e malattie e “Lotta integrata”

Questo è un aspetto essenziale per il successo delle coltivazioni. Se si desidera un giardino ecologico privo di sostanze artificiali, la cosa più importante è prevenire parassiti e malattie per evitare l’uso di insetticidi chimici e fungicidi.

Per farlo si possono utilizzare biostimolanti per piante più sane e forti, pacciamatura o pacciamatura per l’orto, oppure coltivare insieme alle piante da orto  che, con il loro odore, respingono parassiti e malattie, come basilico, calendule e altre piante da fiore. 

Nel caso dell’agricoltura biologica è fondamentale la “ lotta integrata ”, un insieme di tecniche che uniscono la prevenzione a vari metodi ecologici contro parassiti e malattie, come trappole per insetti, preparati o rimedi naturali a base di estratti di piante, o l’uso di insetti utili o “nemici naturali dei parassiti”.

8. Compiti di coltivazione

Il diserbo delle colture è un lavoro molto utile per la maggior parte delle verdure e delle verdure in giardino. Il diserbo consiste nell’asportare il terreno con un piccolo rastrello o zappa. Per alcune attività di coltivazione come questa, ci sono strumenti di base che non possono mancare nel tuo giardino (scopri quali sono inserendo la parola “strumenti” nel motore di ricerca del blog, in alto a destra).

Un altro lavoro consigliato in alcune specie orticole è la potatura . Potare piante di pomodoro, piante di peperone o zucchine è molto buono per avere raccolti migliori. Con la potatura si ottengono solitamente frutti più grandi e di migliore qualità. (Se vuoi qualche consiglio su questo abbiamo anche alcuni post di blog sulla potatura di piante diverse).

L’ultimo lavoro di coltivazione è il raccolto. La raccolta deve essere effettuata nel momento ottimale di maturazione, che dipende da ogni tipo di pianta. Ci sono alcune colture orticole dalle quali otterrai anche più di un raccolto in ogni stagione, e altre che possono durare anche diversi anni, come quelle aromatiche. Utilizzare forbici da potatura e strumenti appropriati e tagliare l’ortaggio senza danneggiare il resto della pianta.

Il modo di raccolta è diverso per ogni tipo di verdura, quindi dai un’occhiata ai nostri file di raccolto se vuoi scoprire una pianta specifica.

Come fare un orto biologico

Abbiamo già visto in tutto il post alcune chiavi per l’agricoltura biologica (come la lotta integrata), ma se vuoi maggiori informazioni su come realizzare un orto biologico ti consiglio di dare un’occhiata alla voce Come realizzare un orto biologico e sostenibile”. giardino , dove troverete più idee per sostituire l’uso di fertilizzanti chimici e insetticidi con altri metodi ecologici. 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *