Suggerimenti

Come innaffiare un bonsai

Bonsai è una parola giapponese, che può essere tradotta come «piantato in un vaso», poiché è composta dalle parole «bon», vassoio, e «sai», cultivar. Si riferisce a una tecnica di coltivazione che consiste nel piantare alberi e arbusti in vaso, dando loro una certa forma in modo che assomiglino a versioni in miniatura di se stessi.

Attualmente, l’arte di fare bonsai è diffusa in gran parte del mondo e la sua pratica è un processo arduo e lento, ma molto gratificante. Una delle cose che cambia di più nella cura di un bonsai rispetto a un albero o arbusto coltivato in circostanze normali è la sua irrigazione. Se vuoi imparare quando e come annaffiare un bonsai correttamente, continua a leggere questo articolo di EcologíaVerde dove troverai una guida pratica sull’irrigazione dei bonsai.

Quando innaffiare un bonsai

Non esiste una regola universale quando si tratta di stabilire la frequenza di irrigazione dei bonsai. Questa decisione coinvolge fattori tanto vari quanto le esigenze specifiche della pianta, le dimensioni del vaso e il clima locale.

Per questo motivo, il miglior consiglio generale che possiamo darti è di annaffiare il tuo bonsai quando il substrato ha perso molta umidità. All’inizio, finché non impari a riconoscerlo ad occhio nudo, puoi usare il tuo dito o un bastoncino di legno. Affondalo nel terreno fino a circa due centimetri e controlla se il supporto che tocchi è asciutto o bagnato. Se è quest’ultimo va tutto bene, mentre se è asciutto è il momento di annaffiare. Non esagerare con le annaffiature, poiché se tieni il bonsai in un terreno troppo umido, le sue radici potrebbero finire per marcire o essere attaccate dai funghi.

Ovviamente, nella stagione calda dovrai annaffiare i tuoi bonsai molto più spesso che nella stagione fresca o fredda. Il momento migliore della giornata per annaffiare è al tramonto, in modo da evitare che le gocce d’acqua abbiano un effetto ingranditore e concentrino i raggi solari, bruciando e danneggiando la pianta.

Inoltre, molte specie di bonsai lo apprezzeranno se ne spruzzate le foglie settimanalmente o quindicinalmente, in modo da ripulirle dalla polvere e dallo sporco depositato, soprattutto se si trovano all’interno.

Come innaffiare un bonsai passo dopo passo

Esistono due modi principali per innaffiare i bonsai, con un annaffiatoio tradizionale o per immersione.

Come innaffiare un bonsai con un annaffiatoio

Se annaffiate in modo tradizionale, con la doccia, sceglietene una che abbia un soffione con fori molto fini, in modo che l’acqua cada a getti il ​​più fini possibile. In questo modo l’acqua è più ossigenata e non trascina né danneggia il supporto quando cade. Inoltre, i bonsai vengono solitamente annaffiati in due fasi:

  1. Effettuare una prima irrigazione superficiale il cui obiettivo è aprire i pori del supporto e migliorarne l’assorbimento.
  2. Effettuare la seconda annaffiatura una volta che l’acqua della prima è stata assorbita, e questa volta bisogna annaffiare abbondantemente, fino a quando tutto il terriccio è inzuppato e l’acqua fuoriesce dai fori di drenaggio della pentola.
  3. Se è in un vassoio, l’acqua in eccesso deve essere rimossa pochi minuti dopo l’irrigazione.

Irrigazione ad immersione nei bonsai

  1. Preparate un contenitore da riempire d’acqua, in cui immergerete i bonsai fino alla superficie della terra, non di più.
  2. Lasciarlo in acqua per circa 5 minuti, fino a quando le bolle smettono di uscire dal terreno, quando il terreno sarà completamente inzuppato.
  3. Trascorso questo tempo, togliere la pentola dall’acqua e lasciare che i fori di drenaggio rimuovano tutto l’eccesso.

La cosa più consigliata è alternare i due tipi di irrigazione del bonsai, poiché l’irrigazione per immersione è più completa e può sopperire alle carenze puntuali di un’irrigazione con un annaffiatoio non proprio ben fatto o aiutare il bonsai a recuperare se è passato molto tempo senza annaffiare essere annaffiato.

È inoltre importante utilizzare acqua piovana o acqua di osmosi, sia per l’irrigazione che per irrorare l’acqua sulle foglie, poiché l’acqua del rubinetto contiene elementi, come calce o cloro, che possono macchiare o danneggiare la pianta. Se non hai accesso a tale acqua, anche l’acqua di sorgente in bottiglia debolmente mineralizzata è una buona scelta. Se non hai altra scelta che usare normale acqua del rubinetto, lasciala riposare in un contenitore per 12-24 ore. In questo modo, i minerali e gli elementi indesiderati si depositano sul fondo, liberando il tuo bonsai da buona parte di essi.

Cura dei bonsai – guida di base

A parte la potatura, che è il pilastro principale nella creazione di un bonsai, vale la pena menzionare la sua principale cura. Poiché abbiamo già parlato dell’irrigazione, parleremo di altri punti importanti della cura dei bonsai:

  • Substrato: bisogna sceglierne uno leggero che non trattiene troppa umidità. Una miscela ampiamente utilizzata è una parte di pomice, una parte di roccia vulcanica e due parti di akadama, sebbene richieda annaffiature abbastanza frequenti.
  • Ubicazione e luce: l’ubicazione e le esigenze di luce del bonsai dipenderanno interamente dalle caratteristiche specifiche della sua specie. Pertanto, è fondamentale informarsi molto bene sulle esigenze specifiche della specie del piccolo albero che scegli al momento dell’acquisto in un negozio specializzato.
  • Trapianto: in modo simile alla luce e alla posizione avverrà con i trapianti, poiché dipenderà dall’apparato radicale e dalla velocità di crescita della pianta.

Per ampliare ulteriormente le tue conoscenze sulla cura dei bonsai, incluso come annaffiare un bonsai, ecco le guide pratiche per la cura di alcune specie specifiche, che sono abbastanza comuni nelle case:

Se desideri leggere altri articoli simili a Come innaffiare un bonsai, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.