Suggerimenti

Come riprodurre le ortensie

Le ortensie sono una delle piante ornamentali più apprezzate, poiché i loro capolini o infiorescenze, con fiori piccoli ma grandi nel loro insieme, sono tremendamente decorativi e sorprendenti. Trattandosi di piante con una grande diversità di tipi e varietà, è molto comune voler riprodurre una pianta specifica che abbiamo o abbiamo visto per goderne in misura maggiore. Per fortuna la propagazione delle ortensie non è difficile ed è sufficiente seguire alcuni passaggi e istruzioni affinché vada bene e senza problemi.

Se vuoi imparare come si riproduce la pianta dell’ortensia, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde in cui vedrai una guida pratica su come riprodurre le ortensie per talea e semi.

Quando riprodurre le ortensie

Il metodo più comune per riprodurre le ortensie è per talea, poiché permette una riproduzione più veloce e, in questo modo, siamo sicuri che la nuova pianta avrà le stesse caratteristiche di quella madre. E quando fare le talee di ortensie? Il momento ideale per raccogliere le talee di ortensie è dopo la fioritura, che normalmente avviene in autunno.

Se invece quello che stiamo cercando è piantare semi di ortensia, il periodo migliore per farlo sarà sia la primavera che l’autunno, a seconda del clima locale, in modo che le piantine non siano esposte a temperature molto estreme.

Riproduci le ortensie per talea

La tecnica del taglio è un modo di riprodurre piante in cui si taglia un piccolo ramo o stelo da una pianta madre per piantarlo e dare origine ad un nuovo individuo, geneticamente uguale al genitore e, quindi, con le stesse caratteristiche. Segui questi passaggi per riprodurre le ortensie per talea:

  1. La prima cosa che dovresti fare è tagliare il taglio, ovviamente. Assicurati di disinfettare le tue forbici da potatura, anche se puoi anche usare un coltello se è anche molto affilato e igienizzato. È molto importante che il taglio avvenga in sbieco, in diagonale, e che sia il più pulito possibile, in modo da facilitare alla pianta la guarigione della ferita senza essere attaccata da parassiti o malattie attraverso il punto debole.
  2. Per la moltiplicazione delle ortensie per talea è sufficiente ottenere uno stelo di almeno 10 cm, con almeno tre nodi e nuove gemme. Se lo stelo è molto lungo, da uno si possono ricavare più talee.
  3. Successivamente, vengono rimosse tutte le foglie dell’ultimo nodo del taglio, tagliandole alla base del nodo e lasciando solo la metà di quelle rimanenti. Grazie a questa pulizia delle foglie, riduciamo al minimo la disidratazione che la nuova pianta subirà a causa delle sue foglie.
  4. Conserva le talee tagliate in un asciugamano umido o carta assorbente in modo che non si secchino.
  5. La prossima cosa è preparare il substrato per il taglio. L’ideale è utilizzare una miscela come il semenzaio: torba, humus di lombrico e fibra di cocco in parti uguali, insieme a vermiculite e perlite. Anche l’ aggiunta di perlite e vermiculite a una miscela vegetale di terreno acido mescolata con sabbia dà buoni risultati.
  6. Una volta preparato il semenzaio o vaso con il nuovo substrato, praticate un foro con un bastoncino e potete procedere a piantare le ortensie tagliandole, inserendole nel composto per circa 2 cm. Puoi aiutarti con un po’ di ormone della crescita o con un radicamento biologico fatto in casa per aumentare le possibilità di successo del taglio.
  7. Dopo questo, sarà sufficiente annaffiare le talee e metterle in una zona riparata, all’ombra e con buona umidità. In circa 20 giorni, le talee di ortensia dovrebbero aver radicato, ma è meglio aspettare la crescita delle cime prima di trapiantare.

Riproduci le ortensie dai semi

Sebbene sia meno comune nella coltivazione delle ortensie, è possibile moltiplicare questa pianta anche in modo tradizionale: per seme. Segui questi passaggi per riprodurre le ortensie dai semi:

  1. Per iniziare, ovviamente, avrai bisogno dei semi. Come ottenere i semi di ortensia? La cosa più sicura è acquistarli da un vivaio di fiducia o da una pianta in buone condizioni che hai o qualcuno che conosci ha.
  2. Se pianti la tua ortensia in un vaso, scegli un contenitore di buone dimensioni con fori di drenaggio. Preparare un substrato ricco di sostanza organica, poiché queste piante ne hanno bisogno.
  3. Stendete i semi sul terreno o substrato e aggiungeteci sopra qualche centimetro di terriccio, quindi annaffiate con uno spruzzatore fine in modo che l’acqua non trascini i semi.
  4. È necessario mantenere un certo livello di umidità nel terreno fino a quando i semi non germogliano e le piantine non sono diventate forti, quindi è necessario annaffiare frequentemente, ma sempre senza allagare il substrato.
  5. È preferibile piantare in semenzaio o in una zona semiombreggiata in modo che, una volta che le piantine sono diventate forti, possano essere trapiantate nella loro sede finale, che deve essere illuminata. Il trapianto va effettuato sempre tra la fine dell’autunno e l’inizio dell’inverno, prima che la pianta esca dal riposo vegetativo.
  6. La cosa più importante nella cura delle giovani ortensie è mantenere annaffiature molto frequenti durante i primi o due anni di vita.

Ora che hai imparato a riprodurre le ortensie, ti consigliamo di leggere il resto delle guide che abbiamo a EcologíaVerde su queste piante:

Se desideri leggere altri articoli simili a Come riprodurre le ortensie, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.