Suggerimenti

Come innaffiare le piante in vacanza

Se sei uno dei fortunati che ha preparato un viaggio di vacanza, ci congratuliamo con te, ma hai già pensato a cosa farai con le tue piante? Stare lontano da casa per diversi giorni o addirittura settimane può essere un disastro per le nostre piante poiché, a seconda della specie, stare così a lungo senza annaffiature o cure può essere fatale, soprattutto nei caldi mesi estivi e nei mesi più freddi dell’inverno.

In questo articolo di EcologíaVerde, ti insegneremo come annaffiare le piante in vacanza in modo da evitare di dover chiedere a qualcuno di prendersi cura di loro per te.

Come innaffiare le piante in vacanza con un cordone

Innaffiare le piante con lana o spago è uno dei trucchi più conosciuti e più utilizzati per questo tipo di situazioni e, inoltre, è molto facile da preparare. Devi solo seguire questi passaggi:

  1. Metti un contenitore pieno d’acqua vicino alle piante che stai per annaffiare. È importante che il contenitore sia sopra le pentole, quindi puoi posizionarlo su un supporto che lo tenga in piedi.
  2. Prendete i lacci delle scarpe o dei lunghi pezzi di spago o di lana e mettete l’estremità di ciascuno di essi affondata nell’acqua, cercando di raggiungere il fondo del contenitore, e gli altri lati sepolti nel substrato dei vasi da annaffiare, vicino alle radici.
  3. Il cavo assorbirà l’umidità, che verrà poi assorbita dal terreno alla velocità di cui ogni pianta ha bisogno.
  4. Un’altra opzione è utilizzare un tubo o un tubo di gomma, come si vede nell’immagine principale di questo articolo.

Come fare un’irrigazione a goccia per annaffiare in vacanza

Un’altra opzione di irrigazione per le piante in vacanza è la nota irrigazione a goccia. Segui queste istruzioni e vedrai che è molto facile raggiungerlo:

  1. Prendi una bottiglia o un contenitore di plastica grande e fai dei fori molto piccoli su uno dei suoi lati. Questi dovrebbero essere fori delle dimensioni della testa di un ago sottile, quindi puoi usarne uno per realizzarli.
  2. Ora devi solo seppellire la bottiglia accanto alla pianta che vuoi annaffiare, con i fori rivolti verso di essa. Lasciarlo pieno d’acqua e inzupperà la terra goccia a goccia attraverso i fori praticati.
  3. Se la pianta da annaffiare non necessita di grandi quantità d’acqua, puoi anche limitarti a posizionare il contenitore forato a terra senza interrarlo, ma tieni presente che in questo caso le gocce scivoleranno semplicemente fino al terreno in superficie, e dovrai fare i buchi nella base.

In questo altro articolo di EcologíaVerde ti mostriamo di più su Come realizzare un sistema di irrigazione a goccia fatto in casa.

Come usare una bottiglia per innaffiare le piante in vacanza

Se le tue piante hanno bisogno di molta acqua o resistono bene all’umidità e non starai via per molti giorni, un altro metodo è il sistema di irrigazione a bottiglia rovesciata:

  1. Scegli una bottiglia con un collo stretto.
  2. Riempilo d’acqua.
  3. Seppellirlo a testa in giù nella pentola da annaffiare, cercando di interrare abbastanza parte in modo che rimanga ben inchiodato.

Tieni presente che l’utilizzo di questo sistema implica che il terreno riceva una maggiore quantità di acqua, quindi l’irrigazione si esaurirà prima e il terreno si bagnerà abbastanza. Per questo motivo, non è consigliabile utilizzare il sistema a bottiglia rovesciata con piante che sono vulnerabili all’attacco fungino a causa dell’umidità eccessiva.

Come usare l’acqua gel per irrigare in vacanza

Un’altra tecnica per innaffiare le piante in vacanza che si è rivelata molto efficace è l’acqua gel o l’idrogel per innaffiare le piante, sia per vasi che per terriccio. È un composto che include acqua e sostanze nutritive per le piante e può essere acquistato sotto forma di tubo iniettore, perle o cristalli. Controlla sempre le indicazioni sulla confezione del prodotto al momento dell’acquisto, così saprai esattamente quale quantità utilizzare nel caso delle tue piante.

