Suggerimenti

Aspettativa di vita della pianta

Certo, le specie in giardino sono spettacolari, ma vi sarete già chiesti quanto durano le piante, quindi il ciclo vitale avrà un peso importante, perché non tutte durano allo stesso modo. Quindi cerchiamo di saperne di più su la durata di vita delle piante .

Anni di un impianto

L’aspettativa di vita di una pianta è determinata dalla spezia dell’ecosistema della pianta. Ma non si può negare che la maggior parte di queste specie hanno una lunga durata di vita, se hanno la giusta quantità di sole e di acqua. Anche se ci sono alcuni esemplari che vivono circa 20 anni.

Così, se la pianta comincia ad appassire nonostante le cure prestate, probabilmente ha raggiunto la sua durata di vita . Ma per capire meglio è necessario conoscere le categorie e il loro ciclo di vita.

Durata della vita della specie

Impianti annuali

Le piante annuali sono quelle che sono in grado di sviluppare il loro ciclo completo, cioè dalla nascita al seme alla fioritura e alla fruttificazione in un solo anno. Alla fine moriranno, lasciando i loro semi nel terreno. Dopo la prossima stagione si riprodurranno, ma con nuovi esemplari.

Queste specie sono piante erbacee a crescita rapida (fusto non legnoso). Tra queste ci sono le erbacce e alcune piante che sono molto comuni nel giardinaggio come calendule, tageti, girasoli, bocca di drago, e la gioia di casa.

Va notato che nei climi miti, gli annuali sono in grado di resistere all’inverno e di fiorire in primavera. Ma la qualità è bassa, quindi si raccomanda di sostituirli ogni anno. Ci sono anche altre specie che vengono coltivate come piante stagionali in luoghi dove le temperature sono basse.

Piante biennali

Le piante biennali, dette anche biennali, completano il loro ciclo di vita in breve tempo. Di solito lo fanno nel primo anno per svilupparsi, mentre nel secondo anno si riproducono, cioè fioriscono e fruttificano.

Le biennali sono meno numerose delle annuali. E alcuni casi sono in parte condizionati dal clima. Allo stesso modo, ce ne sono altri che vengono coltivati come annuali sfruttando solo le loro foglie o radici. Tra le biennali più utilizzate nel giardinaggio viole del pensiero, campanule, margherite da prato, alleli e violette.

Piante perenni e perenni

Questa sezione copre tutte le specie con un tasso di sopravvivenza superiore a due anni. Per questo motivo dovrebbero costituire la maggior parte del giardino.

Perenni

Il termine perenne e perenne è associato a piante erbacee e piccoli arbusti. In questo modo si distingue tra quelli che conservano la parte aerea in inverno e quelli che non la conservano.

Piante vive

Le piante perenni sono solo erbacee e optano per una strategia di cambiamento strutturale in vista quando arriva il freddo, rimanendo un po’ più delle loro radici. Germinano senza problemi quando le temperature aumentano. Idealmente dovrebbero essere combinati con piante da fiore invernali.

Impianti a bulbo

Le specie bulbose e le altre piante d’organo della riserva meritano una sezione a parte. Quando i bulbi hanno finito di fiorire e sono dormienti, possono essere dissotterrati e conservati fino alla stagione successiva. Passeranno attraverso diversi cicli e sarà anche possibile dividerli per ottenere nuovi esemplari.

Arbusti e alberi

Gli alberi e gli arbusti devono essere presi in considerazione. Ma vengono citati per la persistenza o meno delle loro foglie in inverno. Gli alberi decidui o caducifogli sono quelli che perdono le foglie in autunno e le conifere o i sempreverdi che le conservano.

Anche se gli alberi e gli arbusti sono solo specie con la capacità di lignificare, c’è una grande differenza nella durata. Così qui ci sarebbero vecchi alberi che possono vivere per mille anni.

Durata di vita delle specie artificiali

Le piante artificiali sono una grande idea per gli spazi senza doverci passare del tempo, ma sono per sempre? Una pianta artificiale è come un ornamento e, a seconda del materiale, durerà più o meno a lungo. Sebbene influisca anche sul suo utilizzo e sulla sua cura, sia per la pulizia che per l’esposizione al sole.

Le piante artificiali, se di buona qualità, possono durare fino a 5 anni in perfette condizioni se utilizzate correttamente. La pulizia è essenziale, ma il loro mantenimento non è paragonabile a quello di una specie naturale.

Esistono molti tipi di piante artificiali e possono variare a seconda del materiale di cui sono fatte. I più comuni erano fiori di plastica che non avevano un aspetto attraente (quindi erano molto finti). Ma oggi ci sono piante artificiali vere e proprie che è difficile dire che siano false.

E anche se non c’è paragone con piante naturali e artificiali, è importante sapere quanto durano per poter scegliere quella migliore.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.