Quando il terreno si asciuga, l’idrogel rilascia acqua e quindi la annaffia di nuovo e rende più facile per l’acqua raggiungere le radici delle piante.

Immagine: Portalfruticola

Come usare i coni in ceramica per innaffiare le piante

I coni in ceramica sono un’altra ottima opzione se stai per assentarti da casa per diversi giorni in vacanza o per altri motivi. Questo materiale con cui sono realizzati è poroso e, grazie a questo, permette il lento passaggio dell’acqua al suolo, come un gocciolatoio. Esistono però dei coni di diversi materiali, a seconda della porosità che ci serve per il tipo di pianta che abbiamo, a seconda che di solito necessiti di più acqua o meno.

Inoltre, ci sono due tipi di sistemi: coni per irrigazione a tubo o coni per irrigazione a bottiglia, come puoi vedere in queste immagini.

Immagine: vivasprojardin

Come usare i bulbi per annaffiare le piante

Questa è una soluzione molto semplice per innaffiare le piante in vacanza e, allo stesso tempo, può essere molto decorativa. I bulbi di irrigazione sono realizzati in vetro soffiato e hanno una parte tonda, o con una figura decorativa, in cui si accumula l’acqua e un’altra parte che è un lungo tubo che si conficca nel terreno ed è da dove viene rilasciata l’acqua a poco a poco, secondo il bisogno della terra. Pertanto, funzionano come bottiglie o coni, ma possono essere più decorativi.

Come utilizzare fioriere idro o vasi autoirriganti

Questi vasi sono tra i più innovativi sul mercato e, grazie alla loro tecnologia, ti permetteranno di annaffiare le tue piante in vacanza senza alcuna difficoltà. Hanno un serbatoio per l’acqua e rilasciano quest’acqua a terra in base alle esigenze delle piante.

Naturalmente, non è l’opzione più economica di tutte quelle mostrate, ma è molto efficace, sicura e decorativa, poiché i vasi hanno un design moderno e non sono visibili dispositivi di irrigazione aggiuntivi, come lampadine, cavi o coni. Pertanto, l’uso di vasi autoirriganti o idro-fioriere per una o poche piante può essere un’ottima scelta o per tutte le piante di cui hai bisogno se non sei preoccupato per il budget.

Prendersi cura delle piante in vacanza

Ci sono altre misure che puoi adottare per assicurarti che le tue piante siano le migliori possibili quando torni. Segui questi suggerimenti per prenderti cura delle piante in vacanza:

  • Uno dei più importanti è cercare di raccogliere tutte le piante nella stessa stanza, in un’area dove puoi proteggere le piante dal freddo e dal caldo eccessivi. Per fare ciò, si consiglia una stanza asciutta, con la metà cieca sollevata in modo che entri un po’ di luce, ma non abbia un’incidenza diretta. Assicurati che non ci siano nemmeno forti correnti d’aria, che sono molto dannose per alcune specie.
  • Naturalmente, è anche altamente raccomandato lasciare le piante in uno stato il più ottimale possibile quando esci, quindi rimuovi eventuali tracce di foglie o steli secchi. Puoi anche fare un po’ di potatura igienico -sanitaria, che aiuterà a ridurre il consumo di acqua delle tue piante.
  • Inoltre, un trattamento insetticida preventivo potrebbe salvarti dalla paura al tuo ritorno. Se una qualsiasi delle tue piante tende ad essere attaccata da un particolare parassita, agisci prima che accada, o quando torni potrebbe essere troppo tardi. La maggior parte dei parassiti può essere combattuta con rimedi organici ed ecologici, quindi potrebbe non essere necessario ricorrere a sostanze chimiche. In questo altro post su Come fare insetticidi naturali per le piante, puoi vedere le opzioni da fare a casa.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come innaffiare le piante in vacanza, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.